Animali liberi, se vogliamo possiamo

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

In questi giorni sto raccogliendo dalla stampa nazionale alcuni piccoli segnali che mi danno speranza nel pensare che la cultura che stiamo cercando di diffondere sul tema del rispetto degli animali e del fatto che siano esseri senzienti, si stia realmente diffondendo.

animaliLiberi1200x627_2

Oggi leggo che in uno zoo in Argentina una scimpanzé il cui nome è Cecilia, che viveva in una piccola gabbia di cemento da sola, è stata liberata. Cecilia era rimasta sola dopo la morte di altri scimpanzé ed era caduta in depressione.

Incredibilmente lo scorso novembre la giudice María Alejandra Mauricio decideva di accogliere la richiesta di applicare l’Habeas Corpus, un principio giuridico che tutela la libertà della persona negando una detenzione priva di chiari elementi d’accusa. Quindi il fatto clamoroso è che all’animale è stato traslato e riconosciuto un diritto umano.

Cecilia è stata così trasferita al Santuario delle grandi scimmie a Sorocaba, nello Stato di San Paolo, in Brasile.

Mentre leggo questa notizia me ne arriva un’altra: nell’isola di Taiwan dal maggio di quest’anno sarà vietato mangiare carne di cane e di gatto.

Il Parlamento di Taiwan ha approvato una legge che punisce l’uccisione di cani e gatti per l’alimentazione umana. Questa decisione rientra in un insieme di misure volte aa tutelare gli animali con pene mai viste in quel paese, sino alla detenzione in carcere.
Anche in questo caso è una svolta storica perché incide in una cultura centenaria, quella asiatica che da tempo immemore considera quegli animali come cibo.

Io personalmente non sogno un mondo privo di mattatoi-lager per gli animali, un mondo senza gabbie e senza sfruttamento degli animali, ma cerco di fare qualcosa di più, cioè lavoro perché questo avvenga. Credo che questo sia lo spirito che molti di noi dovremmo avere, non solo indignarci ma agire per quanto nelle nostre possibilità.

Ti potrebbe interessare anche


Raggiunto l’accordo per il codice delle comunicazioni elettroniche

Dopo un iter legislativo durato quasi due anni, è stato raggiunto l’accordo politico fra il Parlamento Europeo e il Consiglio dell’Unione Europea sul nuovo Codice delle Comunicazioni Elettroniche, il cui ultimo aggiornamento risale al 2009. Inizialmente esaminato dalle Commissioni ITRE e IMCO del Parlamento Europeo, quest’ultimo il 25 Ottobre 2017 approvò il mandato per iniziare le negoziazioni col … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Alvise Maniero ci racconta il significato di Partecipazione

Vi consiglio di ascoltare questo intervento del collega Portavoce alla Camera Alvise Maniero MoVimento 5 Stelle: una grande testimonianza che ci ispira ad essere partecipi al cambiamento della societá!

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


A #TuXTu con Vincenzo Zoccano, Presidente del Forum Italiano sulla Disabilità (FID)

Il mio lavoro mi dà l’occasione di incontrare persone che vogliono cambiare il mondo rispettandolo, attivandosi concretamente per arrivare a questo fine. A TuxTu vuole raccogliere questi incontri. Qui ho incontrato Vincenzo Zoccano, Presidente del Forum Italiano sulla Disabilità – FID, Donata Pagetti Vivanti, rappresentante del FID all’ European Disability Forum e Luisella Bosisio Fazzi, Presidente FONOS e … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Mamme No Pfas a Bruxelles

Le mamme No Pfas, unite per liberare le acque del Veneto dai contaminanti chimici, hanno incontrato a Bruxelles i deputati all’Europarlamento per portare all’attenzione dell’assemblea il problema che sta attanagliando le province di Verona, Padova e Vicenza, con concentrazioni al disopra dei livelli consentiti. Una questione non soltanto ambientale, ma anche e soprattutto sanitaria, sorta … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare