Rigassificatore nel nord Adriatico: una presenza non richiesta dall’UE

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La strategia energetica europea prevede la realizzazione di un rigassificatore nel Nord dell’Adriatico. Alla luce di queste indicazioni, nel febbraio del 2016 la Commissione europea ha dato pieno appoggio alla costruzione di questo rigassificatore sull’isola croata di Veglia e alle relative infrastrutture di supporto, tra cui un gasdotto che lo colleghi alla terraferma.La partita sembrava perciò definitivamente chiusa per il controverso progetto di Zaule. E invece, qualche giorno fa, spunta un parere di compatibilità ambientale rilasciato dal Ministero dell’Ambiente per il progetto del metanodotto “Trieste-Grado-Villesse”: un’opera che è intrinsecamente legata proprio alla realizzazione del rigassificatore di Zaule.

MEME_Rigassificatore

Già di per sé questa infrastruttura presenta criticità e zone d’ombra, se il parere di compatibilità è accompagnato da un numero record – 128 – prescrizioni da parte della Commissione tecnica, del ministero dei beni culturali e della Regione FVG. C’è da chiedersi chi potrebbe riuscire a controllare che tutti questi vincoli siano rispettati nel caso in cui si decidesse – sconsideratamente – di realizzarlo davvero

Ma la questione fondamentale é: che senso ha appoggiare un’opera che non figura nemmeno nella strategia della Commissione europea? Ci lamentiamo che l’UE spesso impone obblighi e vincoli contro la volontà popolare: per una volta che ciò non avviene, e che la voce dei cittadini è stata ascoltata, sono proprio le autorità nazionali a tradirla?

Non sarà che si sta cercando di far rientrare dalla finestra quello che la Commissione ha buttato fuori dalla porta, e cioè proprio il rigassificatore di Zaule dietro al quale ruotano pesanti interessi economici, calpestando ogni buon senso?

Mi unisco alla richiesta della portavoce regionale Ilaria Dal Zovo: la presidente Serracchiani si faccia carico di rappresentare l’interesse della nostra Regione in conferenza dei servizi, e si schieri apertamente e nettamente contro questo progetto, senza tentennamenti.

Una volta tanto che “non ce lo chiede l’Europa”, dimostri di fare ciò che ci chiede il FVG.

Ti potrebbe interessare anche


Francia al voto: i partiti tradizionali arrancano

Non credo sia dovuto al caso il risultato della prima tornata elettorale francese. Quest’espressione popolare, peraltro dalla partecipazione molto elevata, innanzitutto evidenzia una crisi profonda dei partiti tradizionali. Per la prima volta nella storia della Quinta Repubblica in Francia, nessuno dei due candidati dei grandi partiti di centrosinistra, ovvero i socialisti, e dall’altra parte i … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Europa, Italia

Sostieni l’ambiente e la tua salute: diciamo addio al glifosato!

Il glifosato contamina il suolo, l’aria, l’acqua e il cibo che arriva sulle nostre tavole. Distrugge gli ecosistemi, gli habitat naturali e riduce drasticamente la biodiversità. Per un ambiente protetto e un’alimentazione sana, senza rischi per la nostra salute, usciti all’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE): chiedi alla Commissione Europea di proporre agli Stati membri di … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Rinviata la ratifica sul CETA: possiamo farcela!

Grazie alla massiccia mobilitazione sul web da parte dei cittadini, il voto di ratifica sul CETA previsto per ieri al Senato non si è tenuto ed è stato rinviato a martedì 27 giugno! Per me questa è un’altra vittoria da parte della mobilitazione pubblica, la dimostrazione che la partecipazione del cittadino è essenziale: possiamo realmente … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


La Sagra dei Osei tortura gli uccelli

Leggo sul Gazzettino di una presunta circolare del Ministero dell’Ambiente in cui la Sagra dei Osei sarebbe stata definita come “una tortura per gli uccelli”. Cito testualmente ciò che viene riportato nell’articolo: “La Sagra dei Osei non è una festa della natura, bensì un evento in cui si pratica la tortura degli uccelli, costretti in … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare