Blocchiamo le pratiche sleali contro gli agricoltori!

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Questa settimana sono intervenuto in Commissione Agri su un argomento particolarmente cruciale, che è quello della tutela degli agricoltori, a proposito delle pratiche sleali che li vedono spesso vittime nella filiera del valore che è composta da loro, dagli intermediari (l’ingrosso dove ancora esiste) e dalla grande distribuzione organizzata. Gli agricoltori rappresentano l’anello più debole di questa filiera e vanno tutelati.

La debolezza della posizione degli agricoltori all’interno della catena di approvvigionamento, soprattutto nei confronti di grossisti e grandi distributori è indiscutibile e si riscontra in tutte le analisi di mercato che abbiamo a disposizione.

Vi faccio qualche esempio di pratiche sleali che avvengono ad opera di soggetti tra soggetti forti (la distribuzione) nei confronti dei contrattualmente deboli (produttori): ritardare i pagamenti, modificare unilateralmente gli accordi contrattuali, rifiutare di sottoscrivere contratti scritti, inserimento di costi fittizi e così via. Ovvio che basterebbe imporre le adeguate contromisure, ma la Commissione europea cosa sta facendo? Oltre ai buoni propositi servono anche le norme!

Il Parlamento Europeo ha più volte espresso la propria preoccupazione, chiedendo in diverse occasioni alla Commissione di intervenire con delle linee guida normative per fare chiarezza sulle pratiche commerciali che non dovrebbero essere ammesse, e ciò a tutela dei più deboli. Tuttavia, la Commissione europea sembra piuttosto restia ad intervenire. Più volte il Commissario Hogan si è impegnato con vaghe promesse ma che ad oggi non hanno portato concretamente a nulla di concreto. Hogan deve prendersi le sue responsabilità e agire.

Personalmente nel corso del mio intervento ho chiesto che la Commissione europea la smetta di tergiversare accampando scuse si creino da subito delle norme di base armonizzate a livello comunitario. In un mercato sempre più interconnesso, lasciare a ciascuno Stato la decisione se e come intervenire, o peggio, affidarsi alla buona volontà dei soggetti coinvolti consapevoli di forza avesse qualche interesse a rinunciarvi) è ingenuo e sterile.

Dobbiamo partire dalla consapevolezza che il vero aiuto agli agricoltori non può solo basarsi su enormi spese di fondi pubblici, ma dovrebbe essere prima di tutto fondato sulla creazione di condizioni di mercato che permettano loro di operare vedendosi riconosciuto il giusto profitto per il loro lavoro. Dobbiamo difendere i nostri agricoltori!

Ti potrebbe interessare anche


Mettiamo uno Stop definitivo all’era dell’usa e getta

eri sera sono intervenuto in Commissione IMCO su un tema che mi sta particolarmente a cuore, cioè sulla durabilità dei prodotti di largo consumo. In parole povere, sul fatto che da decenni ormai siamo incastrati in un meccanismo di “usa e getta” che oltre ad essere tutt’altro che etico non è più sostenibile. E’ un dato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Basta balle, vogliamo un’agricoltura diversa!

In Commissione Agricoltura abbiamo incontrato degli “esperti” nel campo dell’agricoltura, i quali ci hanno raccontato la solita bella storiella: ci hanno presentato la cosiddetta agricoltura conservativa, una tipologia di agricoltura che utilizza diverse tecniche agricole tendenti a conservare, apparentemente, la fertilità del suolo coltivato. Ma attenzione a non farvi imbrogliare: nonostante il termine sembri positivo … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


L’economia collaborativa è la risposta dal basso per una nuova economia

La scorsa settimana ho organizzato con la mia collega e amica Eleonora Evi l’evento “Bridging civic innovation and politics” in Parlamento europeo. In questo evento ho parlato di Economia Collaborativa, sapete di cosa si tratta? L’economia collaborativa è una forma di economia che si sta sviluppando prevalentemente sul web, attraverso piattaforme come a BlaBlaCar, e altre piattaforme … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Come volevasi dimostrare, l’UE deferisce l’Italia per la benzina in FVG

La Commissione Ue ha deciso di deferire l’Italia alla Corte europea per la mancata applicazione dell’aliquota di accisa nazionale a benzina e diesel acquistati dagli automobilisti residenti in Friuli Venezia Giulia. Il caso sulla liceità dell’erogazione della benzina a tariffe agevolate per i residenti del Friuli Venezia Giulia si trascina ormai da anni e sta … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare