Si parla di: Tutela dei consumatori


Con le etichette a semaforo l’olio d’oliva avrebbe il bollino rosso!

La pratica inglese di inserire dei semafori o bollini rossi sui prodotti che contengono un alto valore calorico è estremamente fuorviante, perché non tiene conto di una molteplicità di fattori. Prendiamo un fiore all’occhiello del nostro Made In: l’olio d’oliva. Uno dei prodotti principali della dieta mediterranea sarebbe etichettato come dannoso, con un grosso bollino … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Emissioni auto fino al 56% più alte di quelle dichiarate

Le emissioni delle auto nel mondo reale sono decisamente più elevate di quelle dichiarate in laboratorio dalle case automobilistiche. L’ultima conferma giunge dallo studio dell’organizzazione per la promozione del trasporto sostenibile Transport & Environment, che spiega come le emissioni di CO2 siano dal 36 al 56% più elevate di quelle dichiarate. I test sono stati … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Dieselgate, sei mesi per dire la verità ai cittadini sullo scandalo emissioni

Abbiamo 6 mesi per scoprire la verità e informare i cittadini su tutto quello che è davvero successo nello scandalo delle #emissioni truccate della #Volkswagen, il famigerato #Dieselgate. Abbiamo 6 mesi per scoprire se la Commissione Europea e gli Stati membri erano a conoscenza dei trucchi della casa automobilistica tedesca. Oggi ero alla riunione costitutiva … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Raddoppio Emissioni auto, anche i ministri Ue danno il via libera: la colpa è anche loro

La scorsa settimana avevamo puntato il dito contro i 21 eurodeputati di centrodestra che a Strasburgo avevano votato per raddoppiare le emissioni delle auto su strada. Uno scandalo in piena regola di cui oggi è responsabile anche i Governi nazionali. I ministri Ue dell’Economia e delle Finanze hanno infatti dato il via libera ai nuovi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Smog, i nomi degli europarlamentari italiani che hanno votato per aumentare le emissioni (e le vere ragioni del voto)

I cittadini devono sapere chi è dalla parte dello smog e chi no. Chi sacrifica la salute dei cittadini sull’altare dell’industria automobilistica, specie quella tedesca, la stessa del #Dieselgate, lo scandalo delle emissioni truccate della Volkswagen.   Per settimane gli italiani hanno dovuto fare i conti (e, statene certi, li faranno ancora) con la circolazione … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Etichette disoneste, guardate cosa accade nei supermercati mentre l’Ue sta a guardare

Abbondanti dosi di solfiti per dare alla carne macinata un aspetto più fresco. Crocchette contenenti la metà della carne dichiarata in etichetta. Pollo e tacchino venduti come vitello nei kebab italiani. Salsicce, hamburger e altri prodotti lavorati nei quali non é chiara la quantità di carne effettivamente presente. Sono solo alcune delle vergognose pratiche denunciate … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Volkswagen, ora la Germania scenda dalla cattedra

Lo scandalo che coinvolge Volkswagen è grave. È grave perchè colpisce uno dei fiori all’occhiello dell’industria europea. È grave perchè colpisce uno dei Paesi che sempre più ci viene indicato come modello di integrità e correttezza. E ciò che inquieta ancora di più sono le notizie che trapelano dai giornali, secondo le quali sia il … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Wolkswagen, in Italia adottare linea dura, le aziende automobilistiche non possono autocertificarsi

Ora cadono tutti dalle nuvole. Nonostante si sapesse da tempo che le case automobilistiche autocertificassero il valore delle proprie emissioni. La Wolkswagen ha sfruttato un’enorme falla normativa nel sistema per ingannare i consumatori e aumentare i propri profitti negli Stati Uniti. La stessa cosa può essere successa in Europa, dove é competenza dei singoli Stati … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Etichette alimentari, i Paesi del nord hanno paura di perderci e dicono che costano troppo

L’Eurobarometro dice che l’84% dei consumatori vorrebbe essere in grado di individuare l’origine del latte utilizzato per i prodotti lattiero caseari. Percentuali simili riguardano l’origine delle carni trattate. Un dato che spiega chiaramente quale è la volontà dei cittadini europei. Secondo lo studio esterno da cui è partita l’attività della Commissione, queste informazioni aggiuntive avrebbero … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Etichette alimentari, il commissario Ue non le vuole

La Commissione Europa non vuole che i consumatori sappiano quello che mangiano e da anni si oppone all’etichettatura obbligatoria per prodotti come i piatti pronti o la carni lavorate e per i prodotti caseari come yogurt e formaggio. A febbraio il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione in cui sollecitava la Commissione Europea a rendere … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Etichette, i consumatori vogliono conoscere l´origine della carne macinata. Il Parlamento Europeo pressa la Commissione

Secondo l’organizzazione europea dei consumatori BEUC, nove consumatori su dieci vogliono sapere da dove arrivano le lasagne surgelate, le crocchette di pollo, la carne degli hamburger e quella contenuta nei piatti pronti. In altre parole, i cittadini richiedono trasparenza sull´origine della carne macinata. Oggi in Plenaria il Parlamento Europeo ha mostrato di essere dalla parte … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Etichetta senza stabilimento, quella semplice norma che il Governo si rifiuta di fare

Sono già passati sette giorni dall’entrata in vigore della nuova etichettatura alimentare europea, ma il Governo Renzi non ha ancora previsto di normare l’indicazione obbligatoria dello stabilimento di produzione. Così, per la prima volta dal 1992, le aziende non sono tenute a dire dove producono. E potranno spostare le proprie fabbriche all’estero senza che i … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

1 6 7 8 9