Avanti Italia, il CETA non deve passare!

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi alle 13.00 il CETA verrà votato in Senato, in commissione Affari Esteri.

Non smetterò mai di dirlo: il CETA distrugge le piccole e medie imprese italiane a favore delle grandi multinazionali e dà il via libera all’invasione dell’Ogm.

Non di meno è incomprensibile come il Canada, un Paese che elargisce 3.3 miliardi di dollari l’anno in sussidi ai combustibili fossili, praticando tra l’altro la devastante estrazione del petrolio dalle sabbie bituminose, possa essere considerato un partner affidabile nella lotta al cambiamento climatico e all’inquinamento.

stopcetamarco
Ma il punto più controverso del CETA riguarda l’implementazione di meccanismi di risoluzione delle controversie tra investitori e singoli Stati, il cosiddetto sistema ICS . Questo strumento consentirebbe ai grandi investitori stranieri di citare in giudizio gli Stati, aggirando i tribunali nazionali e ricorrendo direttamente a tribunali di arbitrato internazionale, il più delle volte composti da giuristi d’impresa. Cosi, se una legge nazionale riduce drasticamente i profitti di una multinazionale, la corporation può citare in giudizio lo Stato.

Per la democrazia, per l’ambiente e per la nostra economia, urliamo insieme #StopCeta!

Ti potrebbe interessare anche


Sostieni l’ambiente e la tua salute: diciamo addio al glifosato!

Il glifosato contamina il suolo, l’aria, l’acqua e il cibo che arriva sulle nostre tavole. Distrugge gli ecosistemi, gli habitat naturali e riduce drasticamente la biodiversità. Per un ambiente protetto e un’alimentazione sana, senza rischi per la nostra salute, usciti all’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE): chiedi alla Commissione Europea di proporre agli Stati membri di … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


MENO CARNE, PIU’ VEGETALI E FRUTTA E MENO LOBBY ?

Leggo sul Sole 24 Ore un articolo che si riferisce alle ultime rilevazioni ISTAT sui consumi degli italiani che denotano un calo nei consumi della carne ed un aumento dei consumi relativo alla frutta e alla verdura. Mi auguro che questa rilevazione non sia una fotografia ma il frame di un video che mostri una … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Economia collaborativa: facciamo chiarezza!

Apriamo i giornali, accendiamo la televisione, e ci rendiamo conto che l’economia collaborativa, insieme alla globalizzazione, è diventata la tematica principale per quanto riguarda l’evoluzione del mercato del lavoro europeo. Spesso però, lo è diventata in modo problematico, quasi polemico direi, come fonte di preoccupazione e acceso dibattito. Io però credo che in questa sede … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Per un’agricoltura in armonia con l’ambiente diciamo no agli ogm!

Anche nel nostro nord est l’agricoltura ha subito trasformazioni pesanti che, però, non hanno migliorato la qualità dell’ambiente rurale né rafforzato i nostri agricoltori. La politica della monocoltura ha pesantemente ridisegnato le nostre campagne: ha ridotto il numero degli agricoltori e ha ridotto la loro capacità di reddito. Serve subito un’agricoltura che valorizzi e faccia … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare