Fondi europei: il pesce puzza dalla testa

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Prendo spunto da un articolo che leggo sul Corriere a firma di Sergio Rizzo per fare qualche considerazione sull’utilizzo dei fondi europei, o meglio sul loro mancato utilizzo. L’articolo di fatto fotografa la situazione italiana, a dir poco raccapricciante per quanto riguarda l’utilizzo dei fondi, senza però andare alla radice del problema. Sì, è vero, siamo tra gli ultimi, ma perché?

fondiEuropei1200x627exe

Man mano che la mia esperienza in Parlamento europeo prosegue mi rendo sempre più conto che la posizione che l’Italia occupa in questa classifica non sia casuale, tutt’altro. Il nostro è un paese in cui da decenni manca in primis una visione a medio-lungo termine, si vive alla giornata, si arraffa l’arraffabile e si spera.

Questo a mio avviso è il taglio politico, l’indirizzo che è stato dato nel corso degli anni e che persegue imperterrito. E allora in questo contesto privo di qualcuno che sia in grado di disegnare un quadro entro cui dare un ruolo all’Italia, la conseguenza logica è la mancanza di programmazione, l’incapacità di saper distinguere tra urgenza e priorità.

A cascata quindi gli Enti pubblici non possono far altro che far propria questa non-visione seguendo l’onda. E i risultati si vedono, sono quelli descritti da Rizzo nel suo articolo.

E’ evidente quindi che, come si suol dire, il pesce puzza dalla testa, e che proprio per questo occorrano soluzioni drastiche.

L’unica soluzione possibile per un cambio di rotta che possa veramente farci ripartire è un governo a 5 Stelle. Non è uno slogan, sia chiaro, è un dato di fatto. Mentre il PD qualche giorno fa stava dirimendo le sue vicissitudini interne, che peraltro bloccano il Paese, e il Centro Destra era impegnato a discutere su come cacciare i richiedenti asilo, noi eravamo ad Ivrea nella fabbrica che fu di Adriano Olivetti, a disegnare il futuro dell’Italia, ascoltando i massimi esponenti del mondo della tecnologia, della ricerca scientifica, dalla sociologia, dell’informazione.

Ti potrebbe interessare anche


Accessibilità: nessuno deve rimanere indietro!

Ieri sono intervenuto in plenaria per chiedere al Parlamento Europeo di votare a favore della normativa sui requisiti di accessibilità dei prodotti e dei servizi che mira a migliorare la qualità di vita, nella sua quotidianità, di circa 80 milioni di cittadini europei con disabilità e di tutti i cittadini con limitazioni funzionali, come quelle … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Corsa a ostacoli per gli agricoltori del Friuli Venezia Giulia…

Per gli agricoltori carnici e di tutto il Friuli Venezia Giulia la riscossione delle indennità compensative provenienti dall’Unione europea è una vera e propria corsa a ostacoli senza fine. L’Agea, Agenzia nazionale per le erogazioni in agricoltura, dopo mesi e mesi di attese, ritardi su ritardi e continue promesse, ancora non fa quello che deve … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Salviamo l’agricoltura italiana! #StopCETA

Il CETA minaccia l’agricoltura italiana e il Made in Italy: oltre 4 mila cittadini, tra agricoltori, consumatori, attivisti e sindacalisti, si sono radunati ieri a Roma per chiedere al Senato di dire NO al CETA, l’assurdo trattato di libero scambio tra l’Europa e il Canada.   Con l’eliminazione di quasi tutti i dazi doganali sui … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Frutta e verdura nelle scuole elementari: pochi giorni alla chiusura delle adesioni

Come vi ho già detto in precedenza, il programma “frutta e verdura nelle scuole” che grazie al progetto europeo che lo sostiene, permettere ai bambini delle scuole elementari di mangiare la frutta e la verdura all’interno di un ampio programma educativo, chiuderà le adesioni il 31 luglio. Il progetto non riguarda solo i bambini ma … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare