Piove sul bagnato, l’UE è pronta a rinnovare il glifosato

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

“Sono fiducioso che nelle prossime settimane prenderemo una decisione per autorizzare nuovamente il glifosato per almeno i prossimi dieci anni”.

Glifosato 3

Con queste parole, il commissario europeo per l’agricoltura, Philip Hogan, lascia poco da intendere.

Nonostante l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro abbia classificato il glifosato come “probabilmente cancerogeno per l’uomo”, e che milioni di cittadini europei si siano mossi contro il rinnovo di questo erbicida, la Commissione europea si sta preparando ad avviare il processo di rinnovo del glifosato per almeno altri 10 anni, che potrebbero diventare 15.

E questa sarebbe un’istituzione al servizio dei cittadini?

No, questa è l’ennesima dimostrazione che la Commissione Europea ha più a cuore gli interessi delle multinazionali che la volontà dei suoi cittadini, e che, pur di non danneggiare le relazioni con queste, è pronta a sacrificare la nostra salute e quella dell’ambiente senza alcuna remora.

Infatti, il glifosato ha un prezzo. I gravi danni sulla popolazione causati da questo erbicida in Argentina sono sotto gli occhi di tutti, come documentato dal fotografo Pablo Ernesto Piovano.

Come possiamo lasciare che questo accada anche in Europa e in Italia, dove l’agricoltura svolge un ruolo fondamentale nell’economia e nella cultura del Paese? E’ possibile pensare di poter essere avvelenati, però nei termini di legge?

Non possiamo permettere che questa sostanza continui ad avvelenare la terra, l’acqua e il cibo che arriva sulle nostre tavole.

Non finisce qui. Attenderemo l’iter della cosiddetta “ICE”, l’Iniziativa dei Cittadini Europei. Attraverso l’ICE i cittadini stanno chiedendo alla Commissione europea il divieto totale del glifosato. Per farlo dobbiamo raggiungere un milione di firme in almeno sette diversi Stati membri dell’Unione europea. Qui potrete firmare per partecipare all’iniziativa. (https://stopglyphosate.org/it/)

Riporteremo la questione in Europa così da bloccare e bandire questa sostanza una volta per tutte!

Ti potrebbe interessare anche


Italia 5 Stelle: quando un evento ha la dimensione di comunità

Ogni volta che varco l’ingresso di Italia 5 Stelle ho la stessa sensazione di quando entro a casa mia: sto bene. Incontrare la gente che solitamente mi scrive e che magari non ho mai visto prima è un’occasione unica in cui rafforziamo le nostre relazioni. Rivedere molti amici e colleghi portavoce è altrettanto piacevole. Il … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


La Corte Europea dei diritti umani punisce Petra Reski e l’Europa che combatte le mafie

Ho conosciuto di persona Petra abbastanza recentemente anche se la sua fama di giornalista d’inchiesta e scrittrice mi aveva raggiunto ben prima. E’ una donna profonda, caparbia e che non si piega, nemmeno contro ciò su cui sta indagando da anni: la mafia. E’ proprio quest’ultima, la mafia, l’oggetto delle sue inchieste che da anni … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Europa, Italia

Nuovo regolamento sul biologico: un attacco ad un’eccellenza italiana

Oggi abbiamo votato il Regolamento sull’agricoltura biologica e sull’etichettatura dei prodotti biologici, dopo un lungo e tortuoso percorso di negoziazioni durato oltre 3 anni , che è più volte stato sul punto di fallire per le gravi e interessate pressioni di alcuni Stati Membri in seno alle istituzioni. Il risultato a cui siamo arrivati è … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Regolamento Omnibus: da oggi la politica agricola è più vicina alle aziende. Anche grazie al m5S!

Oggi abbiamo votato il Regolamento Omnibus: sono davvero soddisfatto del lavoro svolto dal nostro gruppo e dal fatto che i nostri emendamenti alla proposta originaria siano stati recepiti e abbiano ottenuto un voto favorevole. Finalmente siamo arrivati ad ottenere misure concrete di semplificazione e di tutela dei nostri agricoltori: da oggi la politica agricola è … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare