Agricoltura: l’Europa tira da una parte, i cittadini dall’altra

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Mentre il Commissario Oettinger, ovvero la Merkel in uno dei suoi migliori travestimenti, dichiara che il buco miliardario creato dalla Brexit e quindi dalla mancanza degli introiti britannici lo deve pagare con lacrime e sangue principalmente il comparto agricoltura, esce il risultato della consultazione dei cittadini europei sulla PAC, ovvero sulla Politica Agricola Comune.

Sì perché dovete sapere che prima di tirare dritto per la loro strada questi signori fanno anche la consultazione pubblica sulla “modernizzazione e semplificazione della politica agricola comunitaria”, per farci sentire tutti coinvolti.
Francamente credo che l’uscita di Oettinger di qualche giorno fa in cui sosteneva che a tappare le falle del bilancio europeo sarà principalmente l’agricoltura, non era altro che un modo per anticipare che la Commissione va per i fatti suoi, indipendentemente dalle scelte e dalle indicazioni dei cittadini. Anche perché, così arrivo all’esito della consultazione, gli stessi cittadini hanno richiesto senza mezzi termini cibo sano e di qualità, agricoltori più rivolti alla tutela dell’ambiente, alla salvaguardia del clima, e a investire maggiormente nella tutela e valorizzazione delle aree rurali.

Questo è il nucleo di ciò che è emerso dalla consultazione, almeno a quanto ci riferisce il Commissario Hogan, e credo che dobbiamo ascoltare attentamente questa indicazione da parte dei cittadini.
Meme_Pac

La Direzione Generale dell’Agricoltura (dg Agri) oggi ci dice che è difficile: abbia coraggio di realizzare questa visione. Spendere bene, spendere meglio.
Ma come è possibile secondo voi portare avanti queste istanze che richiedono qualità delle colture, dei processi produttivi, dei prodotti e investimenti in ricerca e sviluppo, quando dall’altra parte Oettinger ha già anticipato dove si sforbicerà?
Caro Oettinger, hai detto al tuo collega Hogan che tutto questo è messo a repentaglio perchè tu vuoi tagliare proprio sul fronte dell’agricoltura? Come possiamo essere più ambiziosi se tagliamo fondi alla cieca? Ti prenderai tu la responsabilità nel dire ai cittadini che hanno partecipato a questa consultazione oltre che a tutti gli altri, che la loro volontà e i loro sogni sono carta straccia, perché tu tra le pareti del tuo ufficio hai deciso che non contano nulla?
E in questo tiro alla fune chi ci perde, ancora una volta, è l’Europa.

Link all’articolo correlato: http://marcozullo.it/oettinger-fedelissimo-della-merkel-fa-gli-interessi-del-governo-tedesco/

Ti potrebbe interessare anche


Parmigiano Reggiano e CETA: tuteliamo il Made In

  La ratifica del CETA da parte del Parlamento italiano è ufficialmente rinviata a data da destinarsi. Un esito che fa ben sperare e premia l’impegno che noi del 5 stelle abbiamo profuso in questi anni ma che tuttavia non è ancora sufficiente. La speranza è che la crescente consapevolezza dei cittadini spinga il Parlamento … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


A Parma città della Food Valley, agroalimentare e Made in Italy

Domani, sabato 6 maggio, a partire dalle ore 9.30 sarò a Parma, in piazza Ghiaia, sede del tradizionale mercato, per sostenere il candidato sindaco a 5 Stelle Daniele Ghirarduzzi nel suo primo evento della campagna elettorale. La mia presenza, oltre ad essere in appoggio alla lista del M5S impegnata alle Amministrative dell’11 giugno prossimo, sarà … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Supportare le microimprese ci sta a fagiolo!

A volte capita che nel nostro bel Paese le eccellenze ci siano, ma che se ne stiano abbastanza nascoste. Ciò avviene per vari motivi su cui ci sarebbe da discutere per ore, ma invece in quest’occasione penso sia più utile raccontarvi in poche righe come queste eccellenze si possano scovare. Qualche giorno fa sono stato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


La Regione FVG contro il Trasporto Pubblico Gratuito

Ieri il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia ha respinto l’emendamento proposto dai nostri portavoce sul trasporto pubblico gratuito. Non avevo dubbi che sarebbe andata così, d’altronde avevo letto le affermazioni dell’Assessore Santoro, una degna premessa al voto. Leggo le sue risposte in merito alle proposte dei miei colleghi portavoce regionali, risposte scontate perché provenienti … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare