Blocchiamo le pratiche sleali contro gli agricoltori!

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Questa settimana sono intervenuto in Commissione Agri su un argomento particolarmente cruciale, che è quello della tutela degli agricoltori, a proposito delle pratiche sleali che li vedono spesso vittime nella filiera del valore che è composta da loro, dagli intermediari (l’ingrosso dove ancora esiste) e dalla grande distribuzione organizzata. Gli agricoltori rappresentano l’anello più debole di questa filiera e vanno tutelati.

La debolezza della posizione degli agricoltori all’interno della catena di approvvigionamento, soprattutto nei confronti di grossisti e grandi distributori è indiscutibile e si riscontra in tutte le analisi di mercato che abbiamo a disposizione.

Vi faccio qualche esempio di pratiche sleali che avvengono ad opera di soggetti tra soggetti forti (la distribuzione) nei confronti dei contrattualmente deboli (produttori): ritardare i pagamenti, modificare unilateralmente gli accordi contrattuali, rifiutare di sottoscrivere contratti scritti, inserimento di costi fittizi e così via. Ovvio che basterebbe imporre le adeguate contromisure, ma la Commissione europea cosa sta facendo? Oltre ai buoni propositi servono anche le norme!

Il Parlamento Europeo ha più volte espresso la propria preoccupazione, chiedendo in diverse occasioni alla Commissione di intervenire con delle linee guida normative per fare chiarezza sulle pratiche commerciali che non dovrebbero essere ammesse, e ciò a tutela dei più deboli. Tuttavia, la Commissione europea sembra piuttosto restia ad intervenire. Più volte il Commissario Hogan si è impegnato con vaghe promesse ma che ad oggi non hanno portato concretamente a nulla di concreto. Hogan deve prendersi le sue responsabilità e agire.

Personalmente nel corso del mio intervento ho chiesto che la Commissione europea la smetta di tergiversare accampando scuse si creino da subito delle norme di base armonizzate a livello comunitario. In un mercato sempre più interconnesso, lasciare a ciascuno Stato la decisione se e come intervenire, o peggio, affidarsi alla buona volontà dei soggetti coinvolti consapevoli di forza avesse qualche interesse a rinunciarvi) è ingenuo e sterile.

Dobbiamo partire dalla consapevolezza che il vero aiuto agli agricoltori non può solo basarsi su enormi spese di fondi pubblici, ma dovrebbe essere prima di tutto fondato sulla creazione di condizioni di mercato che permettano loro di operare vedendosi riconosciuto il giusto profitto per il loro lavoro. Dobbiamo difendere i nostri agricoltori!

Ti potrebbe interessare anche


Incontro Nazionale alla Camera dei Deputati degli Sportelli SOS AntiEquitalia del MoVimento 5 Stelle!

Tutti gli Sportelli di Soccorso SOS Antiequitalia del MoVimento 5 Stelle si sono riuniti venerdì 21 luglio 2017 presso la Sala Tatarella nel Palazzo della Camera dei Deputati a Roma. Il Deputato del MoVimento 5 Stelle Carlo Sibilia coordinatore dei Punti di Ascolto e promotore della riunione nazionale, ha introdotto i lavori ricordando i capisaldi alla base … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


A Parma città della Food Valley, agroalimentare e Made in Italy

Domani, sabato 6 maggio, a partire dalle ore 9.30 sarò a Parma, in piazza Ghiaia, sede del tradizionale mercato, per sostenere il candidato sindaco a 5 Stelle Daniele Ghirarduzzi nel suo primo evento della campagna elettorale. La mia presenza, oltre ad essere in appoggio alla lista del M5S impegnata alle Amministrative dell’11 giugno prossimo, sarà … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Dal V-Day a Rousseau, 10 anni di partecipazione

Domani è una giornata molto importante: ricorre il decimo anniversario del V-Day. Quest’evento che avrà luogo a Trieste, a partire dalle 16.00, ospiterà al suo interno anche il primo Open Day Rousseau della Regione Friuli Venezia Giulia. Eravamo tantissimi 10 anni fa a Bologna e dobbiamo essere numerosi anche domani: ancora forte è il nostro … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Domani è il primo Maggio: Festa del lavoro che non c’è

Domani è la festa del lavoro, mi chiedo se sia possibile dare lo stesso significato a questo giorno rispetto a 20 o 30 o anni fa. L’origine della festa la troviamo nell’America di fine ‘800, per ricordare le battaglie operaie per arginare lo sfruttamento dei lavoratori, fissando a otto ore il tetto massimo giornaliero. In … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare