PAC: no ai tagli in agricoltura annunciati da Oettinger. Si punti ad una politica di risparmio

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il commissario Oettinger poco tempo fa ha annunciato tagli per 10 miliardi al bilancio per l’agricoltura, mettendo in grave difficoltà Paesi come l’Italia. Pur comprendendo la necessità di rivedere le dotazioni sono convinto che la soluzione migliore non siano i tagli, ma i risparmi: non sforbiciate lineari qui e là, ma un’analisi attenta di come vengono utilizzati i fondi per comprendere quali siano le spese inutili e come invece migliorare l’efficienza di quelle indispensabili.

Se l’intenzione della Commissione è quella di andare verso una convergenza dell’ammontare dei pagamenti diretti negli Stati membri, questa impostazione non può assolutamente trovarmi d’accordo.

Di fatto il tessuto sociale ed economico europeo è ancora molto differente, come è evidente. Un’equiparazione completa sarebbe del tutto iniqua, finendo col penalizzare ingiustamente gli agricoltori in quei Paesi in cui il costo della vita è sensibilmente più alto. Credo sia indispensabile conservare un legame tra la consistenza dei pagamenti e gli indicatori come il reddito medio pro capite. I pagamenti poi dovrebbero andare incontro anche alle realtà aziendali di dimensioni più ridotte che hanno più difficoltà sul mercato.

I dati ci dicono che tra il 2005 e il 2015 il numero delle aziende agricole è diminuito di circa 3,8 milioni e la dimensione delle aziende è invece aumentata del 36%: andiamo cioè verso una sempre più alta concentrazione della proprietà e della produzione e una pericolosa “industrializzazione” dell’agricoltura. I pagamenti dovrebbero perciò essere modulati in modo da favorire quelle aziende che generano maggiore occupazione in proporzione all’estensione, decrescendo con l’aumentare della dimensione per disincentivare le speculazioni che attualmente soffocano il mercato fondiario.

Inoltre mi dispiace molto che alle politiche alimentari siano dedicate poche righe. Mi auguro che il Parlamento europeo riesca a colmare questa lacuna con una chiara presa di posizione a favore di misure che promuovano la produzione e il consumo di cibi sani e di qualità.

Un ultimo cenno infine ad uno degli obiettivi enunciati nella comunicazione sul quale credo sarà opportuno sviluppare dei ragionamenti: collegare il mondo rurale all’economia digitale. Troppo spesso infatti nell’immaginario comune il settore agricolo rischia di apparire come obsoleto o ancorato al passato. Dobbiamo invece cogliere tutte le opportunità per dimostrare che così non deve essere e che anzi, le nuove tecnologie e metodologie -nel rispetto dei principi di tutela di salute e sicurezza- possono portare grandi benefici al settore, renderlo più efficiente sia nella fase della produzione che in quella della commercializzazione e attrarre le nuove generazioni.

 

Ti potrebbe interessare anche


Bayer e Monsanto: fusione letale

Come da copione di un film già scritto, la Commissione europea si è piegata senza troppi ripensamenti ai voleri delle multinazionali ed ha avallato la fusione tra Monsanto e Bayer, un colosso che da solo si stima occuperà quasi il 30% del mercato delle sementi e dei fitofarmaci. Una posizione dominante che evidentemente non preoccupa … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Politica agricola brasiliana: ecco le mie considerazioni

Vi riassumo la mia prima giornata di lavoro con la Commissione Agricoltura qui in Brasile. Buona parte del tempo oggi è stata dedicata agli incontri istituzionali con le autorità brasiliane in ambito agricolo e zootecnico nei quali ci è stato fatto il quadro della situazione  e sono stati esposti gli indirizzi e gli obiettivi della … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Scenari post Brexit: no ai tagli all’agricoltura e ai fondi per le Regioni

I tagli previsti all’agricoltura e ai fondi per le Regioni sono inconcepibili. La richiesta portata avanti dal cancelliere austriaco Sebastian Kurz, che ha sollecitato tagli a diversi programmi comunitari, è di fatto antieuropeista. Non dimentichiamo che l’Austria assumerà a luglio la presidenza di turno dell’Ue: proprio l’Austria che prima dimostra di voler abbandonare la collaborazione … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Lottare contro la fame, lottare per una qualità migliore del cibo

Durante la mia visita a New York ho incontrato le rappresentanti della FAO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.  Dal nostro incontro sono emerse alcuni interessanti istanze che personalmente condivido e che ho sempre portato avanti durante la mia legislatura in Parlamento Europeo. Infatti, nonostante il motto latino della FAO sia “fiat panis” (“che … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare