Al PD un altro Dieselgate sta bene. A noi no!

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Nessun gioco al ribasso: servono misure più stringenti per evitare conflitti di interesse. Vogliamo l’inasprimento delle sanzioni e controlli effettuati non solo in uno Stato.

Dieselgate PD

Se è vero che da un lato l’accordo tra Stati membri prevede il monitoraggio dell’omologazione dei veicoli a livello dell’UE, dall’altro lato mina il senso della riforma stessa. Fondamentale è invece non puntare al ribasso: chiediamo innanzitutto che vi sia l’inasprimento delle sanzioni per le case automobilistiche che ingannano i cittadini e che, al contempo, i controlli sulle case di produzione non siano effettuati solamente dagli Stati a cui le case di produzione appartengono. Le auto di FCA, ad esempio, non vanno controllate in Italia, ma anche in altri Paesi e, possibilmente, a livello europeo.

E’ gravissimo il fatto che gli Stati membri dell’UE abbiano eliminato dalla proposta che la possibilità di emettere sanzioni finanziarie a livello europeo – fino a 30.000 euro per auto-  quando una casa di produzione automobilistica viene scoperta a truccare i test sulle emissioni. Inoltre non è ammissibile che, garantendo la possibilità di pagamenti diretti tra controllato (casa automobilistica) e controllore (Autorità di omologazione), si favorisca il conflitto di interessi. Infine non è tollerabile che non venga previsto l’utilizzo di revisori indipendenti per verificare le attività degli Stati membri.

Non ci stiamo: ci batteremo fino all’ultimo affinché la casa produttrice paghi l’autorità nazionale che, a sua volta, scelga il laboratorio indipendente di prova.

Se non si inaspriranno le multe per i produttori delle automobili, se non verranno eliminati i conflitti di interesse nei test non vi saranno i presupposti di un sistema trasparente e si potrà assistere ad un nuovo scandalo, un altro Dieselgate.

E’ inaccettabile che il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri Sandro Gozi (PD), si dica soddisfatto dell’accordo. Soddisfatto di continuare a coprire la FIAT?  La misura è colma: ci opporremo con forza alla decisione prese in sede di Consiglio dell’UE dagli Stati membri.

I CITTADINI HANNO IL DIRITTO DI ESSERE TUTELATI DA RIFORME SANE E NON CORROTTE DA MERE LOGICHE DI PROFITTO!

Ti potrebbe interessare anche


Stato dell’Unione? C’è ma solo a parole

Ho appena finito di ascoltare il discorso sullo stato dell’Unione di Junker. Al di là delle solite dichiarazioni di facciata che lasciano il tempo che trovano, i veri nodi, quelli che riguardano l’Europa e soprattutto l’Italia, Junker non li ha toccati. L’Unione Europea è un’unione solo formale, la condivisione dei rischi è di fatto lasciata … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Europa

I fondi europei per molti italiani sono ancora degli illustri sconosciuti

Le classifiche sull’utilizzo dei fondi europei dei Paesi membri che ne accedono attraverso i propri progetti, sono abbastanza impietose nei confronti dell’Italia. Ormai è noto che raccogliamo molto meno di quanto diamo all’Europa, un anacronismo che rischia di compromettere anche su questo fronte una possibile ripartenza del nostro paese. E’ per questo che noi parlamentari … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


I cambiamenti della distribuzione alimentare potranno modificare la nostra vita?

Le vendite online crescono indiscutibilmente ed è plausibile che continueranno a crescere anche nei prossimi anni, spingendo al massimo sul suo vantaggio competitivo, che è un fortissimo marketing sul singolo cliente, mentre la distribuzione tradizionale arranca

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Glifosato: nessuna intesa tra gli Stati UE ma la Commissione Europea vuole andare avanti

Non è stata trovata alcuna intesa sulla proposta di rinnovo dell’autorizzazione del glifosato per cinque anni e così la Commissione europea ha deciso di proseguire. Se non otterrà la maggioranza qualificata a fine novembre in comitato d’appello, sarà comunque libera di adottare tale proposta. Noi del M5S chiediamo sia adottato il principio di precauzione e … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare