Fondi strutturali di coesione: no ai tagli indiscriminati, sì ai risparmi mirati e meno burocrazia

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare
La Commissione europea sta prefigurando uno scenario davvero drastico in merito ai tagli dei fondi di coesione. Dal mio punto di vista quella della Brexit è ormai una scusa, perché sono previsti tagli davvero elevati a fronte dei reali costi della Brexit. Lo stesso approccio viene mantenuto anche per ciò che riguarda i tagli dei fondi alla politica agricola: con la scusa della Brexit si taglia ovunque. Questo approccio è assolutamente sbagliato. Ci vogliono risparmi mirati, non tagli indiscriminati, e soprattutto meno burocrazia.
La comunicazione della Commissione, di fatto, prefigura tre scenari possibili per il futuro della politica di coesione: – il mantenimento del livello attuale di finanziamento, pari a circa 370 miliardi per 2014-2020 anche nel prossimo quadro finanziario pluriennale; – l’eliminazione dei finanziamenti delle regioni più avanzate e di quelle in fase di transizione, con una riduzione della spesa di 95 miliardi. In questo caso solo le regioni del sud Italia sarebbero ancora eleggibili, mentre centro e nord Italia sarebbero escluse; – il mantenimento dei finanziamenti solo ai cosiddetti Paesi meno sviluppati (gli Stati dell’Est, Portogallo e Grecia), con riduzione della spesa di 124 miliardi.
Entrambi gli ultimi scenari sono assolutamente inaccettabili. Sono invece fermamente convinto che non dobbiamo puntare sui tagli, bensì sui risparmi andando a modificare tutti quei meccanismi che rendono inefficiente l’utilizzo dei fondi. Questo lo si ottiene con una seria  programmazione a tutti i livelli: innanzitutto eliminando sia i ritardi della Commissione che quelli della programmazione a livello nazionale. Questi ritardi fanno sì che i Paesi, per raggiungere l’obiettivo, spendano a più non posso e senza programmazione i fondi negli ultimi anni del programma.
Altro punto fondamentale è introdurre nella progettazione gli attori della società civile -gli stakeholder – coloro che, essendo impegnati in queste realtà, possono aiutare a spendere in modo corretto i fondi puntando su progetti concreti legati all’economia reale. Rendendo dunque efficace questo sistema, ci renderemo conto che non si dovrà nemmeno più parlare di tagli.

Ti potrebbe interessare anche


Rifiuti tossici a Pernumia (PD): pretendiamo risposte dalla giunta Zaia

Il M5S pretende da Bottacin, Assessore all’Ambente del Veneto, risposte immediate sulla tempistica del risanamento ambientale nell’area della discarica di Pernumia (Pd). Siamo davvero preoccupati perché la salute dei cittadini è a rischio: le analisi hanno infatti dimostrato la tossicità dei rifiuti per la presenza di idrocarburi e di metalli pesanti in quantità eccedenti i limiti … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Mettiamo fine agli allevamenti di animali da pelliccia in Europa! #MakeFurHistory

Sono molto felice di aver firmato in Parlamento europeo la petizione per mettere fine agli allevamenti di animali da pelliccia! Già molti Paesi europei come Austria, Gran Bretagna, Croazia e Slovenia hanno proibito l’allevamento di “animali da pelliccia”, termine già di per sé ridicolo, e molti altri Paesi come Olanda, Norvegia, Serbia e Repubblica Ceca hanno … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Dieselgate: cavie umane per i test dei gas di scarico delle auto. Allarmante

Non ci sono parole, dove andremo a finire? La ricerca invece di impegnarsi nella drastica riduzione dei gas inquinanti cosa fa? Preferisce dimostrarne la non pericolosità utilizzando delle cavie umane.   Sono davvero sconcertato dalla notizia riportata dagli organi di stampa -Sueddeutsche Zeitung e Stuttgarter Zeitung che rivelano nuovi particolari in cui sarebbero coinvolte Vw, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


A New York per la 62esima sessione della Commissione sullo stato della Donna

Oggi qui a New York mi aspetta una fitta agenda di incontri che avranno al centro il tema della condizione della donna ad oggi, nell’ambito della 62esima sessione della Commissione sullo stato della condizione femminile. Parleremo di parità di genere e dei ruoli fondamentali che le donne possono assumere nell’evoluzione dell’intera società. In quanto membro della Commissione … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare