E l’Italia va a fuoco

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Probabilmente è vero che a forza di sentire ripetutamente la stessa notizia ci si fa l’abitudine e si perde il contatto con la realtà. Questa è la sensazione che sto avendo ascoltando le notizie che provengono dal Sud d’Italia, da quel Sud che sta bruciando da giorni.

Penso a zone meravigliose e protette come l’Oasi di Astroni in Campania, che da giorni è sotto l’assedio delle fiamme, un sito di interesse internazionale. Le varietà vegetali come i lecci, i mirti e le ginestre stanno bruciando, ancor più perché in questo momento non ci sono mezzi disponibili, i famosi Canadair, e quindi non si riesce a domare quest’ennesimo incendio.
Quest’Italia a fuoco è l’immagine del momento storico che stiamo vivendo, piagati dagli eventi, indolenti nel risolvere strutturalmente i problemi che tutti conoscono da decenni. L’Italia è un paese in cui non è più possibile sperare che le cose si risolvano da sole perché non è possibile vivere in emergenza continua.

Italiameme

Emergenza occupazione, emergenza immigrati, emergenza debito pubblico, emergenza pensioni, emergenza povertà, emergenza climatica, emergenza sanitaria. Quali sono le soluzioni adottate da Prodi, Berlusconi, Letta, Monti, Renzi e ora dalla copia e incolla Gentiloni? Dov’è un piano energetico nazionale che consideri le rinnovabili come risorsa primaria? Dov’è un piano di lungo termine per la riduzione del rischio idrogeologico? Dov’è una riforma pensionistica seria che non pensi solo a spedirci fuori dal mondo del lavoro a settant’anni, occupando ancora una volta all’infinito i posti destinati ai i giovani? Dov’è una riforma sanitaria che tuteli i cittadini e non le aziende private?

Dobbiamo smettere di pensare che tutto ciò sia normale solo perché accade ogni giorno, non è così.
Dobbiamo soprattutto essere consapevoli che tutto ciò non avviene per caso, ma che è originato da una gestione della politica del nostro paese che ha pensato a tutto tranne che agli interessi dei cittadini.
Spegniamo definitivamente questo incendio: mandiamoli a casa.

Categorie: Italia

Ti potrebbe interessare anche


Dieselgate, un faticoso passo avanti tra compromessi e lobby

In commissione Mercato Interno e Protezione dei Consumatori (IMCO) avevamo un’opportunità unica, quella di riformare una volta per tutte il sistema di omologazione di tutte le auto immesse sul mercato e di evitare nuovi dieselgate, lo scandalo delle emissioni truccate da alcune delle più grandi case automobilistiche, che ha coinvolto giganti come Volkswagen e Fiat … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Economia Collaborativa, gli emendamenti M5S vanno a segno! Eccoli

Se gestita al meglio, l‘Economia Collaborativa è un’opportunità per tutti i cittadini. Sia come consumatori di beni e servizi, che possono trovare a prezzi più bassi e tagliati su misura delle loro esigenze. Sia come imprenditori, perché in un mercato aperto e concorrenziale la possibilità di creare start-up è ancora molto ampia. Certo, se lasciata … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Emergenza uova: talmente urgente che la Commissione ci penserà a fine settembre

Mi chiedo come sia possibile che a fronte di un’emergenza conclamata la Commissione europea se ne stia sotto l’ombrellone e non pensi di convocare immediatamente le autorità dei paesi coinvolti. Ancora una volta l’Europa mostra la sua vera faccia, quella di un organismo burocrate, ben lontano dalle necessità dei suoi cittadini anche di fronte al caso … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Dieselgate, basta al conflitto di interesse tra Stato e industria

Ieri in plenaria abbiamo votato il report sulla “Vigilanza dei veicoli a motore”. Con questa votazione avremmo avuto la possibilità di superare quel legame politico che vi è tra le case automobilistiche e i governi che rilasciano le omologazioni. Dico “avremmo” perché ancora una volta il Parlamento europeo ha mancato l’appuntamento con la difesa di … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare