Nuovo regolamento agricoltura biologica: persa una grande occasione

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Quella di oggi poteva essere una giornata di svolta, dove finalmente si ponevano le basi per un buon regolamento sull’agricoltura biologica e in cui vi era la possibilità di uniformare le regole a livello europeo. Se è vero infatti che da un lato non si sono peggiorate le cose, dall’altro non posso però affermare che siano stati fatti passi in avanti per migliorarle. Purtroppo, questa grande occasione, è andata sprecata.

Oggi nel trilogo, in vista di una definizione del testo finale del nuovo regolamento sull’agricoltura biologica, si è cercato di trovare un compromesso dopo 20 mesi di negoziazioni -tra le più lunghe mai viste- perché c’ erano parecchi punti su cui di fatto non c’era ancora un accordo: ad esempio l’import -export, la possibilità di coltivare in serra in determinate aree del territorio europeo e le soglie per la quantità di residui ammessi per poter etichettare il prodotto come biologico.

biologicomeme1

L’Italia rappresenta un’eccellenza nel settore: abbiamo regole per la produzione serie e standard elevati, anche per quanto riguarda la presenza di residui di fitofarmaci: questa era dunque l’occasione per far sì che anche gli altri Stati si adeguassero a questi livelli e invece nulla è stato fatto in tale senso.

Anche se la commissione era partita in modo ambizioso, si è finiti poi ad un accordo al ribasso per l’ incapacità degli Stati di trovare una sintonia di intenti; si poteva fare di più, mi aspettavo una maggiore attenzione da parte degli Stati membri su quelli che sono gli aspetti qualitativi a dispetto degli interessi economici che, seppur leciti, non possono essere sempre l’ago della bilancia in una decisione.

Oggi in Europa ognuno guarda ai propri interessi e a fatica si percepisce un senso di comunità: è fondamentale invece andare in direzione contraria e unire le forze nel conseguimento di un obiettivo comune.

Il tema di oggi era davvero importante e delicato in quanto il biologico – che ha un’economia che si sta sviluppando molto velocemente e che cresce nonostante questo periodo storico di crisi- meritava un approccio che mettesse al centro, al contempo, le garanzie per il consumatore.

Ti potrebbe interessare anche


AAA cercasi distributore innovativo!

Anche i distributori di alimenti possono accedere al bando del programma Frutta e Verdura nelle Scuole! Il bando è suddiviso diviso in lotti regionali o macro-regionali in cui si specifica la tipologia di prodotti e la quantità di distribuzioni che devono essere garantite. E’ una buona occasione che al di là dell’aspetto economico che ovviamente … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Europa – Australia: una partita che non sarà a porte chiuse

Ancora una volta ci troviamo di fronte all’ipotesi di un accordo commerciale tra due continenti: l’Europa e l’Australia. E ancora una volta temiamo che dietro alle solite promesse di grandi praterie commerciali da conquistare, ci siano i solti accordi a porte chiuse tra pochi eletti. Rispetto al TTIP e al CETA questa volta c’è una … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi: ,
Categorie: Europa, Video

Parmigiano Reggiano e CETA: tuteliamo il Made In

  La ratifica del CETA da parte del Parlamento italiano è ufficialmente rinviata a data da destinarsi. Un esito che fa ben sperare e premia l’impegno che noi del 5 stelle abbiamo profuso in questi anni ma che tuttavia non è ancora sufficiente. La speranza è che la crescente consapevolezza dei cittadini spinga il Parlamento … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Schiaffo alla Commissione: vince la democrazia!

Oggi la Corte Europea con una storica sentenza ha finalmente sancito un principio per il quale ci siamo battuti in questi anni: qualsiasi accordo commerciale tra Unione europea e Stati terzi deve ricevere l’approvazione dei parlamenti nazionali e, se necessario, regionali dei Paesi membri. Finalmente si riconosce il diritto dei popoli europei di esprimersi tramite … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare