PAC: no ai tagli in agricoltura annunciati da Oettinger. Si punti ad una politica di risparmio

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il commissario Oettinger poco tempo fa ha annunciato tagli per 10 miliardi al bilancio per l’agricoltura, mettendo in grave difficoltà Paesi come l’Italia. Pur comprendendo la necessità di rivedere le dotazioni sono convinto che la soluzione migliore non siano i tagli, ma i risparmi: non sforbiciate lineari qui e là, ma un’analisi attenta di come vengono utilizzati i fondi per comprendere quali siano le spese inutili e come invece migliorare l’efficienza di quelle indispensabili.

Se l’intenzione della Commissione è quella di andare verso una convergenza dell’ammontare dei pagamenti diretti negli Stati membri, questa impostazione non può assolutamente trovarmi d’accordo.

Di fatto il tessuto sociale ed economico europeo è ancora molto differente, come è evidente. Un’equiparazione completa sarebbe del tutto iniqua, finendo col penalizzare ingiustamente gli agricoltori in quei Paesi in cui il costo della vita è sensibilmente più alto. Credo sia indispensabile conservare un legame tra la consistenza dei pagamenti e gli indicatori come il reddito medio pro capite. I pagamenti poi dovrebbero andare incontro anche alle realtà aziendali di dimensioni più ridotte che hanno più difficoltà sul mercato.

I dati ci dicono che tra il 2005 e il 2015 il numero delle aziende agricole è diminuito di circa 3,8 milioni e la dimensione delle aziende è invece aumentata del 36%: andiamo cioè verso una sempre più alta concentrazione della proprietà e della produzione e una pericolosa “industrializzazione” dell’agricoltura. I pagamenti dovrebbero perciò essere modulati in modo da favorire quelle aziende che generano maggiore occupazione in proporzione all’estensione, decrescendo con l’aumentare della dimensione per disincentivare le speculazioni che attualmente soffocano il mercato fondiario.

Inoltre mi dispiace molto che alle politiche alimentari siano dedicate poche righe. Mi auguro che il Parlamento europeo riesca a colmare questa lacuna con una chiara presa di posizione a favore di misure che promuovano la produzione e il consumo di cibi sani e di qualità.

Un ultimo cenno infine ad uno degli obiettivi enunciati nella comunicazione sul quale credo sarà opportuno sviluppare dei ragionamenti: collegare il mondo rurale all’economia digitale. Troppo spesso infatti nell’immaginario comune il settore agricolo rischia di apparire come obsoleto o ancorato al passato. Dobbiamo invece cogliere tutte le opportunità per dimostrare che così non deve essere e che anzi, le nuove tecnologie e metodologie -nel rispetto dei principi di tutela di salute e sicurezza- possono portare grandi benefici al settore, renderlo più efficiente sia nella fase della produzione che in quella della commercializzazione e attrarre le nuove generazioni.

 

Ti potrebbe interessare anche


Bollino rosso per il Made In Italiano

Purtroppo sono costretto a tornare sul discorso delle etichette “a semaforo” da poco autorizzate anche in Francia e che causano gravissimi contraccolpi per il mercato italiano. Sapete di cosa si tratta? Di un’etichetta per i generi alimentari che utilizza i colori per indicare al consumatore la presenza e la quantità di determinate sostanze nel cibo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


La Corte Europea dei diritti umani punisce Petra Reski e l’Europa che combatte le mafie

Ho conosciuto di persona Petra abbastanza recentemente anche se la sua fama di giornalista d’inchiesta e scrittrice mi aveva raggiunto ben prima. E’ una donna profonda, caparbia e che non si piega, nemmeno contro ciò su cui sta indagando da anni: la mafia. E’ proprio quest’ultima, la mafia, l’oggetto delle sue inchieste che da anni … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Europa, Italia

Mettiamo fine agli allevamenti di animali da pelliccia in Europa! #MakeFurHistory

Sono molto felice di aver firmato in Parlamento europeo la petizione per mettere fine agli allevamenti di animali da pelliccia! Già molti Paesi europei come Austria, Gran Bretagna, Croazia e Slovenia hanno proibito l’allevamento di “animali da pelliccia”, termine già di per sé ridicolo, e molti altri Paesi come Olanda, Norvegia, Serbia e Repubblica Ceca hanno … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stato dell’Unione? C’è ma solo a parole

Ho appena finito di ascoltare il discorso sullo stato dell’Unione di Junker. Al di là delle solite dichiarazioni di facciata che lasciano il tempo che trovano, i veri nodi, quelli che riguardano l’Europa e soprattutto l’Italia, Junker non li ha toccati. L’Unione Europea è un’unione solo formale, la condivisione dei rischi è di fatto lasciata … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Europa