Polli alla diossina, il retroscena del carteggio tra UE e Ministero della salute

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La Commissione europea ha finalmente risposto al mio ennesimo accesso agli atti inviandomi il documento che fa chiarezza su chi le abbia comunicato i dati che minimizzavano la grave situazione di diffuso inquinamento ambientale presente nell’area di Maniago (PN), non permettendole di prendere in considerazione i due polli che risultavano contaminati dalla diossina.

Meme_polli

Da tempo mi sto occupando personalmente del caso e nella seconda interrogazione che ho presentato il 6 ottobre 2016 al Commissario Andriukaitis, questi mi rispose: “i due campioni non conformi ai limiti massimi di diossina presenti nelle carni di pollo analizzati nel 2015 provenivano da due piccole aziende a conduzione familiare, situate l’una vicino all’altra, in cui era allevato solo un numero ridotto di galline ovaiole. La situazione di queste aziende a conduzione familiare è stata oggetto di verifica in loco da parte delle autorità sanitarie locali mediante analisi dell’ambiente e degli alimenti di origine animale. Il problema è stato individuato nella cattiva manutenzione del cortile in cui erano allevati i polli ruspanti, dove sono state riscontrate prove dello sversamento di rifiuti (oli lubrificanti, ceneri residue e rifiuti incombusti)”.

Finalmente ho in mano il documento in cui si vede che la suddetta frase incriminata proviene in realtà dalla comunicazione ufficiale del Ministero della salute italiana, che risponde alla Commissione europea proprio in merito alla mia prima interrogazione del 16 febbraio 2016, come si può leggere nell’oggetto stesso della comunicazione, che potete trovare qui in allegato. Polli_diossina_documento_Ministero

Visto che il Ministero per rispondere alla Commissione europea si basa sui documenti che riceve dalla Regione Friuli Venezia Giulia, che è dunque la prima responsabile della grave minimizzazione del caso, chiedo ancora una volta a gran voce che la Regione scopra le carte e adotti tutti i provvedimenti necessari per portare alla luce il responsabile di questa inadeguata vigilanza.

Saranno in grado di risponderci chiaramente una volta per tutte?

Qui i miei precedenti articoli a riguardo:

http://marcozullo.it/polli-alla-diossina-la-regione-fvg-scopra-le-carte/

http://marcozullo.it/polli-alla-diossina-interrogazione-m5s-al-parlamento-ue/

Ti potrebbe interessare anche


Rivendichiamo il diritto a decidere sul nostro futuro

Il 4 marzo 11 milioni di cittadini hanno scelto il Movimento 5 Stelle, una forza politica che grazie al contratto siglato con la Lega avrebbe avuto la maggioranza assoluta in Parlamento. Ieri invece la decisione per un governo tecnico ha sancito come in Italia il voto abbia perso il suo valore, questa è una situazione … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Siamo noi a guidare il trattore, se lo vogliamo

In questi anni (ormai siamo quasi a 4) in cui mi occupo di agricoltura qui in Parlamento europeo, ho avuto l’opportunità di conoscere diverse realtà produttive e distributive sia per dimensione, che per modello organizzativo che per approccio. Ho così potuto osservare anche un’evoluzione molto netta nelle scelte d’acquisto delle persone grazie ad una maggiore … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


A New York per la 62esima sessione della Commissione sullo stato della Donna

Oggi qui a New York mi aspetta una fitta agenda di incontri che avranno al centro il tema della condizione della donna ad oggi, nell’ambito della 62esima sessione della Commissione sullo stato della condizione femminile. Parleremo di parità di genere e dei ruoli fondamentali che le donne possono assumere nell’evoluzione dell’intera società. In quanto membro della Commissione … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stop alle spose bambine!

Ieri sera al CINEMAZERO di Pordenone abbiamo festeggiato un grande avvenimento: la risoluzione del Parlamento europeo contro la triste realtà delle spose bambine. Infatti lo scorso 4 ottobre il Parlamento Europeo ha votato, su iniziativa del MoVimento 5 Stelle, a favore della nostra risoluzione contro la pratica dei matrimoni precoci. Mettere fine al dramma delle spose bambine non … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare