Strategia Alpina, rivitalizzare agricoltura facendo sistema con turismo, artigianato ed economia locale

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La produzione agricola dei territori alpini è una produzione di qualità, ma resta una produzione di nicchia, ristretta ad un mercato limitato. Il nostro obiettivo deve essere quello di allargare il mercato. Per rivitalizzare l’agricoltura è necessario fare sistema con i settori locali come turismo e artigianato. Solo costruendo una rete forte riusciremo a valorizzare i prodotti tipici e a fare in modo che il mercato, per questi produttori, si allarghi.

 

 

Nella comunicazione della Commissione si sottolinea che nel 2012 l’agricoltura e la silvicoltura occupavano il 3% della forza lavoro totale della regione alpina.

Nel 2013 questo dato era sceso al 2,7%. Pur non parlando di numeri contenuti in assoluto, si tratta di un calo del 10% in un anno, un trend molto negativo.

 

Se da un lato esso può essere in parte attribuito allo sviluppo ed alla meccanizzazione della produzione, dobbiamo altresì attribuirlo ad una diminuzione dell’appetibilità di un settore che si trova ad affrontare sempre crescenti difficoltà e quindi risulta meno invitante soprattutto per le nuove generazioni.

 

Tra gli obiettivi della strategia, quello di rivitalizzare questo settore dovrebbe essere uno dei principali.

Le difficoltà sono legate a molteplici fattori, e solo alcuni di questi possono essere spiegati attraverso le caratteristiche intrinseche del territorio montano.

Le produzioni agricole di questi territori, infatti, sono spesso prodotti di qualità che però restano di nicchia, o hanno accesso ad un mercato limitato e ridotto.

 

Aziende di dimensioni limitate, molto spesso a conduzione familiare, hanno bisogno di un adeguato sostegno perché da sole potrebbero non avere i mezzi per fare lo scatto necessario nella catena del valore.

 

Non si tratta tanto di cambiare un modello di produzione che anzi, per la sua peculiarità, tradizione, compatibilità con l’ambiente, andrebbe per quanto possibile tutelato e preservato, quanto di migliorare l’integrazione con il tessuto economico con gli altri settori (turismo, PMI, etc) per aumentare il reddito di chi ci lavora e permettere la sopravvivenza di produzioni storiche e radicate.

Ti potrebbe interessare anche


Incontro col Movimento 5 Stelle di Pordenone e con i volontari dello Sportello SOS Anti-Equitalia FVG

Quello che ho imparato in questi tanti anni di “militanza” pacifica nel MoVimento 5 Stelle, è che anche una volta che sei stato eletto portavoce non devi assolutamente perdere i contatti col territorio. Questi sono la linfa vitale, l’essenza del nostro mandato. Ecco quindi che appena mi è possibile ogni settimana cerco di incontrare chi … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Formaggio agli antibiotici, la magistratura faccia chiarezza

La magistratura deve andare a fondo nell’inchiesta sull’utilizzo di residui antibiotici per lavorare Parmigiano Reggiano e Grana Padano. Non è accettabile che il buon nome e la qualità e la tipicità del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano vengano messe in discussione da azioni che sarebbero state compiute anche dall’ex presidente del Consorzio del Parmigiano … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Carne avariata dal Brasile, basta giocare con la nostra salute

Dopo settimane, ancora non è stata fatta chiarezza sullo scandalo della carne brasiliana avariata. Notizie più e meno preoccupanti si susseguono sui media, e perciò, di fronte a questa incertezza, mi sono rivolto direttamente al Commissario alla Salute Andriukaitis durante la sessione plenaria del Parlamento. Le informazioni che abbiamo ricevuto dalla Commissione sono tutt’altro che … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il CETA passa in commissione Affari Esteri al Senato, votato da PD e FI

Tra i nomi di coloro che hanno votato a favore ci sono Bruno Astore, Renato Schifani, Pier Ferdinando Casini, Mario Monti: nomi certamente non noti per aver dato un futuro migliore al nostro Paese e alla nostra economia. Il CETA in Aula non va presentato: continuate a sostenerci per evitare che questo trattato venga approvato … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare