La #Germania non punisce chi froda! E finalmente l’Europa apre una procedura di infrazione #Dieselgate #Volkswagen

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Dopo mesi di audizioni in Parlamento Europeo in cui appare quasi scontato, se non palese, che vari governi, tra cui quello tedesco, sapessero dei software truccati dalla Volkswagen per ridurre il livello di emissioni dichiarate rispetto a quelle effettivamente emesse. Ma per queste responsabilità lampanti, nessun governo nazionale, né tantomeno l’Europa, sono stati puniti.

Ma in questo scaricabarile, dove tutti sapevano e nessuno è responsabile, che non può certo lasciarci soddisfatti, arriva una prima nota positiva: l’Europa lancia contro la Germania una procedura d’infrazione. Una procedura che riguarda anche Gran Bretagna, Spagna e Lussemburgo.

Questi Paesi sono accusati di non aver introdotto nei loro ordinamenti (o non aver messo in atto, qualora presenti) le penalizzazioni necessarie a scoraggiare i produttori di auto a violare le norme sulle emissioni.

Marco Zullo M5S Europa dieselgate emissioni germania

In pratica, questi governi furbetti sono accusati da Bruxelles di non aver imposto le stesse penalizzazioni economiche che Volkswagen ha ricevuto negli Stati Uniti. Il motivo della scelta è semplice. A pensar male si direbbe che fossero in combutta con le case automobilistiche che non volevano sanzionare. Che dite?

Va poi aggiunto che ci sono altri tre Paesi in procedura di infrazione, Repubblica Ceca, Lituania e Grecia, per non aver neppure inserito nei loro sistemi legislativi delle norme che permettessero di sanzionare i produttori che frodano.

Ora la Germania e gli altri sei Paesi hanno due mesi di tempo per predisporre una memoria difensiva. Se queste memorie non saranno abbastanza solide, sarà la Corte di Giustizia Europea a stabilire le responsabilità delle autorità di omologazione nazionale (come la nostra motorizzazione). I Paesi sono a rischio sanzioni. Ma i cittadini che hanno pagato di più per auto che dovevano inquinare meno e sono stati frodati, chi li risarcisce?
TUTTO SUL #DIESELGATE http://bit.ly/2ehphEL

Ti potrebbe interessare anche


Buon 2018 !

A fine anno viene naturale fare un consuntivo del percorso fatto, delle battaglie vinte e degli ostacoli incontrati.
Di strada ce n’è ancora molta da fare perché l’Europa sia una vera unione di cittadini, e perché sia veramente una comunità in cui veramente nessuno sia lasciato indietro.
Auguro buon 2018 a tutti voi, ai vostri familiari, a chi volete bene, e a riveder le stelle!

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Europa, Italia

E’ ufficiale: le uova al Fipronil sono arrivate in Italia

Siamo solo all’inizio, Dai primi controlli del Ministero della Salute emergono le prime tracce di uova al Fipronil

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il mondo reclama un’altra economia, e questo è possibile

Prendo spunto dalla lettura estiva di un libro, “l’Economia della ciambella” della docente universitaria di Oxford Kate Raworth, per fare alcune considerazioni sui modelli economici che stanno imperando in questo inizio millennio, modelli che oramai di fatto sono uno solo, quello del liberismo senza limiti, dell’omologazione, del precariato come nuovo modello economico fondato sulla schiavitù … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Watly e i Vivai Cooperativi di Rauscedo: due eccellenze italiane in Friuli Venezia Giulia

Il 4 marzo rappresenterà una data epocale: verranno decise le sorti del nostro paese. Luigi Di Maio, il nostro candidato premier, si sta spendendo al massimo mettendoci cuore, anima e corpo: nel suo Rally tour, arrivato fino alla nostra regione, sta incontrando moltissime realtà produttive italiane. In Friuli Venezia Giulia, tra le tante aziende visitate … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare