Progetto europeo Life Wolfs Alps: più che caccia al lupo è caccia ai voti!

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Che la mozione approvata in Consiglio regionale sull’uscita del Veneto dal progetto europeo Life Wolf Alps sia una mera mossa politica attuata dal cacciatore Berlato è assolutamente evidente: al consigliere di Fratelli d’Italia, di fatto, più che la caccia ai lupi interessa la caccia ai voti.

Berlato sa benissimo che la Giunta non deciderà per l’uscita da questo progetto per due semplici motivi: da un lato perché uscire da un progetto europeo comporterebbe la restituzione di tutti i fondi già erogati e dall’altro soprattutto perché verrebbero a galla le responsabilità politiche che hanno portato al fallimento del progetto stesso.

caccialupomeme2

Berlato, che è stato proprio come me membro della Commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale in Europa, dovrebbe sapere quanto siano preziosi i fondi europei: non possiamo perdere contributi economici importanti per una gestione errata da parte della Regione. La problematica dei lupi va affrontata sfruttando al meglio questi fondi: oltre 6,1 milioni sono stati buttati all’aria facendo vanificare il ruolo del progetto Life Wolf Alps. C’è inoltre da interrogarsi sul fatto che questo progetto, che in altre regioni europee ha funzionato, in Veneto non ha portato a nulla.

In consiglio regionale il M5S ha dunque votato contro questa mozione che vede in realtà coinvolti pochissimi lupi a fronte delle predazioni denunciate. Questo progetto europeo doveva essere sfruttato meglio: la Regione Veneto ne è ampiamente responsabile. Come sono state gestite queste risorse messe a disposizione? Che tipi di comunicazione si è fatta con gli allevatori ed i residenti? Sono state messe in piedi tutte le azioni possibili

La riflessione a monte non è dunque quella di uscire da un progetto europeo come prospettato da Berlato, bensì quella di usare quei fondi con intelligenza e capacità. La Regione dovrà assumersi le proprie responsabilità.

Ti potrebbe interessare anche


#Animalicomenoi: stop a macelli lager e allevamenti intensivi

Oggi sarò in collegamento con la sala stampa della Camera dei Deputati con Giulia Innocenzi, ideatrice e conduttrice televisiva di #Animalicomenoi (RAI2), e con i colleghi Busto, Bernini e Mantero,  in occasione della conferenza stampa che si terrà alle 10.00 il cui tema è: “come riformare i macelli lager e gli allevamenti intensivi nel rispetto … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Programma Frutta e Verdura nelle Scuole: il 31 luglio si avvicina!

Care e cari insegnanti, pensate sia importante educare maggiormente i bambini al valore di una sana e corretta alimentazione? Pensate che nelle mense delle vostre scuole non vi sia abbastanza frutta e verdura? Allora non perdete tempo, fatevi avanti e spingete le vostre scuole a partecipare al programma Frutta e Verdura nelle Scuole prima del … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Ratti morti e uova infestate: l’investigazione shock negli allevamenti italiani

Vi siete mai chiesti che cosa ci sia dietro il prezzo delle uova? Una sconcertante investigazione di Animal Equality Italia ha portato alla luce qual è lo standard delle industrie delle uova e delle terribili condizioni in cui vivono più della metà delle galline ovaiole allevate in Italia. Quello che gli investigatori hanno trovato all’interno … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Falsi prosciutti Dop? Chiarezza sulla questione, la Regione faccia la sua parte

Leggo in alcuni giornali la notizia dell’inchiesta sui falsi prosciutti Dop. La tutela delle eccellenze agroalimentari non può essere trattata con leggerezza: la denominazione di origine protetta è un marchio di garanzia della qualità del cibo che quotidianamente viene messo sulle nostre tavole. La salvaguardia del nostro settore agroalimentare, fiore all’occhiello dell’Italia nell’Europa e nel … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare