Basta lapidazione, l’importanza storica di una risoluzione targata M5S

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

È stata approvata oggi a Bruxelles la mozione di risoluzione contro la pena di morte e la lapidazione proposta dai portavoce del Movimento 5 Stelle al Parlamento Europeo. Un’azione storica che ci ha coinvolto sin da inizio mandato e che nasce dalla volontà e dall’impegno di Taher Djafarizad, presidente dell’associazione Neda Day, nata proprio a Pordenone al fine di combattere e sconfiggere la violenza sulle donne.

Abbiamo tagliato il primo traguardo di una lunga corsa a tappe. E’ un percorso nato mesi fa, snodatosi a partire da un banchetto organizzato in piazza Cavour dal Meet Up Pordenone 5 Stelle nel corso del quale ho incontrato Taher.

BASTA LAPIDAZIONE

Dopo quell’incontro abbiamo portato l’istanza dell’associazione a Bruxelles e nel giugno scorso abbiamo organizzato, assieme ai colleghi del Movimento Ignazio Corrao, Daniela Aiuto Fabio Massimo Castaldo, un meeting dedicato al tema, con un dibattito animato dallo stesso Djafarizad, da alcuni esuli iraniani e dai vertici delle commissioni sui diritti delle donne e degli umani dell’Europarlamento; la giornata si concluse con la proiezione del film-inchiesta “The stoning of Soraya M.”, che scosse i presenti per i contenuti particolarmente forti: ancora oggi la lapidazione, utilizzata come pena per l’adulterio, funge da deterrente psicologico per mantenere le popolazioni nel terrore.

Partendo da un banchetto, dal coinvolgimento di un comitato cittadino molto attivo e dal sostegno dei pordenonesi, siamo arrivati in Europa, spingendo l’Europarlamento per la prima volta ad adottare una risoluzione sul tema della lapidazione. Un risultato più difficile da ottenere di quanto ci si potrebbe attendere: non bisogna dimenticare che moltissimi dei Paesi che applicano questo tipo di pena, come Iran, Iraq e Pakistan, sono molto potenti a livello economico e politico e un pronunciamento contro questi governi genera inevitabilmente delle assurde resistenze.

BASTA LAPIDAZIONE2

All’una è arrivata però l’attesa fumata bianca, con l’approvazione tout-court del testo, compresi i punti proposti dal M5S, nei quali si condanna esplicitamente la pratica della lapidazione e si spingono urgentemente i Paesi che ancora la praticano ad attivarsi tempestivamente per l’abolizione. E’ un successo, un primo passo verso la liberazione dalle oppressioni dettate dal fanatismo religioso e politico.

Ti potrebbe interessare anche


Uova al Fipronil, la frittata è fatta

Lo scandalo delle uova al Fipronil si sta allargando a macchia d’olio. È gravissimo che si sua iniziato ad agire solo dopo vari mesi dalle prime segnalazioni, permettendo ai prodotti contaminati di attraversare più di mezza Europa. Questo atteggiamento incerto e fragile da parte dell’Unione Europea è sintomo che ancora molto è da fare per … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Trattati Australia e Nuova Zelanda: promuoviamo il Made in Italy

Tutelare e promuovere il Made-in Italy è uno degli obiettivi principali del nostro mandato, e il nuovo trattato internazionale che vede da un lato Australia e Nuova Zelanda e dall’altro l’ Europa è una buona occasione perché ciò avvenga. Difatti alcuni giorni fa noi parlamentari portavoce del M5S abbiamo votato in modo favorevole il parere … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Gli accordi commerciali si fanno alla luce del sole!

In questi giorni il Senato italiano approverà o meno il CETA, il trattato di libero scambio tra Unione europea e Canada. In queste circostanze voglio riproporvi questo video, registrato il 21 marzo 2017. Ero appena uscito da un confronto con la Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo sullo stato dei trattati commerciali, in cui il rappresentante … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Mettiamo fine al dramma delle spose bambine: la proposta M5S approvata dal Parlamento Europeo

Ieri sono intervenuto in plenaria del Parlamento Europeo per denunciare la triste realtà delle spose bambine. Ogni anno oltre 15 milioni di bambine nel mondo sono costrette a sposarsi forzatamente con uomini adulti, in piena violazione dei diritti umani, per ragioni spesso culturali o legate alla tradizione, oppure a causa dell’ignoranza o dell’analfabetismo, o dipendenti … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare