pubblicato il

Wi-Fi gratuito: il 15 maggio sarà pubblicato il Bando europeo


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

E’ un’ottima notizia quella relativa al bando europeo WiFi4EU per introdurre il Wi-Fi gratuito negli spazi pubblici dei piccoli Comuni: è fondamentale che i Comuni non perdano questa importante iniziativa e si preparino per tempo a presentare immediatamente la propria candidatura nel momento in cui uscirà il primo bando, il 15 maggio 2018 alle ore 13. I fondi, infatti, verranno distribuiti secondo il principio dell’equilibrio geografico e della modalità “a sportello”,  “first come, first served” (primo arrivato, primo servito).

L’ accordo prevede uno stanziamento di 120 milioni di euro che saranno distribuiti tramite voucher, entro il 2020, agli enti pubblici locali per una copertura totale prevista tra i 6.000 e 8.000 comuni in tutti gli Stati membri. La  Commissione ha annunciato che la prima tranche di finanziamenti pilota dell’iniziativa WiFi4EU verrà aperta a metà maggio con un investimento iniziale di 15 milioni di fondi europei sotto forma di voucher da 15.000 euro ciascuno.

Il voucher coprirà i costi per le attrezzature e l’installazione degli hotspot Wi-fi. I Comuni che ne beneficeranno dovranno coprire  i costi per la connessione e il mantenimento dell’infrastruttura per offrire una connessione Wi-fi libera e di alta qualità per almeno 3 anni. Il nostro gruppo chiederà di prorogare questa iniziativa anche oltre il 2020.

Tra le priorità del Movimento 5 Stelle c’è proprio l’accesso a Internet in modo libero e gratuito ovunque, e questa iniziativa e la sua futura continuazione assume un’importanza rilevante.

Non da ultimo mi preme sottolineare il fatto che questo progetto andrà a creare innovazione e posti di lavoro nelle comunità locali dal momento in cui vi sarà il coinvolgimento delle PMI locali per l’installazione e la manutenzione dei servizi Wi-Fi.

Cliccate qui per le domande e le risposte elaborate dalla Commissione e per chiarire tutti gli aspetti dell’iniziativa oppure.

Qui trovate la lista dei Comuni italiani ammessi a partecipare.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne

Mercoledì 13 giugno, un giorno importante per l’Unione Europea che ha festeggiato il primo anno dalla firma della “Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica”, o più semplicemente detta “Convenzione di Istanbul”. Questo documento costituisce il primo vero strumento internazionale che considera▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Nell’agroalimentare premiamo la qualità: i nostri agricoltori devono tornare a fare reddito

Ieri ho incontrato i rappresentanti di Confagricoltura Rovigo in Parlamento europeo per ascoltare quali difficoltà affrontano i nostri agricoltori. Spesso infatti, dietro a dei prodotti italiani di altissima qualità ci sono degli agricoltori che fanno fatica a fare reddito a causa di normative europee che di fatto penalizzano la qualità dei controlli svolti in Italia. Di conseguenza▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Personalità giuridica alle macchine: verso che futuro ci stiamo muovendo?

In questi giorni in Parlamento europeo si parla di robotica ed intelligenza artificiale. Infatti,con il rapido evolversi dell’intelligenza artificiale, i robot sono entrati nella seconda fase della loro evoluzione e stanno diventando delle macchine capaci di imparare dalla loro esperienza e dunque capaci di affrontare nuove situazioni sulla base di essa. Da qui è nato il dibattito▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Fondi strutturali di coesione: no ai tagli indiscriminati, sì ai risparmi mirati e meno burocrazia

La Commissione europea sta prefigurando uno scenario davvero drastico in merito ai tagli dei fondi di coesione. Dal mio punto di vista quella della Brexit è ormai una scusa, perché sono previsti tagli davvero elevati a fronte dei reali costi della Brexit. Lo stesso approccio viene mantenuto anche per ciò che riguarda i tagli dei fondi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare