La PAC è un’occasione che non possiamo più perdere

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Se da un lato posso ritenere positivo che la PAC abbia tra i suoi obiettivi prioritari quello dell’occupazione, più volte ho sottolineato che occorre una visione strategica che non si riduca alla mera individuazione di obiettivi quantitativi, ma che metta al centro la qualità dei prodotti e consideri in modo dettagliato e ragionato come ci si arrivi.

Se la popolazione che lavora in ambito agricolo in Europa, gli oltre 44 milioni di addetti, invecchia, è sicuramente necessario creare degli strumenti che rendano attrattivo questo settore.

Sono convinto che siamo sulla strada giusta quando leggo nella proposta di riforma della Commissione europea che il primo macro-obiettivo sarà promuovere occupazione, crescita e investimenti, che si cercherà di rafforzare la tutela dell’ambiente, l’economia circolare e la bioeconomia, e che ci si impegna a trovare applicazione concreta per le politiche di ricerca e innovazione, cosicché i risultati ottenuti non siano solo enunciazioni puramente accademiche.

Allo stesso modo mi pare corretto spingere per una stretta connessione tra agricoltori, le aree rurali e l’economia digitale.

Peraltro c’è da dire che esistono delle aree di forte miglioramento in questo Report d’Iniziativa, posizione che ho già espresso più volte, ovvero che occorrono regole comunitarie sui controlli al fine di evitare casi di concorrenza sleale tra Stati membri. Poi vi è la cosiddetta convergenza dei pagamenti in base alla quale rischieremmo un livellamento dei pagamenti agli agricoltori con caratteristiche analoghe di diversi paesi, non considerando i diversi livelli di reddito. Ciò avvantaggerebbe tutta la zona dell’Est Europa a discapito degli altri.

Resta grande assente la politica alimentare, per la quale si spendono poche righe. Si dichiara come obiettivo la lotta all’obesità attraverso un’alimentazione sana, ma la soluzione proposta riguarda solo i regimi di distribuzione e non un indirizzo della produzione.

Ti potrebbe interessare anche


A #TuXTu con Marco Antonio Attisani

Il mio lavoro mi dà l’occasione di incontrare persone che vogliono cambiare il mondo rispettandolo, attivandosi concretamente per arrivare a questo fine. È per questo che ho deciso di rendervi partecipi di alcuni dei miei incontri che svolgo settimanalmente, soprattutto quando ho l’opportunità di conoscere dei cittadini virtuosi. A TuxTu vuole raccogliere questi incontri. Qui ho … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Anche il Der Spiegel stronca #FICO e la tanto pubblicizzata Disneyland mondiale del cibo

All’estero continuano gli sbeffeggiamenti e le critiche da parte di autorevoli giornali alla fantomatica Disneyland mondiale del cibo: questa è la volta del DER SPIEGEL che, dopo il The Guardian, sferra un attacco pesante al fantastico modo di Farinetti e al sistema politico a lui collegato. Nell’articolo si denuncia come l’Italia stia in piedi grazie all’interconnessione del sistema … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


In Italia mai più stazioni precluse ai diversamente abili come a Cormons

L’Italia ha ancora tanta strada da fare per quanto riguarda la disabilità: è notizia di ieri che la stazione ferroviaria di Cormons non è accessibile alle persone disabili a causa della totale assenza di strutture che possano portare chi è su una sedia a rotelle dall’entrata ai binari attraverso il sottopassaggio e viceversa. Il montascale … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Difendiamo le radici del vino e della nostra Storia

La settimana scorsa ho partecipato ad un incontro pubblico che aveva per oggetto il futuro della viticoltura a partire dalle sue radici. Si è svolto a San Giorgio della Richinvelda, una piccola cittadina friulana che nel corso dei decenni si è specializzata nella produzione di “barbatelle”, cioè le piantine di vite di ogni qualità innestate … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare