Fondi europei: il pesce puzza dalla testa

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Prendo spunto da un articolo che leggo sul Corriere a firma di Sergio Rizzo per fare qualche considerazione sull’utilizzo dei fondi europei, o meglio sul loro mancato utilizzo. L’articolo di fatto fotografa la situazione italiana, a dir poco raccapricciante per quanto riguarda l’utilizzo dei fondi, senza però andare alla radice del problema. Sì, è vero, siamo tra gli ultimi, ma perché?

fondiEuropei1200x627exe

Man mano che la mia esperienza in Parlamento europeo prosegue mi rendo sempre più conto che la posizione che l’Italia occupa in questa classifica non sia casuale, tutt’altro. Il nostro è un paese in cui da decenni manca in primis una visione a medio-lungo termine, si vive alla giornata, si arraffa l’arraffabile e si spera.

Questo a mio avviso è il taglio politico, l’indirizzo che è stato dato nel corso degli anni e che persegue imperterrito. E allora in questo contesto privo di qualcuno che sia in grado di disegnare un quadro entro cui dare un ruolo all’Italia, la conseguenza logica è la mancanza di programmazione, l’incapacità di saper distinguere tra urgenza e priorità.

A cascata quindi gli Enti pubblici non possono far altro che far propria questa non-visione seguendo l’onda. E i risultati si vedono, sono quelli descritti da Rizzo nel suo articolo.

E’ evidente quindi che, come si suol dire, il pesce puzza dalla testa, e che proprio per questo occorrano soluzioni drastiche.

L’unica soluzione possibile per un cambio di rotta che possa veramente farci ripartire è un governo a 5 Stelle. Non è uno slogan, sia chiaro, è un dato di fatto. Mentre il PD qualche giorno fa stava dirimendo le sue vicissitudini interne, che peraltro bloccano il Paese, e il Centro Destra era impegnato a discutere su come cacciare i richiedenti asilo, noi eravamo ad Ivrea nella fabbrica che fu di Adriano Olivetti, a disegnare il futuro dell’Italia, ascoltando i massimi esponenti del mondo della tecnologia, della ricerca scientifica, dalla sociologia, dell’informazione.

Ti potrebbe interessare anche


Etichetta a semaforo: un regalo alle multinazionali

Di etichetta “a semaforo” si parla già da anni. Si tratta di un’etichetta per i generi alimentari che utilizza i colori per indicare al consumatore la presenza e la quantità di determinate sostanze nel cibo che sta per acquistare (Sali, grassi, zuccheri, etc). Questo sistema è già in vigore nel Regno Unito, dove si è … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Economia Collaborativa, gli emendamenti M5S vanno a segno! Eccoli

Se gestita al meglio, l‘Economia Collaborativa è un’opportunità per tutti i cittadini. Sia come consumatori di beni e servizi, che possono trovare a prezzi più bassi e tagliati su misura delle loro esigenze. Sia come imprenditori, perché in un mercato aperto e concorrenziale la possibilità di creare start-up è ancora molto ampia. Certo, se lasciata … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Rinviata la ratifica sul CETA: possiamo farcela!

Grazie alla massiccia mobilitazione sul web da parte dei cittadini, il voto di ratifica sul CETA previsto per ieri al Senato non si è tenuto ed è stato rinviato a martedì 27 giugno! Per me questa è un’altra vittoria da parte della mobilitazione pubblica, la dimostrazione che la partecipazione del cittadino è essenziale: possiamo realmente … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Uova al Fipronil, la frittata è fatta

Lo scandalo delle uova al Fipronil si sta allargando a macchia d’olio. È gravissimo che si sua iniziato ad agire solo dopo vari mesi dalle prime segnalazioni, permettendo ai prodotti contaminati di attraversare più di mezza Europa. Questo atteggiamento incerto e fragile da parte dell’Unione Europea è sintomo che ancora molto è da fare per … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare