Rigassificatore nel nord Adriatico: una presenza non richiesta dall’UE

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La strategia energetica europea prevede la realizzazione di un rigassificatore nel Nord dell’Adriatico. Alla luce di queste indicazioni, nel febbraio del 2016 la Commissione europea ha dato pieno appoggio alla costruzione di questo rigassificatore sull’isola croata di Veglia e alle relative infrastrutture di supporto, tra cui un gasdotto che lo colleghi alla terraferma.La partita sembrava perciò definitivamente chiusa per il controverso progetto di Zaule. E invece, qualche giorno fa, spunta un parere di compatibilità ambientale rilasciato dal Ministero dell’Ambiente per il progetto del metanodotto “Trieste-Grado-Villesse”: un’opera che è intrinsecamente legata proprio alla realizzazione del rigassificatore di Zaule.

MEME_Rigassificatore

Già di per sé questa infrastruttura presenta criticità e zone d’ombra, se il parere di compatibilità è accompagnato da un numero record – 128 – prescrizioni da parte della Commissione tecnica, del ministero dei beni culturali e della Regione FVG. C’è da chiedersi chi potrebbe riuscire a controllare che tutti questi vincoli siano rispettati nel caso in cui si decidesse – sconsideratamente – di realizzarlo davvero

Ma la questione fondamentale é: che senso ha appoggiare un’opera che non figura nemmeno nella strategia della Commissione europea? Ci lamentiamo che l’UE spesso impone obblighi e vincoli contro la volontà popolare: per una volta che ciò non avviene, e che la voce dei cittadini è stata ascoltata, sono proprio le autorità nazionali a tradirla?

Non sarà che si sta cercando di far rientrare dalla finestra quello che la Commissione ha buttato fuori dalla porta, e cioè proprio il rigassificatore di Zaule dietro al quale ruotano pesanti interessi economici, calpestando ogni buon senso?

Mi unisco alla richiesta della portavoce regionale Ilaria Dal Zovo: la presidente Serracchiani si faccia carico di rappresentare l’interesse della nostra Regione in conferenza dei servizi, e si schieri apertamente e nettamente contro questo progetto, senza tentennamenti.

Una volta tanto che “non ce lo chiede l’Europa”, dimostri di fare ciò che ci chiede il FVG.

Ti potrebbe interessare anche


Allarme siccità in Emilia-Romagna

Assieme alla deputata M5S alla Camera Maria Edera Spadoni e al consigliere regionale M5S Gianluca Sassi, interverremo e faremo pressioni sul Governo affinché venga riconosciuta alla Regione Emilia-Romagna lo stato di calamità. La nostra agricoltura è messa in ginocchio da una crisi idrica davvero drammatica. Ci batteremo affinché il Governo riconosca a stretto giro lo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stop ai costi telefonici spropositati! Tariffe internazionali e nazionali uguali

Lunedì prossimo in Commissione Mercato Interno #IMCO, ci sarà un’importante votazione sul Codice delle comunicazioni elettroniche a cui parteciperò. Innanzitutto vi spiego di che cosa si tratta. Il Codice europeo delle comunicazioni elettroniche descrive nuove iniziative destinate a soddisfare le crescenti esigenze di connettività in Europa e a incoraggiare gli investimenti nelle reti ad elevata capacità, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


In agricoltura paghiamo la mancanza di visione

Il contesto agroalimentare europeo è potenzialmente un’opportunità eccezionale per il nostro Paese. L’Italia ha tutti gli ingredienti per essere leader in Europa. Purtroppo oggi così non è, a causa di una burocrazia che uccide letteralmente l’impresa agricola. I soldi europei ci sono ma magari manca un decreto che serve a sbloccarli, le politiche del lavoro … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Facciamo il punto sull’informazione, sulle censure, sulle fake news

Era da diverso tempo che stavo ragionando sul destino dei media e dei new media, sul fatto che ormai ognuno è autore e allo stesso tempo editore di se stesso, sulla superficialità con la quale alle volte si divulgano notizie non vere o non verificate. E poi c’è la censura, noi del Movimento 5 Stelle … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare