Malles 3 – Pesticidi 1. Il TAR dà ragione ai cittadini

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Malles è stata una delle mie prime mete che ho visitato da quando ho iniziato a lavorare qui in Parlamento europeo. E’ un paese delizioso in Val Venosta il cui territorio vive principalmente di agricoltura. Un paese inserito in una vallata splendida, apparentemente intonsa, ma in realtà problematica proprio dal punto di vista della salute per i suoi abitanti. Infatti lì l’agricoltura è predominante, la coltivazione intensiva delle mele è nota, ma molte coltivazioni sono gestite in modo del tutto tradizionale con l’utilizzo dei pesticidi. Ci pensa poi il vento, che lì abbonda, a fare il resto propagando quei veleni nella vallata, anche sui campi di quei valorosi agricoltori che hanno scelto di coltivare in modo biologico. Ecco perché sono andato lì da subito, ci tenevo ad incontrare i cittadini che eroicamente stavano lottando per tutelare la loro salute e per dare loro un sostegno proprio in concomitanza del referendum che un comitato locale ha proposto al comune di Malles e che successivamente è stato fortemente sentito con un’affluenza record (oltre il 69%) e il 76% dei voti a favore dello stop.

Beh, le cose nella vita non sono mai semplici, soprattutto quelle importanti e così, un nucleo di 44 agricoltori che non ha accettato questo verdetto popolare si è rivolto al Tar, bloccando, almeno temporaneamente l’esito del referendum. La sentenza però è arrivata qualche giorno fa e ritengo sia da considerarsi una grande vittoria per il comitato dei cittadini presieduto da Johannes Fragner Unterpertinger, il farmacista della cittadina, e anche per il sindaco Ulrich Veith che caparbiamente ha lottato per far sì che le scelte dei suoi cittadini attraverso il referendum venissero rispettate.
malles

E’ vero, c’è ancora la possibilità che gli agricoltori sconfitti possano ricorrere al Consiglio di Stato, ma questa sentenza è doppiamente importante, perché proviene da un territorio che oggetto di interessi economici industriali rilevanti e perché veder rispettata la volontà dai cittadini attraverso lo strumento più democratico che è il referendum popolare fa ben sperare.
Perchè 3 a 1 vi chiederete ? Perchè l’impegno dei cittadini + il l’impegno del sindaco + l’esito del referendum fanno 3, e dall’altra parte il ricorso (perso) al Tar fa 1.

Link al post sulle ragioni del comitato: http://marcozullo.it/malles-vinto-le-ragioni-del-referendum-contro-luso-dei-pesticidi-2/

Ti potrebbe interessare anche


GPL di Chioggia: abbiamo portato il caso in Parlamento Europeo

Il caso del deposito Gpl di Chioggia è arrivato in Parlamento europeo: nell’ interrogazione che abbiamo da poco depositato, abbiamo fatto presente come l ‘iter decisionale del Governo italiano che ha portato alla sua autorizzazione, presenta numerose criticità. Esso sembra innanzitutto non aver tenuto conto delle peculiarità del territorio: dal 1987 l’intero bacino della laguna … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Quale futuro per l’agricoltura di montagna?

Lo scorso 6 ottobre ho organizzato un incontro a Tai di Cadore (BL) con i colleghi portavoce D’Incà, Scarabel e con la presenza tecnica di Marco Sartorato di Ecornaturasì. Abbiamo discusso insieme ai cittadini del futuro dell’agricoltura montana nel quadro europeo oltre che italiano, delle difficoltà e di come superarle, del biologico, del giusto prezzo … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Dal V-Day a Rousseau, 10 anni di partecipazione

Domani è una giornata molto importante: ricorre il decimo anniversario del V-Day. Quest’evento che avrà luogo a Trieste, a partire dalle 16.00, ospiterà al suo interno anche il primo Open Day Rousseau della Regione Friuli Venezia Giulia. Eravamo tantissimi 10 anni fa a Bologna e dobbiamo essere numerosi anche domani: ancora forte è il nostro … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


M5S: i nostri valori sono irrinunciabili

Qualche giorno fa ho incontrato seppur rapidamente, due persone speciali che, ognuna nel proprio percorso professionale, hanno dimostrato di avere una dote comune, ovvero la determinazione. Massimo Tammaro, oggi formatore e nel proprio curriculum vitae ex comandante delle Frecce Tricolore, passato poi alla Ferrari oltre ad altre esperienze, ha avuto ed ha tuttora una vita … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare