Animali liberi, se vogliamo possiamo

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

In questi giorni sto raccogliendo dalla stampa nazionale alcuni piccoli segnali che mi danno speranza nel pensare che la cultura che stiamo cercando di diffondere sul tema del rispetto degli animali e del fatto che siano esseri senzienti, si stia realmente diffondendo.

animaliLiberi1200x627_2

Oggi leggo che in uno zoo in Argentina una scimpanzé il cui nome è Cecilia, che viveva in una piccola gabbia di cemento da sola, è stata liberata. Cecilia era rimasta sola dopo la morte di altri scimpanzé ed era caduta in depressione.

Incredibilmente lo scorso novembre la giudice María Alejandra Mauricio decideva di accogliere la richiesta di applicare l’Habeas Corpus, un principio giuridico che tutela la libertà della persona negando una detenzione priva di chiari elementi d’accusa. Quindi il fatto clamoroso è che all’animale è stato traslato e riconosciuto un diritto umano.

Cecilia è stata così trasferita al Santuario delle grandi scimmie a Sorocaba, nello Stato di San Paolo, in Brasile.

Mentre leggo questa notizia me ne arriva un’altra: nell’isola di Taiwan dal maggio di quest’anno sarà vietato mangiare carne di cane e di gatto.

Il Parlamento di Taiwan ha approvato una legge che punisce l’uccisione di cani e gatti per l’alimentazione umana. Questa decisione rientra in un insieme di misure volte aa tutelare gli animali con pene mai viste in quel paese, sino alla detenzione in carcere.
Anche in questo caso è una svolta storica perché incide in una cultura centenaria, quella asiatica che da tempo immemore considera quegli animali come cibo.

Io personalmente non sogno un mondo privo di mattatoi-lager per gli animali, un mondo senza gabbie e senza sfruttamento degli animali, ma cerco di fare qualcosa di più, cioè lavoro perché questo avvenga. Credo che questo sia lo spirito che molti di noi dovremmo avere, non solo indignarci ma agire per quanto nelle nostre possibilità.

Ti potrebbe interessare anche


Agricoltura: l’Europa tira da una parte, i cittadini dall’altra

Mentre il Commissario Oettinger, ovvero la Merkel in uno dei suoi migliori travestimenti, dichiara che il buco miliardario creato dalla Brexit e quindi dalla mancanza degli introiti britannici lo deve pagare con lacrime e sangue principalmente il comparto agricoltura, esce il risultato della consultazione dei cittadini europei sulla PAC, ovvero sulla Politica Agricola Comune. Sì … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Lo scomodo pulpito di Federcaccia FVG

Ho letto su un quotidiano locale la notizia della querela da parte dell’Avvocato Paolo Viezzi, presidente di Federcaccia Friuli Venezia Giulia, contro una persona che hanno approfittato della pagina facebook della collega portavoce Ilaria Dal Zovo, consigliera regionale M5S del Friui Venezia Giulia, la quale stava commentando del tutto civilmente la legge regionale sulla caccia, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Frutta e verdura nelle scuole elementari: pochi giorni alla chiusura delle adesioni

Come vi ho già detto in precedenza, il programma “frutta e verdura nelle scuole” che grazie al progetto europeo che lo sostiene, permettere ai bambini delle scuole elementari di mangiare la frutta e la verdura all’interno di un ampio programma educativo, chiuderà le adesioni il 31 luglio. Il progetto non riguarda solo i bambini ma … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Questione lupo: correggere la direttiva habitat non risolve nulla

Sul territorio bellunese si parla molto della “questione lupo”. La scorsa estate l’attenzione è ricaduta sui fatti avvenuti all’alpeggio fra Nevegal e Visentin nei quali un lupo ha attaccato ripetutamente dei greggi di pecore. Sono d’accordo con Cristiano Fant, referente Enpa (ente nazionale protezione animali) per la provincia di Belluno quando afferma che “La presenza … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare