Per un’agricoltura in armonia con l’ambiente diciamo no agli ogm!

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Anche nel nostro nord est l’agricoltura ha subito trasformazioni pesanti che, però, non hanno migliorato la qualità dell’ambiente rurale né rafforzato i nostri agricoltori. La politica della monocoltura ha pesantemente ridisegnato le nostre campagne: ha ridotto il numero degli agricoltori e ha ridotto la loro capacità di reddito.

Serve subito un’agricoltura che valorizzi e faccia crescere le straordinarie ricchezze e peculiarità del nostro territorio: un’agricoltura sostenibile che coniughi la qualità delle produzioni, la competenza dei produttori, il rispetto per l’ambiente e degli ottimi prodotti agroalimentari!

noogmmeme

Dietro l’angolo però c’è sempre l’ombra degli OGM, gli Organismi Geneticamente Modificati, che spinti dai colossi dell’agroalimentare stanno cercando di entrare anche nelle nostre normative agricole. Non possiamo permetterlo per diversi motivi, soprattutto perché l’utilizzo degli OGM comporta una gravissima perdita di biodiversità nell’ambiente.

La diversità biologica è sinonimo di ricchezza, di varietà, della coesistenza di varie forme di vita, tutte necessarie. La biodiversità è fondamentale, è il pilastro della salute del nostro pianeta. La diffusione, anche limitata, delle coltivazioni OGM in campo aperto comporterebbe la contaminazione delle altre colture, biologiche, biodinamiche e convenzionali, cambiando per sempre la nostra agricoltura che basa buona parte della propria economia sull’identità, sulla qualità e sulla varietà delle produzioni locali. La coesistenza non è possibile.

Per un’agricoltura in armonia con l’ambiente diciamo no agli OGM!

Ti potrebbe interessare anche


Portabilità: ora potrai accedere ai tuoi servizi anche dall’estero!

Oggi il Parlamento Europeo ha approvato a larghissima maggioranza la proposta di regolamento che istituisce la portabilità transfrontaliera dei contenuti digitali. Proposta per la quale mi sono battuto in qualità di relatore del report per la Commissione mercato interno e protezione dei consumatori (IMCO), seguendone i lavori sia durante l’iter parlamentare che durante le negoziazioni con … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Caso Fipronil: la Commissione Agricoltura in difficoltà cammina sulle uova

Eccovi un resoconto della mia partecipazione alla Commissione Agricoltura durante la discussione sul caso uova (e derivati) al Fipronil. In Commissione si parla di” basso rischio” senza in realtà sapere di cosa si stia parlando perché mentre discutiamo del Fipronil, pare ci sia un’altra sostanza pericolosa per i consumatori, l’Amitraz. Di questo Amitraz nessuno ne … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


In piazza contro il CETA!

Il giorno è arrivato: domani, martedì 27 giugno, il Senato deciderà se ratificare o meno il CETA. Se questo trattato suicida per l’Italia e per l’Europa venisse effettivamente ratificato sarebbe l’ennesimo regalo alle solite grandi multinazionali dell’agroalimentare e metterebbe ancora più in difficoltà le nostre piccole e medie imprese. Arriveranno sui nostri scaffali prodotti che … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Etichetta a semaforo: un regalo alle multinazionali

Di etichetta “a semaforo” si parla già da anni. Si tratta di un’etichetta per i generi alimentari che utilizza i colori per indicare al consumatore la presenza e la quantità di determinate sostanze nel cibo che sta per acquistare (Sali, grassi, zuccheri, etc). Questo sistema è già in vigore nel Regno Unito, dove si è … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare