Stop alle contraffazioni: un’etichetta chiara per il miele Made in Italy

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La Commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha approvato un rapporto che suggerisce alla Commissione europea le nuove regole per disciplinare il settore dell’apicoltura. Abbiamo sostenuto con forza la richiesta di un’etichetta che non si limiti a indicare “miele UE/miele non UE”, ma che fornisca una piena tracciabilità del prodotto, anche in caso di mix, e definizioni chiare dal punto di vista legale di tutti prodotti apicoli (propoli, pappa reale, cera). 

Molte nostre proposte sono state approvate. Eccole:

1) diminuire gli oneri burocratici per chi vuole intraprendere questa attività.

2) armonizzare le norme nel settore biologico per eliminare le discrepanze burocratiche che impediscono a tutti i produttori di operare nello stesso mercato e alle stesse regole.

3) attribuire la responsabilità della diminuzione delle api a fattori umani, come l’agricoltura intensiva e l’aumento dell’utilizzo di prodotti fitosanitari.

4) finanziare i metodi di contrasto alle specie invasive.

5) necessità di preservare la diversità genetica delle popolazioni di api, perché questo patrimonio le rende più adattabili e maggiormente in grado di far fronte ai cambiamenti e ai rischi.

6) mettere un freno all’uso di sostanze dannose per le api.
Le api, come soggetti impollinatori, sono fondamentali per l’esistenza di tutta la catena di produzione alimentare e perciò bisogna salvaguardarle, proteggerle e migliorarne la diffusione. Purtroppo l’eccessivo uso di prodotti fitosanitari sta drasticamente riducendo la loro popolazione. Una responsabilità risiede anche nel fatto che manca il polline perché sempre meno terreni vengono mantenuti a prato.

Grazie a questo rapporto si chiede alla Commissione europea di vietare le sostanze come i neonicotinoidi o vari insetticidi delle quali si è scientificamente provata la dannosità per le api e di sospendere l’autorizzazione di tutte le sostanze per le quali vi sia questo sospetto, almeno fino ai risultati definitivi degli studi dell’EFSA.

Abbiamo chiesto, inoltre, che l’apicoltura sia adeguatamente sostenuta, sia dal punto di vista finanziario (aumento del 50% del budget destinato ai programmi nazionali, particolare attenzione al settore biologico) sia dal punto di vista della formazione, attraverso l’organizzazione di corsi per gli apicoltori, vecchi e nuovi, con focus sulle tecniche di preservazione dell’habitat e della biodiversità, come prerequisito per ricevere finanziamenti.

Confezione di miele made in italy

Ti potrebbe interessare anche


A Roma per parlare di agricoltura

Mentre attendiamo notizie positive per la formazione del nuovo governo, comunque a Roma il lavoro va avanti con i colleghi portavoce nazionali della Commissione #Agricoltura del MoVimento 5 Stelle.

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Ho visitato FICO Eataly World e purtroppo non ho trovato nulla di Fico

Recentemente sono andato a dare un’occhiata a FICO Eataly World a Bologna e ho raccolto una serie di immagini e video che voglio condividere con voi al fine di informare quanta più gente possibile su quale sia la realtà di questa tanto reclamizzata “Fabbrica Italiana Contadina”. A mio parere è un centro commerciale in piena regola, contornato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Watly e i Vivai Cooperativi di Rauscedo: due eccellenze italiane in Friuli Venezia Giulia

Il 4 marzo rappresenterà una data epocale: verranno decise le sorti del nostro paese. Luigi Di Maio, il nostro candidato premier, si sta spendendo al massimo mettendoci cuore, anima e corpo: nel suo Rally tour, arrivato fino alla nostra regione, sta incontrando moltissime realtà produttive italiane. In Friuli Venezia Giulia, tra le tante aziende visitate … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Tuteliamo la buona produzione, tuteliamo il Made In Italy

Come ho ribadito all’evento “Bio e Made in Italy” di Piacenza di domenica scorsa, per tutelare il Made in Italy occorre fare squadra.   A livello nazionale servirebbe un accordo chiaro tra produttori, trasformatori e commercianti, che punti realmente ad una tutela del Made in Italy. Purtroppo siamo molto in ritardo dall’ottenere un risultato simile … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare