Strategia Alpina, rivitalizzare agricoltura facendo sistema con turismo, artigianato ed economia locale

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La produzione agricola dei territori alpini è una produzione di qualità, ma resta una produzione di nicchia, ristretta ad un mercato limitato. Il nostro obiettivo deve essere quello di allargare il mercato. Per rivitalizzare l’agricoltura è necessario fare sistema con i settori locali come turismo e artigianato. Solo costruendo una rete forte riusciremo a valorizzare i prodotti tipici e a fare in modo che il mercato, per questi produttori, si allarghi.

 

 

Nella comunicazione della Commissione si sottolinea che nel 2012 l’agricoltura e la silvicoltura occupavano il 3% della forza lavoro totale della regione alpina.

Nel 2013 questo dato era sceso al 2,7%. Pur non parlando di numeri contenuti in assoluto, si tratta di un calo del 10% in un anno, un trend molto negativo.

 

Se da un lato esso può essere in parte attribuito allo sviluppo ed alla meccanizzazione della produzione, dobbiamo altresì attribuirlo ad una diminuzione dell’appetibilità di un settore che si trova ad affrontare sempre crescenti difficoltà e quindi risulta meno invitante soprattutto per le nuove generazioni.

 

Tra gli obiettivi della strategia, quello di rivitalizzare questo settore dovrebbe essere uno dei principali.

Le difficoltà sono legate a molteplici fattori, e solo alcuni di questi possono essere spiegati attraverso le caratteristiche intrinseche del territorio montano.

Le produzioni agricole di questi territori, infatti, sono spesso prodotti di qualità che però restano di nicchia, o hanno accesso ad un mercato limitato e ridotto.

 

Aziende di dimensioni limitate, molto spesso a conduzione familiare, hanno bisogno di un adeguato sostegno perché da sole potrebbero non avere i mezzi per fare lo scatto necessario nella catena del valore.

 

Non si tratta tanto di cambiare un modello di produzione che anzi, per la sua peculiarità, tradizione, compatibilità con l’ambiente, andrebbe per quanto possibile tutelato e preservato, quanto di migliorare l’integrazione con il tessuto economico con gli altri settori (turismo, PMI, etc) per aumentare il reddito di chi ci lavora e permettere la sopravvivenza di produzioni storiche e radicate.

Ti potrebbe interessare anche


Terraè – Officina della sostenibilità

Anche quest’anno torna a Pordenone “Terraè – officina della sostenibilità“, dal 27 aprile al 31 maggio.  Nata ormai otto anni fa dall’idea comune di un gruppo di cittadini che volevano rendere Pordenone punto di riferimento del lavorare-per-il-cittadino-e-l-ambiente, Terraè oramai è una realtà consolidata e di qualità, che ha deciso di parlare di sostenibilità a largo raggio al proprio territorio … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


L’arte del Friuli Venezia Giulia condivisa in Europa

Felice di aver assistito all’evento “Heroes Beyond Boundaries” (Eroi oltre i confini) del fumettista pordenonese Giulio De Vita al Comitato europeo delle Regioni a Bruxelles lo scorso mercoledì. Un momento importante per conoscere e ragionare sul linguaggio della fumettistica, arte di cui il Friuli Venezia Giulia conta vari importanti esponenti!  

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Portabilità transfrontaliera dei servizi online: il digital non può avere confini

Dal 1° aprile 2018 è entrato in vigore il nuovo regolamento sulla cosiddetta “portabilità transfrontaliera dei servizi online”.  Cosa significa? Se hai sottoscritto in Italia un abbonamento per guardare la tua serie tv preferita, le partite o ascoltare musica, o se intendi farlo, ci sono importanti novità. Guarda il video e condividi!

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


#IoSonoNelContratto a Villafranca

Bellissima giornata oggi a #VillafrancaDiVerona con Clara Zanetti M5S, candidata Sindaco, e i candidati portavoce e gli attivisti locali. Abbiamo incontrato tantissimi cittadini a cui abbiamo spiegato il contratto per il Governo del cambiamento e il programma per le amministrativa.

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare