Stop alle spose bambine!

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ieri sera al CINEMAZERO di Pordenone abbiamo festeggiato un grande avvenimento: la risoluzione del Parlamento europeo contro la triste realtà delle spose bambine.

Infatti lo scorso 4 ottobre il Parlamento Europeo ha votato, su iniziativa del MoVimento 5 Stelle, a favore della nostra risoluzione contro la pratica dei matrimoni precoci.

Mettere fine al dramma delle spose bambine non è soltanto urgente, si tratta di una vera e propria necessità. Per troppi anni i Paesi cosiddetti “evoluti” hanno assistito a questo scempio senza fare nulla di concreto. Il fenomeno abbraccia tutto il mondo, in larga parte i paesi dove questi matrimoni avvengono, come Bangladesh, Pakistan, India e Sri Lanka, ma anche l’Europa stessa. E’ infatti eclatante che ogni anno diverse bambine che frequentano le scuole primarie europee, durante i periodi di vacanza rientrino nel paese d’origine dei loro genitori, per poi sparire nel nulla, nella maggior parte dei casi vendute in matrimoni combinati.

Questo lungo percorso è stato reso possibile anche grazie all’attività e al fervore dell’Associazione pordenonese Neda Day di Taher Djafarizad, che voglio ringraziare per l’impegno che svolge a favore dei diritti civili.

Già nel maggio 2015 invitai l’Associazione Neda Day in Parlamento europeo a raccontare l’orrore della pratica della lapidazione. Pratica che purtroppo vige ancora in Paesi come Iran, Sudan, Pakistan, Afghanistan, Nigeria, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Yemen.

Da quell’evento nacque un’altra risoluzione parlamentare lanciata dal MoVimento 5 Stelle, che venne approvata il l’8 ottobre 2015, in cui per la prima volta l’Unione Europea ha condannato in modo esplicito la pratica barbara della lapidazione. Fu un primo grande passo per avviare un cambiamento verso la tutela della donne nei Paesi che applicano la legge islamica.

Ogni persona, ogni bambina, ha il diritto sacrosanto di autorealizzarsi, vivere liberamente e di essere tutelata nel farlo. Grazie a tutti coloro che ci hanno supportato!

#StopSposeBambine

Ti potrebbe interessare anche


Watly e i Vivai Cooperativi di Rauscedo: due eccellenze italiane in Friuli Venezia Giulia

Il 4 marzo rappresenterà una data epocale: verranno decise le sorti del nostro paese. Luigi Di Maio, il nostro candidato premier, si sta spendendo al massimo mettendoci cuore, anima e corpo: nel suo Rally tour, arrivato fino alla nostra regione, sta incontrando moltissime realtà produttive italiane. In Friuli Venezia Giulia, tra le tante aziende visitate … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Stop alle contraffazioni: un’etichetta chiara per il miele Made in Italy

La Commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha approvato un rapporto che suggerisce alla Commissione europea le nuove regole per disciplinare il settore dell’apicoltura. Abbiamo sostenuto con forza la richiesta di un’etichetta che non si limiti a indicare “miele UE/miele non UE”, ma che fornisca una piena tracciabilità del prodotto, anche in caso di mix, e definizioni … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Incontro con il Segretario Generale delle Nazioni Unite: la mancanza di parità di genere è influenzata da logiche di potere radicate

Ieri sera ho partecipato ad un incontro con António Guterres, Segretario Generale delle Nazioni Unite. Nel dibattere sul tema della parità di genere Guterres ha sottolineato come come questo obiettivo sia fortemente influenzato da logiche di potere radicate. Ciò lo si vede dal fatto che le norme che forzano in direzione della parità di genere … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Nell’agroalimentare premiamo la qualità: i nostri agricoltori devono tornare a fare reddito

Ieri ho incontrato i rappresentanti di Confagricoltura Rovigo in Parlamento europeo per ascoltare quali difficoltà affrontano i nostri agricoltori. Spesso infatti, dietro a dei prodotti italiani di altissima qualità ci sono degli agricoltori che fanno fatica a fare reddito a causa di normative europee che di fatto penalizzano la qualità dei controlli svolti in Italia. Di conseguenza … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare