Agricoltura: l’Europa tira da una parte, i cittadini dall’altra

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Mentre il Commissario Oettinger, ovvero la Merkel in uno dei suoi migliori travestimenti, dichiara che il buco miliardario creato dalla Brexit e quindi dalla mancanza degli introiti britannici lo deve pagare con lacrime e sangue principalmente il comparto agricoltura, esce il risultato della consultazione dei cittadini europei sulla PAC, ovvero sulla Politica Agricola Comune.

Sì perché dovete sapere che prima di tirare dritto per la loro strada questi signori fanno anche la consultazione pubblica sulla “modernizzazione e semplificazione della politica agricola comunitaria”, per farci sentire tutti coinvolti.
Francamente credo che l’uscita di Oettinger di qualche giorno fa in cui sosteneva che a tappare le falle del bilancio europeo sarà principalmente l’agricoltura, non era altro che un modo per anticipare che la Commissione va per i fatti suoi, indipendentemente dalle scelte e dalle indicazioni dei cittadini. Anche perché, così arrivo all’esito della consultazione, gli stessi cittadini hanno richiesto senza mezzi termini cibo sano e di qualità, agricoltori più rivolti alla tutela dell’ambiente, alla salvaguardia del clima, e a investire maggiormente nella tutela e valorizzazione delle aree rurali.

Questo è il nucleo di ciò che è emerso dalla consultazione, almeno a quanto ci riferisce il Commissario Hogan, e credo che dobbiamo ascoltare attentamente questa indicazione da parte dei cittadini.
Meme_Pac

La Direzione Generale dell’Agricoltura (dg Agri) oggi ci dice che è difficile: abbia coraggio di realizzare questa visione. Spendere bene, spendere meglio.
Ma come è possibile secondo voi portare avanti queste istanze che richiedono qualità delle colture, dei processi produttivi, dei prodotti e investimenti in ricerca e sviluppo, quando dall’altra parte Oettinger ha già anticipato dove si sforbicerà?
Caro Oettinger, hai detto al tuo collega Hogan che tutto questo è messo a repentaglio perchè tu vuoi tagliare proprio sul fronte dell’agricoltura? Come possiamo essere più ambiziosi se tagliamo fondi alla cieca? Ti prenderai tu la responsabilità nel dire ai cittadini che hanno partecipato a questa consultazione oltre che a tutti gli altri, che la loro volontà e i loro sogni sono carta straccia, perché tu tra le pareti del tuo ufficio hai deciso che non contano nulla?
E in questo tiro alla fune chi ci perde, ancora una volta, è l’Europa.

Link all’articolo correlato: http://marcozullo.it/oettinger-fedelissimo-della-merkel-fa-gli-interessi-del-governo-tedesco/

Ti potrebbe interessare anche


Lo scomodo pulpito di Federcaccia FVG

Ho letto su un quotidiano locale la notizia della querela da parte dell’Avvocato Paolo Viezzi, presidente di Federcaccia Friuli Venezia Giulia, contro una persona che hanno approfittato della pagina facebook della collega portavoce Ilaria Dal Zovo, consigliera regionale M5S del Friui Venezia Giulia, la quale stava commentando del tutto civilmente la legge regionale sulla caccia, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Nuovo regolamento agricoltura biologica: persa una grande occasione

Quella di oggi poteva essere una giornata di svolta, dove finalmente si ponevano le basi per un buon regolamento sull’agricoltura biologica e in cui vi era la possibilità di uniformare le regole a livello europeo. Se è vero infatti che da un lato non si sono peggiorate le cose, dall’altro non posso però affermare che … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Frutta e verdura nelle scuole elementari: pochi giorni alla chiusura delle adesioni

Come vi ho già detto in precedenza, il programma “frutta e verdura nelle scuole” che grazie al progetto europeo che lo sostiene, permettere ai bambini delle scuole elementari di mangiare la frutta e la verdura all’interno di un ampio programma educativo, chiuderà le adesioni il 31 luglio. Il progetto non riguarda solo i bambini ma … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Un triste primato italiano

La rivista scientifica di ambito medico Lancet Oncology ha pubblicato un aggiornamento sull’incidenza a livello mondiale del cancro nell’infanzia (0-14 anni) e nell’adolescenza (15-19 anni) nel periodo 2001-2010. L’indagine, condotta dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc), ha riguardato 62 paesi di 5 diversi continenti e fornisce vari spunti di riflessione. Questi dati evidenziano … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare