Scenari post Brexit: no ai tagli all’agricoltura e ai fondi per le Regioni

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

I tagli previsti all’agricoltura e ai fondi per le Regioni sono inconcepibili. La richiesta portata avanti dal cancelliere austriaco Sebastian Kurz, che ha sollecitato tagli a diversi programmi comunitari, è di fatto antieuropeista. Non dimentichiamo che l’Austria assumerà a luglio la presidenza di turno dell’Ue: proprio l’Austria che prima dimostra di voler abbandonare la collaborazione europea, chiudendo le frontiere ai migranti, ora chiede tagli al budget. Questi sono esempi reali di antieuropeismo, ma fanno poco scalpore perché formalmente appartengono ai gruppi politici dominanti a Bruxelles. Infatti, non dimentichiamoci che Kurz è alleato di Berlusconi in Europa, entrambi fanno parte del Partito Popolare Europeo.

A mio avviso è fondamentale puntare sui risparmi: per far ciò bisogna analizzare attentamente come vengono utilizzati i fondi per far venire a galla le spese realmente inutili e al contempo comprendere come migliorare l’efficienza di quelle indispensabili.

Inoltre, ribadisco con forza anche in questa sede, che non ci può essere una convergenza dell’ammontare dei pagamenti diretti negli Stati membri: gli agricoltori di quei Paesi in cui il costo della vita è più alto non devono essere penalizzati. Non dimentichiamo inoltre quanto sia importante agevolare le piccole aziende che ovviamente fanno più fatica sul mercato trovandosi a competere con i grandi colossi

Non bisogna sottovalutare poi i dati che ci dicono che in un decennio, a partire dal 2005, la dimensione delle aziende è aumentata del 36% e il numero delle aziende agricole è diminuito del 3,8% circa: questo significa che si va verso una vera e propria industrializzazione dell’agricoltura. Dunque a mio avviso i pagamenti devono essere calcolati in modo da favorire quelle aziende che generano maggiore occupazione in proporzione all’estensione, decrescendo con l’aumentare della dimensione per disincentivare le speculazioni di cui, ad oggi, soffre il mercato fondiario.

Ci vuole una forte strategia e una volontà comune in questo senso: basta tagli ad un settore così importante quale l’agricoltura, sì alla razionalizzazione delle risorse e al taglio degli sprechi.

Immagine Commissione europea

Ti potrebbe interessare anche


Stop ai pesticidi!

ieri ho partecipato con il collega Federico D’Incà del MoVimento 5 Stelle a #cisondivalmarino ad una marcia assieme a tante persone che dicono NO all’uso dei #pesticidi. Già oggi è possibile utilizzare metodi e strumenti per tutelare ambiente, salute e persone #pesticidifree #m5s

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Grazie a chi si è messo in gioco con il MoVimento 5 Stelle!

Grazie a tutti coloro che hanno sostenuto il MoVimento 5 Stelle, a tutti gli attivisti che hanno lavorato senza sosta in questa fantastica campagna elettorale e a tutti candidati che si sono messi in gioco. Un risultato STORICO! Da oggi il Friuli Venezia Giulia ha tre nuovi Portavoce a cinque stelle: Luca Sut, Sabrina De Carlo e Stefano Patuanelli. … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


In Italia mai più stazioni precluse ai diversamente abili come a Cormons

L’Italia ha ancora tanta strada da fare per quanto riguarda la disabilità: è notizia di ieri che la stazione ferroviaria di Cormons non è accessibile alle persone disabili a causa della totale assenza di strutture che possano portare chi è su una sedia a rotelle dall’entrata ai binari attraverso il sottopassaggio e viceversa. Il montascale … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


#Dieselgate: la morte viaggia su strada

Ormai è acclarato, le conseguenze delle emissioni di diesel mietono ogni anno migliaia di vittime e l’Italia del Nord purtroppo detiene questo triste e preoccupante record. Il 50% dei decessi in tutta Europa dovuti a queste emissioni avvengono proprio da noi, in gran parte nel Nord Ovest d’Italia. I dati, abbastanza impietosi, provengono da due … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare