Strategia Alpina, rivitalizzare agricoltura facendo sistema con turismo, artigianato ed economia locale

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La produzione agricola dei territori alpini è una produzione di qualità, ma resta una produzione di nicchia, ristretta ad un mercato limitato. Il nostro obiettivo deve essere quello di allargare il mercato. Per rivitalizzare l’agricoltura è necessario fare sistema con i settori locali come turismo e artigianato. Solo costruendo una rete forte riusciremo a valorizzare i prodotti tipici e a fare in modo che il mercato, per questi produttori, si allarghi.

 

 

Nella comunicazione della Commissione si sottolinea che nel 2012 l’agricoltura e la silvicoltura occupavano il 3% della forza lavoro totale della regione alpina.

Nel 2013 questo dato era sceso al 2,7%. Pur non parlando di numeri contenuti in assoluto, si tratta di un calo del 10% in un anno, un trend molto negativo.

 

Se da un lato esso può essere in parte attribuito allo sviluppo ed alla meccanizzazione della produzione, dobbiamo altresì attribuirlo ad una diminuzione dell’appetibilità di un settore che si trova ad affrontare sempre crescenti difficoltà e quindi risulta meno invitante soprattutto per le nuove generazioni.

 

Tra gli obiettivi della strategia, quello di rivitalizzare questo settore dovrebbe essere uno dei principali.

Le difficoltà sono legate a molteplici fattori, e solo alcuni di questi possono essere spiegati attraverso le caratteristiche intrinseche del territorio montano.

Le produzioni agricole di questi territori, infatti, sono spesso prodotti di qualità che però restano di nicchia, o hanno accesso ad un mercato limitato e ridotto.

 

Aziende di dimensioni limitate, molto spesso a conduzione familiare, hanno bisogno di un adeguato sostegno perché da sole potrebbero non avere i mezzi per fare lo scatto necessario nella catena del valore.

 

Non si tratta tanto di cambiare un modello di produzione che anzi, per la sua peculiarità, tradizione, compatibilità con l’ambiente, andrebbe per quanto possibile tutelato e preservato, quanto di migliorare l’integrazione con il tessuto economico con gli altri settori (turismo, PMI, etc) per aumentare il reddito di chi ci lavora e permettere la sopravvivenza di produzioni storiche e radicate.

Ti potrebbe interessare anche


La Regione FVG contro il Trasporto Pubblico Gratuito

Ieri il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia ha respinto l’emendamento proposto dai nostri portavoce sul trasporto pubblico gratuito. Non avevo dubbi che sarebbe andata così, d’altronde avevo letto le affermazioni dell’Assessore Santoro, una degna premessa al voto. Leggo le sue risposte in merito alle proposte dei miei colleghi portavoce regionali, risposte scontate perché provenienti … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Buon 2018 !

A fine anno viene naturale fare un consuntivo del percorso fatto, delle battaglie vinte e degli ostacoli incontrati.
Di strada ce n’è ancora molta da fare perché l’Europa sia una vera unione di cittadini, e perché sia veramente una comunità in cui veramente nessuno sia lasciato indietro.
Auguro buon 2018 a tutti voi, ai vostri familiari, a chi volete bene, e a riveder le stelle!

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Europa, Italia

GPL di Chioggia: abbiamo portato il caso in Parlamento Europeo

Il caso del deposito Gpl di Chioggia è arrivato in Parlamento europeo: nell’ interrogazione che abbiamo da poco depositato, abbiamo fatto presente come l ‘iter decisionale del Governo italiano che ha portato alla sua autorizzazione, presenta numerose criticità. Esso sembra innanzitutto non aver tenuto conto delle peculiarità del territorio: dal 1987 l’intero bacino della laguna … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Complimenti al collega e amico Fabio Massimo Castaldo eletto vicepresidente del Parlamento europeo

Fabio Massimo Castaldo è stato eletto vicepresidente del Parlamento europeo!! Questo è un voto storico e un chiaro riconoscimento per il M5S e per il lavoro che abbiamo svolto in questi anni, in cui abbiamo portato le istanze dei cittadini in Parlamento senza mai arretrare. Continuiamo così! Buon lavoro Fabio Massimo!

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Europa