Addio Rag. Fantozzi, ci ha lasciati soli con il Perito Poletti

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi si incrociano due notizie, quasi per caso, entrambe tristi ed entrambe fatalmente collegate tra di loro. La prima è la morte di Paolo Villaggio, il geniale creatore del Rag. Ugo Fantozzi, e l’altra la ripresa della disoccupazione, soprattutto di quella giovanile, ammesso e non concesso che negli ultimi anni ci sia stato in qualche raro momento un aumento dell’occupazione, cosa che in realtà non è.

Le 2 notizie sono fortemente connesse da un’unica parola: ”lavoro”. Villaggio ha rappresentato nel corso degli anni in modo magistrale il mondo del lavoro, quello frustato e frustrante, quello che non ti fa dormire di notte per le tensioni che hai accumulato durante il giorno, l’STAT invece con il suo rapporto periodico oggi rappresenta una frustrazione altrettanto forte e diffusa, quella del lavoro che non c’è, quella del precariato, quella del lavoro a termine, dell’Italia bloccata che non riparte, quella dei familiari, dei nonni che di fatto sono i veri ultimi ammortizzatori sociali di questo paese scalcinato e maltrattato.

In tutto ciò abbiamo al Governo il due volte Ministro del lavoro e delle politiche sociali del Governo Renziloni, il perito agronomo Poletti, che nel corso della sua folgorante carriera ha indicato più d’una strada ai disoccupati e ai giovani in cerca di prima occupazione, ovvero: ”ci sono persone andate via e che è bene che stiano dove sono perché questo Paese non soffrirà a non averli più fra i piedi”, “oppure giocare a calcetto serve di più che inviare curriculum”, o anche “accettate qualsiasi voto all’università, tanto il voto serve a nulla e la laurea a 28 anni è inutile”. Detto da lui che la laurea manco ha provato a cercarla è una garanzia.

Potete immaginare come questo paese possa risorgere dalle proprie ceneri guidati da questa concentrazione di luminari, come Poletti o la Fedeli, i quali non solo non hanno titoli, ma neppure, cosa ben più grave, una visione, un progetto, praticamente il nulla.

Caro Rag. Fantozzi, lei quantomeno ci ha raccontato un’Italia vera e sofferente, tragicomica e laboriosa, almeno ci ha fatto ridere di gusto e pensare.
Cosa dice, lasciare il Paese in mano a questi non “è una cagata pazzesca?”

Ti potrebbe interessare anche


Salviamo l’agricoltura italiana! #StopCETA

Il CETA minaccia l’agricoltura italiana e il Made in Italy: oltre 4 mila cittadini, tra agricoltori, consumatori, attivisti e sindacalisti, si sono radunati ieri a Roma per chiedere al Senato di dire NO al CETA, l’assurdo trattato di libero scambio tra l’Europa e il Canada.   Con l’eliminazione di quasi tutti i dazi doganali sui … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Bollino rosso per il Made In Italiano

Purtroppo sono costretto a tornare sul discorso delle etichette “a semaforo” da poco autorizzate anche in Francia e che causano gravissimi contraccolpi per il mercato italiano. Sapete di cosa si tratta? Di un’etichetta per i generi alimentari che utilizza i colori per indicare al consumatore la presenza e la quantità di determinate sostanze nel cibo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


In Senato il CETA non deve passare!

Fermiamo l’accordo che i partiti hanno approvato tradendo i cittadini. L’ho detto più volte e continuo a ribadirlo: il CETA distrugge le piccole e medie imprese italiane a favore delle grandi multinazionali e mette a rischio il sistema di garanzie che tutelano consumatori e agricoltori. Il CETA non porterà nessun beneficio alla nostra crescita economica, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Made in Italy in Cina: non ci stiamo a nessun accordo al ribasso

L’Unione europea e la Cina hanno pubblicato due elenchi di indicazioni geografiche europee la cui protezione sarà oggetto di un accordo bilaterale da concludersi entro 2017. L’Italia ha 293 eccellenze agroalimentari tutelate dai marchi IGP e DOP. Negli elenchi ne sono presenti solo 26 già garantite e una trentina sotto valutazione da introdurre non prima … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare