Emissioni alle stelle “grazie” al governo Pd. E ci tocca pagare anche la multa all’UE

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Leggo su l’Unità, uno degli organi stampa del Pd, la notizia diffusa ieri dalle agenzie che la Commissione Europea ha inviato un ultimo avvertimento a vari Paesi, tra cui l’Italia, perché “non hanno affrontato le ripetute violazioni dei limiti di inquinamento dell’aria per il biossido di azoto (NO2) che costituisce un grave rischio per la salute. La maggior parte delle emissioni provengono dal traffico stradale” e in particolare dai motori diesel.

dieselgate1200x627exe3

Articolo ineccepibile quello de l’Unità. È un peccato che questa si dimentichi di fare quel collegamento critico che ci si aspetterebbe dai giornaloni finanziati pubblicamente. Chi è, in Italia, il maggior responsabile del super inquinamento da motori diesel? C’entra niente il governo guidato dal Pd, che attraverso il suo ministero dei trasporti ha dato il via libera ai propulsori di Fiat e Alfa Romeo? Secondo uno studio dell’associazione Transport & Environment, pubblicato dal quotidiano inglese The Guardian, questi superano solamente di 15 volte il limite di NOx!

15 volte, e nessuno le ha beccate? Che strano. Eppure le auto della Fiat hanno passato senza problemi i test di omologazione… nel laboratorio FCA di Torino. Si, avete letto bene, si sono fatti i test a casa loro. Alla faccia del conflitto d’interessi. E con il placet del governo italiano. Ma questo, evidentemente, non va scritto!

Sul Dieselgate leggi anche: http://bit.ly/2lh9F7a

Ti potrebbe interessare anche


Mettiamo uno Stop definitivo all’era dell’usa e getta

eri sera sono intervenuto in Commissione IMCO su un tema che mi sta particolarmente a cuore, cioè sulla durabilità dei prodotti di largo consumo. In parole povere, sul fatto che da decenni ormai siamo incastrati in un meccanismo di “usa e getta” che oltre ad essere tutt’altro che etico non è più sostenibile. E’ un dato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Nuovo regolamento agricoltura biologica: persa una grande occasione

Quella di oggi poteva essere una giornata di svolta, dove finalmente si ponevano le basi per un buon regolamento sull’agricoltura biologica e in cui vi era la possibilità di uniformare le regole a livello europeo. Se è vero infatti che da un lato non si sono peggiorate le cose, dall’altro non posso però affermare che … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Reddito di cittadinanza per restituire la dignità!

Oggi vi ripropongo questo video del 20 maggio, registrato durante la marcia Perugia-Assisi. Viviamo in tempi in cui il cambiamento economico, la crisi del lavoro e l’allontanamento delle Istituzioni dai cittadini stanno creando nella popolazione malcontento, rabbia e povertà. Anche quelle fasce sociali, un tempo agiate, oggi si trovano in difficoltà. Stiamo vivendo un cambiamento … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Investire nell’agricoltura italiana per rilanciare il Paese

L’agricoltura è in forte crisi, la pressione sui prezzi sia alla produzione che alla distribuzione, questi ultimi dettati dalla Grande Distribuzione Organizzata, sta letteralmente mettendo in ginocchio il comparto. Oltre a ciò vi è un elenco di problematiche che aggiungono difficoltà alle difficoltà. Eppure le soluzioni ci sono. Questo il mio intervento su Sveglia Trieste.

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare