Salviamo l’agricoltura italiana! #StopCETA

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare
Il CETA minaccia l’agricoltura italiana e il Made in Italy: oltre 4 mila cittadini, tra agricoltori, consumatori, attivisti e sindacalisti, si sono radunati ieri a Roma per chiedere al Senato di dire NO al CETA, l’assurdo trattato di libero scambio tra l’Europa e il Canada.
 
Con l’eliminazione di quasi tutti i dazi doganali sui prodotti agricoli, il CETA mette in serio pericolo l’agricoltura italiana, basata su piccole e medie aziende, mettendola in concorrenza diretta con i colossi agroindustriali canadesi, diversi sia per grandezza (basti pensare che la superficie media delle aziende agricole UE é pari a 16,1 ettari, mentre in Canada é di 314,8 ettari), sia per tipologia di produzione.
 
Le piccole e medie imprese italiane verranno schiacciate dalla concorrenza delle grandi multinazionali canadesi e dalle multinazionali americane con sede in Canada, lasciando a casa milioni di agricoltori italiani ed europei.
Meme_Stop_Ceta_04
 
Ma non é tutto! Questo trattato suicida per l’Italia e per l’Europa rischia di dare il via libera all’invasione degli OGM e della carne agli ormoni nell’UE, inserendo così un cavallo di Troia nelle norme UE relative alla sicurezza alimentare e fitosanitarie dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, già usate in precedenza dal Canada per attaccare in sede internazionale proprio le norme UE contro gli OGM e la carne agli ormoni.
 
Non possiamo accettarlo. L’eccellenza agroalimentare e la sua sicurezza sono la nostra bandiera. Per l’importanza del peso commerciale del Made in Italy, per l’agricoltura e per la sicurezza alimentare, l’Italia deve assolutamente dire #StopCETA.

Ti potrebbe interessare anche


Ecco perché l’economia circolare è sviluppo economico e sociale

L’economia circolare ci riguarda tutti: riguarda l’ambiente, le realtà aziendali, i loro modelli di lavoro, l’intera catena industriale. Si tratta di una rivoluzione ambientale, economica e culturale che chiama in causa produttori, consumatori, politici, enti governativi e, soprattutto, i cittadini. La crisi economica ci ha mostrato come lo sviluppo economico non coincide necessariamente con la … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Corsa a ostacoli per gli agricoltori del Friuli Venezia Giulia…

Per gli agricoltori carnici e di tutto il Friuli Venezia Giulia la riscossione delle indennità compensative provenienti dall’Unione europea è una vera e propria corsa a ostacoli senza fine. L’Agea, Agenzia nazionale per le erogazioni in agricoltura, dopo mesi e mesi di attese, ritardi su ritardi e continue promesse, ancora non fa quello che deve … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Difendiamo le api: il nostro lavoro al Parlamento europeo per tutelare e migliorare il settore dell’apicoltura

  Ho letto con molta attenzione l’articolo sulla drastica riduzione della produzione di miele pubblicato ieri sul Messaggero del Lunedì; sono lieto che il Messaggero abbia dato così tanto spazio ad una problematica che anch’io sto seguendo in Parlamento europeo. Fondamentale è migliorare la normativa europea sull’agricoltura; mi sono fatto promotore infatti di un’iniziativa volta … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Trasporto pubblico gratuito, riduciamo il traffico e recuperiamo le risorse

Domani sera, alle 20.30, sarò a Forlì per discutere di trasporto pubblico gratuito insieme a Paolo Vergnano, consigliere Comunale M5S di Rovereto, promotore della legge di iniziativa popolare sulla mobilità sostenibile in Trentino, Andrea Bertani consigliere Regionale del M5S Emilia-Romagna, Fabrizio Luches avvocato, pubblicista del Sole24Ore, esperto in materia urbanistica e Giancarlo Romanini, architetto urbanista … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare