Emergenza uova: talmente urgente che la Commissione ci penserà a fine settembre

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Mi chiedo come sia possibile che a fronte di un’emergenza conclamata la Commissione europea se ne stia sotto l’ombrellone e non pensi di convocare immediatamente le autorità dei paesi coinvolti.
Ancora una volta l’Europa mostra la sua vera faccia, quella di un organismo burocrate, ben lontano dalle necessità dei suoi cittadini anche di fronte al caso delle uova contaminate, tant’è che convoca per il 26 settembre (!!!) una “riunione di alto livello con i ministri e le autorità interessate dalla vicenda delle uova contaminate”.

La triste verità è che dal 22 luglio, data in cui è stato lanciato il primo allarme sul caso delle uova avvelenate dall’insetticida fipronil, con il blitz delle le autorità per la sicurezza alimentare di Belgio e Olanda in alcuni capannoni dell’industria agroalimentare, ben poco di concreto è successo.  Una considerazione particolare va fatta per il nostro paese: potenzialmente è a rischio più di altri perché possiede una lunga e vasta tradizione alimentare che include le uova e i suoi derivati nella preparazione di diverse pietanze.
Cosa aspettano Martina e Lorenzin a richiede con forza che la tracciabilità dei prodotti sia totale per tutti i prodotti alimentari, e che vi sia un forte inasprimento di pene sia per le aziende che sgarrano, sia per i rispettivi paesi che silenti non fanno controlli preventivi sistematici?
Ricordo che sempre dai paesi del nord sono arrivati sulle nostre tavole la mucca pazza, l’aviaria e la carne brasiliana avariata, giusto per citare i casi più noti. Dov’è ora che serve il Governo Gentiloni? In spiaggia a scrutare il mare, mangiando uova sode al fipronil?”

Link all’articolo precedente: http://marcozullo.it/milioni-di-uova-contaminate-europa/

 

Ti potrebbe interessare anche


Salviamo l’agricoltura italiana! #StopCETA

Il CETA minaccia l’agricoltura italiana e il Made in Italy: oltre 4 mila cittadini, tra agricoltori, consumatori, attivisti e sindacalisti, si sono radunati ieri a Roma per chiedere al Senato di dire NO al CETA, l’assurdo trattato di libero scambio tra l’Europa e il Canada.   Con l’eliminazione di quasi tutti i dazi doganali sui … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Supportare le microimprese ci sta a fagiolo!

A volte capita che nel nostro bel Paese le eccellenze ci siano, ma che se ne stiano abbastanza nascoste. Ciò avviene per vari motivi su cui ci sarebbe da discutere per ore, ma invece in quest’occasione penso sia più utile raccontarvi in poche righe come queste eccellenze si possano scovare. Qualche giorno fa sono stato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Al PD un altro Dieselgate sta bene. A noi no!

Nessun gioco al ribasso: servono misure più stringenti per evitare conflitti di interesse. Vogliamo l’inasprimento delle sanzioni e controlli effettuati non solo in uno Stato. Se è vero che da un lato l’accordo tra Stati membri prevede il monitoraggio dell’omologazione dei veicoli a livello dell’UE, dall’altro lato mina il senso della riforma stessa. Fondamentale è … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il digital non può avere confini!

Dopo mesi di duro lavoro, il Parlamento Europeo ha approvato il nuovo regolamento sulla portabilità dei contenuti digitali. Questo significa, che dal prossimo anno, i cittadini Europei potranno utilizzare i loro abbonamenti online a film, libri, servizi musicali, serie TV, eventi sportivi, video giochi e altri contenuti multimediali, ovunque si trovino all’interno dell’Unione Europea. In … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare