La #Germania non punisce chi froda! E finalmente l’Europa apre una procedura di infrazione #Dieselgate #Volkswagen

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Dopo mesi di audizioni in Parlamento Europeo in cui appare quasi scontato, se non palese, che vari governi, tra cui quello tedesco, sapessero dei software truccati dalla Volkswagen per ridurre il livello di emissioni dichiarate rispetto a quelle effettivamente emesse. Ma per queste responsabilità lampanti, nessun governo nazionale, né tantomeno l’Europa, sono stati puniti.

Ma in questo scaricabarile, dove tutti sapevano e nessuno è responsabile, che non può certo lasciarci soddisfatti, arriva una prima nota positiva: l’Europa lancia contro la Germania una procedura d’infrazione. Una procedura che riguarda anche Gran Bretagna, Spagna e Lussemburgo.

Questi Paesi sono accusati di non aver introdotto nei loro ordinamenti (o non aver messo in atto, qualora presenti) le penalizzazioni necessarie a scoraggiare i produttori di auto a violare le norme sulle emissioni.

Marco Zullo M5S Europa dieselgate emissioni germania

In pratica, questi governi furbetti sono accusati da Bruxelles di non aver imposto le stesse penalizzazioni economiche che Volkswagen ha ricevuto negli Stati Uniti. Il motivo della scelta è semplice. A pensar male si direbbe che fossero in combutta con le case automobilistiche che non volevano sanzionare. Che dite?

Va poi aggiunto che ci sono altri tre Paesi in procedura di infrazione, Repubblica Ceca, Lituania e Grecia, per non aver neppure inserito nei loro sistemi legislativi delle norme che permettessero di sanzionare i produttori che frodano.

Ora la Germania e gli altri sei Paesi hanno due mesi di tempo per predisporre una memoria difensiva. Se queste memorie non saranno abbastanza solide, sarà la Corte di Giustizia Europea a stabilire le responsabilità delle autorità di omologazione nazionale (come la nostra motorizzazione). I Paesi sono a rischio sanzioni. Ma i cittadini che hanno pagato di più per auto che dovevano inquinare meno e sono stati frodati, chi li risarcisce?
TUTTO SUL #DIESELGATE http://bit.ly/2ehphEL

Ti potrebbe interessare anche


Il digital non può avere confini!

Dopo mesi di duro lavoro, il Parlamento Europeo ha approvato il nuovo regolamento sulla portabilità dei contenuti digitali. Questo significa, che dal prossimo anno, i cittadini Europei potranno utilizzare i loro abbonamenti online a film, libri, servizi musicali, serie TV, eventi sportivi, video giochi e altri contenuti multimediali, ovunque si trovino all’interno dell’Unione Europea. In … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il mondo reclama un’altra economia, e questo è possibile

Prendo spunto dalla lettura estiva di un libro, “l’Economia della ciambella” della docente universitaria di Oxford Kate Raworth, per fare alcune considerazioni sui modelli economici che stanno imperando in questo inizio millennio, modelli che oramai di fatto sono uno solo, quello del liberismo senza limiti, dell’omologazione, del precariato come nuovo modello economico fondato sulla schiavitù … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Formaggio agli antibiotici, la magistratura faccia chiarezza

La magistratura deve andare a fondo nell’inchiesta sull’utilizzo di residui antibiotici per lavorare Parmigiano Reggiano e Grana Padano. Non è accettabile che il buon nome e la qualità e la tipicità del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano vengano messe in discussione da azioni che sarebbero state compiute anche dall’ex presidente del Consorzio del Parmigiano … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Chiedi all’UE un’agricoltura più sana: partecipa alla consultazione online

In questi giorni si sta decidendo il futuro della Politica Agricola Comune (PAC), una delle politiche più importanti, influenti e dibattute dell’UE. Oggi, però, abbiamo la possibilità di esprimere la nostra opinione a riguardo: la Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica (online) sul futuro della PAC, che terminerà il 2 maggio 2017. Attraverso la … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare