pubblicato il

L’accessibilità ai servizi è un diritto che va difeso, per tutti


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Penso che sia molto positivo che sempre più si affronti il tema dell’accessibilità in ogni settore. E’ importante che le persone che presentano disabilità, minori funzionalità o semplicemente esigenze particolari dovute al loro stato siano messe in condizione di fruire pienamente di beni e servizi, senza venire considerati cittadini di serie B.  Stiamo parlando di circa 80 milioni di cittadini europei che devono affrontare limitazioni all’accesso non solo al mercato del lavoro, a beni e servizi, ma perfino alla sanità e all’educazione.

Guardate il mio intervento in aula che riflette la posizione del Movimento 5 Stelle. Un po’ alla volta cambieremo l’Europa!

Qui di seguito il mio intervento completo:

Penso che sia molto positivo che sempre più si affronti il tema dell’accessibilità in ogni settore. E’ importante che le persone che presentano disabilità, minori funzionalità o semplicemente esigenze particolari dovute al loro stato siano messe in condizione di fruire pienamente di beni e servizi, senza venire considerati cittadini di serie B.  Stiamo parlando di circa 80 milioni di cittadini europei che devono affrontare limitazioni all’accesso non solo al mercato del lavoro, a beni e servizi, ma perfino alla sanità e all’educazione.

Senza contare che le misure di adeguamento, oltre a migliorare la vita di milioni di persone, permettono a queste stesse persone accedere a beni e servizi, espandendo così il mercato di beni e servizi con evidenti benefici per tutte le parti coinvolte.

L’iniziativa di uniformare i requisiti tecnici richiesti alle aziende per rendere più semplice ed uniforme l’adeguamento è perciò un’iniziativa che va sostenuta. Nel farlo però, dobbiamo anche fare in modo che non vi sia un eccesso di prescrittività che potrebbe rendere le norme troppo rigide e quindi prive di quelle flessibilità necessaria per far sì che si possano adattare alle innovazioni future, che nel campo della tecnologia procedono a grande velocità. La possibilità di sperimentare soluzioni originali è spesso, al contrario, proprio la chiave dell’avanzamento in questo settore.

Dobbiamo in questo senso tenere presente le esigenze delle piccole e medie imprese, ad esempio, per fare sì che i troppi oneri non diventino un problema che ne comporta l’uscita dal mercato, invece di uno sprone al miglioramento. Se i 5 anni previsti per l’adeguamento potrebbero essere sufficienti a modificare conformemente la produzione le aziende di medie dimensioni, dobbiamo però interrogarci sulla possibilità di prevedere delle eccezioni per le microimprese, la cui struttura potrebbe non essere sufficiente.

Allo stesso modo, andrebbe meglio esplorata la possibilità dell’autocertificazione: potrebbe essere una misura positiva se serve a snellire il procedimento burocratico, a patto però che i controlli e le verifiche siano serie e severe per evitare scappatoie e danni al consumatore.

Infine riguardo la questione della “accessibilità dell’ambiente inglobante”, l’accessibilità del bene o del servizio non può non considerare l’ambiente circostante. È inutile, per esempio, avere uno sportello che rispetta le norme sull’accessibilità se poi lo sportello non é fruibile per qualche impedimento.

La relazione fornisce moltissimi spunti e sono sicuro che potremo lavorare molto bene con il relatore per arricchire la proposta.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Per un Friuli Venezia Giulia a 5 stelle sosteniamo il candidato presidente Alessandro Fraleoni Morgera!

Un Friuli Venezia Giulia con meno sprechi, con più lavoro e innovazione, attento all’ambiente e allo sviluppo, è un Friuli Venezia Giulia a 5 Stelle. Sosteniamo il nostro candidato Presidente Alessandro Fraleoni Morgera – MoVimento 5 Stelle! ⭐

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

In Brasile per verificare i sistemi di qualità e tracciabilità dell’agricoltura e della zootecnica

Proprio un anno fa scoppiava il caso internazionale della #CarneAvariata proveniente dal Brasile, sul quale io stesso più volte intervenni in Parlamento. Oggi sono qui in Brasile con la Commissione Agricoltura per andare ad analizzare il più possibile a fondo lo stato dell’arte del settore agricolo e zootecnico brasiliani, il livello dei sistemi sanitari di controllo e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Nell’agroalimentare premiamo la qualità: i nostri agricoltori devono tornare a fare reddito

Ieri ho incontrato i rappresentanti di Confagricoltura Rovigo in Parlamento europeo per ascoltare quali difficoltà affrontano i nostri agricoltori. Spesso infatti, dietro a dei prodotti italiani di altissima qualità ci sono degli agricoltori che fanno fatica a fare reddito a causa di normative europee che di fatto penalizzano la qualità dei controlli svolti in Italia. Di conseguenza▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Malles, sospeso lo stop ai pesticidi

A Malles, grazie ad un provvedimento del Tribunale Amministrativo Regionale, è caduto il divieto del Comune all’uso dei pesticidi in agricoltura: sarebbero infatti troppo alti i rischi per le coltivazioni, nel caso il fermo ai prodotti fitosanitari si protraesse più a lungo. Dopo il referendum del 2015 che aveva decretato la messa al bando di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare