I Fondi europei diretti e le piccole imprese: un percorso di successo

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi più che mai l’accesso ai #fondi europei rappresenta un’opportunità da non perdere, un’occasione per poter realizzare progetti imprenditoriali virtuosi con una ricaduta sul territorio non solo dal punto di vista economico ma anche sociale e occupazionale.
Per riuscire a beneficiare delle risorse messe a diposizione dall’Unione Europea attraverso i fondi è necessario avere dei canali di informazione aggiornati e delle competenze specifiche, un “lusso” che spesso le piccole realtà imprenditoriali non possono permettersi.
E’ per questo che ho organizzato a Pordenone, col supporto del gruppo parlamentare #EFDD, un primo corso sui fondi europei diretti indirizzato alle piccole imprese e professionisti. 

Per chi non lo sapesse, i fondi diretti sono quelli che vengono gestiti per l’appunto direttamente dalla Commissione europea, senza intermediazioni da parte di enti amministrativi territoriali come ad esempio le regioni.
Come è facile immaginare è tutt’altro che immediato imparare ad individuare il bando europeo che faccia al caso di ciascuna azienda, come altrettanto impegnativo è scrivere correttamente e in modo ficcante ed efficace un progetto. 
In questa 3 giorni di full immersion abbiamo spiegato ai partecipanti le logiche dei fondi, la loro complessità, dove reperire le informazioni importanti, i punti chiave per scrivere un progetto. 

Vista la partecipazione e le richieste che mi sono pervenute continuerò su questa linea che vuole restituire il più possibile ai cittadini quanto questi danno all’#Europa.
E’ anche in questo modo che noi portavoce al Parlamento europeo possiamo e dobbiamo metterci al servizio della collettività per far sì che nessuno resti indietro.

Ti potrebbe interessare anche


I fondi europei per molti italiani sono ancora degli illustri sconosciuti

Le classifiche sull’utilizzo dei fondi europei dei Paesi membri che ne accedono attraverso i propri progetti, sono abbastanza impietose nei confronti dell’Italia. Ormai è noto che raccogliamo molto meno di quanto diamo all’Europa, un anacronismo che rischia di compromettere anche su questo fronte una possibile ripartenza del nostro paese. E’ per questo che noi parlamentari … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Ho visitato FICO Eataly World e purtroppo non ho trovato nulla di Fico

Recentemente sono andato a dare un’occhiata a FICO Eataly World a Bologna e ho raccolto una serie di immagini e video che voglio condividere con voi al fine di informare quanta più gente possibile su quale sia la realtà di questa tanto reclamizzata “Fabbrica Italiana Contadina”. A mio parere è un centro commerciale in piena regola, contornato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Tuteliamo la buona produzione, tuteliamo il Made In Italy

Come ho ribadito all’evento “Bio e Made in Italy” di Piacenza di domenica scorsa, per tutelare il Made in Italy occorre fare squadra.   A livello nazionale servirebbe un accordo chiaro tra produttori, trasformatori e commercianti, che punti realmente ad una tutela del Made in Italy. Purtroppo siamo molto in ritardo dall’ottenere un risultato simile … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Fondi strutturali di coesione: no ai tagli indiscriminati, sì ai risparmi mirati e meno burocrazia

La Commissione europea sta prefigurando uno scenario davvero drastico in merito ai tagli dei fondi di coesione. Dal mio punto di vista quella della Brexit è ormai una scusa, perché sono previsti tagli davvero elevati a fronte dei reali costi della Brexit. Lo stesso approccio viene mantenuto anche per ciò che riguarda i tagli dei fondi … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare