Domani è il primo Maggio: Festa del lavoro che non c’è

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Domani è la festa del lavoro, mi chiedo se sia possibile dare lo stesso significato a questo giorno rispetto a 20 o 30 o anni fa.
L’origine della festa la troviamo nell’America di fine ‘800, per ricordare le battaglie operaie per arginare lo sfruttamento dei lavoratori, fissando a otto ore il tetto massimo giornaliero.
In due righe quindi c’è già la risposta: oggi, quantomeno qui in Europa e soprattutto in Italia, la battaglia non è più su questo fronte, ma sulla necessità di un numero enorme di cittadini oggi di trovarle quelle otto ore al giorno da lavorare, e in futuro di poterne lavorare meno a parità di reddito e con un aumento della qualità della vita e dei posti di lavoro, come da programma del Movimento 5 Stelle.

La disoccupazione dilania molti cittadini rimasti al palo, l’ultimo baluardo del welfare è la famiglia, nonni e parenti che mettono a disposizione tempo, quel po’ di denaro risparmiato nel corso degli anni e la casa da condividere.
I giovani, ma ormai anche meno giovani, che scappano dal paese più bello del mondo, l’Italia, perché senza speranza sono l’icona di un progetto fallimentare che vede gli ultimi governi italiani tra i principali artefici.

Non avere il lavoro, al di là dell’evidente problema economico, genera un senso di frustrazione e toglie quello che non si dovrebbe mai togliere a nessuno: la dignità.
MEME Primo maggio_02

Tutto questo per dire che secondo me la festa del primo maggio sicuramente ha ancora un senso ed è sacrosanto mantenerla, ma profondamente cambiato rispetto alla sua origine.
Il senso è ricordare cosa significhi per una persona perdere il lavoro o per un giovane non riuscire ad entrare nel mondo del lavoro, e soprattutto ricordarlo a chi governa il nostro paese che tutto fa tranne che creare le condizioni per invertire questa deriva.
Su questo però non ho molta fiducia, perché chi è artefice della legge Fornero e chi l’ha votata, chi ha tolto l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori sono gli stessi che siedono lì ancora oggi sugli stessi scranni del Parlamento. Ed è impossibile che chi crei un problema e poi un altro e poi un altro ancora sappia anche risolverli.
Come ricordavamo ieri Alessandro Di Battista ed io, con cui ho condiviso un mini tour di sostegno ai candidati sindaci qui in Friuli Venezia Giulia, il PD, cioè la sinistra, ha tolto i diritti ai lavoratori col Jobs Act e la destra liberale con Berlusconi ha inventato Equitalia, affossando la piccola impresa. Il paradosso.
Questi signori che hanno fatto queste scelte scellerate meriterebbero sì di restare senza lavoro, la dignità invece con quelle azioni l’avevano già persa.
Sarà un piacere mandarli a casa o dove meritano, per sempre.
Buon primo maggio a tutti, a riveder le stelle

Ti potrebbe interessare anche


In agricoltura paghiamo la mancanza di visione

Il contesto agroalimentare europeo è potenzialmente un’opportunità eccezionale per il nostro Paese. L’Italia ha tutti gli ingredienti per essere leader in Europa. Purtroppo oggi così non è, a causa di una burocrazia che uccide letteralmente l’impresa agricola. I soldi europei ci sono ma magari manca un decreto che serve a sbloccarli, le politiche del lavoro … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Un’etichettatura trasparente per tutelare il consumatore

La sentenza della Corte di giustizia europea che ha recentemente vietato la denominazione “latte” per gli alimenti vegetali a base di soia per non confonderli con gli alimenti di natura animale come il latte, sicuramente ha l’intento di garantire la trasparenza e di tutelare i consumatori nelle loro scelte d’acquisto, cautelandoli dalle frodi. Ci sono … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Uova al Fipronil, la frittata è fatta

Lo scandalo delle uova al Fipronil si sta allargando a macchia d’olio. È gravissimo che si sua iniziato ad agire solo dopo vari mesi dalle prime segnalazioni, permettendo ai prodotti contaminati di attraversare più di mezza Europa. Questo atteggiamento incerto e fragile da parte dell’Unione Europea è sintomo che ancora molto è da fare per … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Progetto europeo Life Wolfs Alps: più che caccia al lupo è caccia ai voti!

Che la mozione approvata in Consiglio regionale sull’uscita del Veneto dal progetto europeo Life Wolf Alps sia una mera mossa politica attuata dal cacciatore Berlato è assolutamente evidente: al consigliere di Fratelli d’Italia, di fatto, più che la caccia ai lupi interessa la caccia ai voti. Berlato sa benissimo che la Giunta non deciderà per … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare