pubblicato il

Malles 3 – Pesticidi 1. Il TAR dà ragione ai cittadini


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Malles è stata una delle mie prime mete che ho visitato da quando ho iniziato a lavorare qui in Parlamento europeo. E’ un paese delizioso in Val Venosta il cui territorio vive principalmente di agricoltura. Un paese inserito in una vallata splendida, apparentemente intonsa, ma in realtà problematica proprio dal punto di vista della salute per i suoi abitanti. Infatti lì l’agricoltura è predominante, la coltivazione intensiva delle mele è nota, ma molte coltivazioni sono gestite in modo del tutto tradizionale con l’utilizzo dei pesticidi. Ci pensa poi il vento, che lì abbonda, a fare il resto propagando quei veleni nella vallata, anche sui campi di quei valorosi agricoltori che hanno scelto di coltivare in modo biologico. Ecco perché sono andato lì da subito, ci tenevo ad incontrare i cittadini che eroicamente stavano lottando per tutelare la loro salute e per dare loro un sostegno proprio in concomitanza del referendum che un comitato locale ha proposto al comune di Malles e che successivamente è stato fortemente sentito con un’affluenza record (oltre il 69%) e il 76% dei voti a favore dello stop.

Beh, le cose nella vita non sono mai semplici, soprattutto quelle importanti e così, un nucleo di 44 agricoltori che non ha accettato questo verdetto popolare si è rivolto al Tar, bloccando, almeno temporaneamente l’esito del referendum. La sentenza però è arrivata qualche giorno fa e ritengo sia da considerarsi una grande vittoria per il comitato dei cittadini presieduto da Johannes Fragner Unterpertinger, il farmacista della cittadina, e anche per il sindaco Ulrich Veith che caparbiamente ha lottato per far sì che le scelte dei suoi cittadini attraverso il referendum venissero rispettate.
malles

E’ vero, c’è ancora la possibilità che gli agricoltori sconfitti possano ricorrere al Consiglio di Stato, ma questa sentenza è doppiamente importante, perché proviene da un territorio che oggetto di interessi economici industriali rilevanti e perché veder rispettata la volontà dai cittadini attraverso lo strumento più democratico che è il referendum popolare fa ben sperare.
Perchè 3 a 1 vi chiederete ? Perchè l’impegno dei cittadini + il l’impegno del sindaco + l’esito del referendum fanno 3, e dall’altra parte il ricorso (perso) al Tar fa 1.

Link al post sulle ragioni del comitato: https://marcozullo.it/malles-vinto-le-ragioni-del-referendum-contro-luso-dei-pesticidi-2/


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Vivere oltre i limiti della natura: l’Italia va incontro all’Overshoot Day

Secondo il report del WWF e del Global Footprint Network il 15 maggio per l’Italia sarà l’Overshoot Day, data simbolica che segna l’esaurimento della biocapacità del nostro territorio, ovvero la capacità degli ecosistemi di rinnovarsi nell’arco di un anno e fornire servizi indispensabili quali cibo, fibre, legname, terreni e capacità di assorbimento del carbonio. Questa▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato e Bayer: arriva la terza condanna

La casa farmaceutica Bayer perde, per la terza volta consecutiva, il processo sul Roundup, diserbante prodotto dal colosso americano Monsanto, ora controllato dalla stessa società tedesca. Il tribunale superiore di Oakland, California, ha dichiarato che l’azienda non ha adeguatamente esplicitato i rischi legati all’utilizzo del prodotto. La giuria ha quindi condannato Bayer al risarcimento di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: una agricoltura sostenibile

Gli scienziati stimano che se non ci fossero le api, mancando la loro opera di impollinazione, ci troveremmo in un mondo senza numerosi frutti e verdure, come pere, mele, zucche, angurie, kiwi, zucchine, pesche, albicocche e molto altro. Così centinaia di specie di piante scomparirebbero e la sopravvivenza del genere umano sarebbe a repentaglio. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare