Ambiente

L’ambiente è una risorsa limitata da cui dipendono il nostro sostentamento e il nostro benessere. Abbiamo bisogno di mille anni per costruire un centimetro di suolo, ma é sufficiente un anno per distruggerlo. Per contrastare il progressivo degrado del nostro ambiente occorre coinvolgere tutti gli attori politici ed economici per un’azione complessiva e coordinata a livello mondiale.

Dobbiamo fare di più. Molto di più di ciò che stiamo facendo. Molto di più di quello che è stato deciso a Parigi nel dicembre scorso, al termine della Conferenza sul Clima. Un accordo sul clima non può essere solo una dichiarazione di intenti, così come è accaduto. Un accordo, per avere risultati reali, non può che essere vincolante.

In Parlamento Europeo il Movimento 5 Stelle lavora per fornire strumenti di tutela ambientale. Perché se distruggiamo il nostro pianeta, non ci troveremo con un pianeta B.

SITUAZIONE ATTUALE

Per contrastare il progressivo degrado del nostro ambiente urge un intervento collettivo da parte degli Stati, delle amministrazioni nazionali, regionali e locali, delle imprese, delle Ong e dei singoli cittadini.

Un ambiente sano significa salute per le persone. Non stiamo parlando di paesi lontani, parliamo di grave inquinamento anche dei luoghi vicini a noi, quelli in cui viviamo. Come mostrano le analisi su campioni di uova, pesci, bovini, insalata e ortaggi gran parte del Veneto centrale è inquinata fortemente dalle sostanze perflouoro-alchiliche (PFAS), largamente usate nell’industria. Tutte queste sostanze entrano poi nella catena alimentare provocando a lungo andare danni alla salute delle persone e dei bambini, come dicono i medici per l’ambiente (ISDE) nelle loro preoccupanti dichiarazioni.

In definitiva possiamo continuare a non interessarci alla qualità dell’ambiente che circonda? Possiamo continuare a non batterci perché le istituzioni mettano al centro delle proprie politiche la salvaguardia del nostro ambiente?

Dobbiamo monitorare le azioni messe in campo dagli Stati e correggerle se inadeguate.

Dobbiamo predisporre dei piani nazionali vincolanti a supporto delle politiche di contrasto al cambiamento climatico.

COSA ABBIAMO FATTO NOI DEL M5S

Nelle Commissioni di cui faccio parte in Parlamento Europeo mi sono battuto per la tutela ambientale. All’interno della strategia per la costituzione della Macroregione Adriatico-Ionica ho ribadito che la crescita di un’area come quella della Macroregione dipende innanzitutto dalla capacità di attrazione turistica e dalle attività economiche legate alla specificità dell’ambiente e dell’ecosistema, piuttosto che dallo sviluppo industriale.

Siamo impegnati costantemente contro l’introduzione di pesticidi e Ogm in agricoltura e nella promozione di politiche agricole attente alla tutela della biodiversità e della qualità del suolo.

In Commissione Ambiente il M5S ha proposto una mozione di risoluzione che avrebbe impedito al glifosato di essere inserito nelle sostanze permesse dalla Ue.

Sempre la Commissione Ambiente ha approvato un progetto di relazione sull´economia circolare nel quale il Movimento é stato capace di inserire il principio della responsabilità estesa del consumo, in modo da obbligare le grandi imprese a farsi carico dello smaltimento degli oggetti che producono e ridurre l’impatto sull’ambiente.



Biodistretto, una storia di successo: il progetto pilota del Cilento

La crisi dell’attuale modello agricolo é sotto gli occhi di tutti. Il modello non é più sostenibile a livello ambientale etico ed economico. Noi del Movimento 5 Stelle pensiamo che esistano delle alternative e ci stiamo adoperando per dare al territorio gli strumenti necessari a portarle avanti. In quest’ottica, si inserisce il nostro lavoro sul … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Amianto, da UE OK a utilizzo di Fondi Strutturali, in FVG per lo smaltimento va aggiornato il Censimento Unico

Anche in Friuli Venezia Giulia i Comuni e la Regione potranno utilizzare fondi europei per lo smaltimento dell’amianto dagli edifici pubblici. Molti enti locali non sono a conoscenza della presenza di edifici con coperture in amianto sul proprio territorio: l’ultimo monitoraggio risale al 2007 e fu effettuato dall’Arpa. La speranza è che si arrivi presto … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia, Territorio

Interferenti endocrini, Commissione Ue condannata da Corte di Giustizia

La Commissione Europea è stata condannata per inerzia sugli interferenti endocrini, sostanze usate in moltissimi prodotti come i conservanti, in grado di alterare il sistema endocrino umano. Gli interferenti endocrini sono sospettati di essere la causa di diverse malattie quali cancro, infertilità maschile, disturbi ormonali,problemi al metabolismo e problemi neuro-comportamentali. L’accusa della Corte di Giustizia … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Efficienza energetica, la giungla di certificazioni e la possibile soluzione

Riscaldamento globale, uso di risorse non rinnovabili, inquinamento. Tutti problemi da affrontare in maniera congiunta, attraverso azioni sinergiche. Oltre il 50% dei consumi energetici provengono dall’edilizia, così come il 40% delle emissioni di CO2 e il 50% dei materiali estratti. Per ridurre queste percentuali dobbiamo agire per migliorare la sostenibilità degli edifici. Ma servono obiettivi … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Come si costruisce un Biodistretto passo per passo

La crisi dell’attuale modello agricolo é sotto gli occhi di tutti. Il modello non é più sostenibile a livello ambientale etico ed economico. Noi del Movimento 5 Stelle pensiamo che esistano delle alternative e ci stiamo adoperando per dare al territorio gli strumenti necessari a portarle avanti. In quest’ottica, si inserisce il nostro lavoro sul … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Le discariche sono il passato, Economia Circolare unico futuro possibile: NO ampliamento “TRE MONTI” di Imola

Anche l’Europa se n’è resa conto. Inceneritori e discariche sono il passato. L’unico futuro possibile va nella direzione  dell’economia circolare. Ampliare la discarica “Tre Monti” di Imola vuol dire creare maggiori danni all’ambiente. Le sostanze inquinanti immesse nell’atmosfera si riverseranno sul suolo e sui prodotti agricoli e ce le ritroveremo nel nostro cibo, sulle nostre … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Perché il cambiamento climatico mette a repentaglio il nostro cibo

Le emissioni di gas serra provenienti da agricoltura, silvicoltura e pesca sono quasi raddoppiate nel corso degli ultimi 50 anni e potrebbero aumentare di un ulteriore 30% entro il 2050 se non verranno messe in campo misure concrete per contrastare il cambiamento climatico, come ha ricordato la Fao in occasione della giornata mondiale del suolo. … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Discarica di Imola, Interrogazione alla Commissione UE

Il progetto dell’ampliamento della discarica Tre Monti di Imola é coerente con le politiche europee in tema di rifiuti? Lo abbiamo chiesto alla Commissione Europea in un’interrogazione scritta. Nel frattempo, venerdì scorso in piazza Matteotti a Imola erano presenti in tantissimi per ribadire il No all’ampliamento e difendere i loro interessi, mentre la classe politica … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia, Territorio

Ferriera di Trieste, gli interessi economici prevalgono sul diritto alla salute

Con il prossimo rilascio da parte della Regione dell’autorizzazione integrata ambientale (Aia) al reparto siderurgico della ferriera di Servola a Trieste, le restrizioni imposte sulle emissioni non garantiscono affatto la tutela della salute dei residenti del quartiere, alle prese da anni con l’ingombrante presenza dello stabilimento oggi di proprietà della Siderurgica Triestina. Fumi, odori, ma … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Italia, Territorio

Mille anni per costruire un centrimetro di suolo, un anno per distruggerlo

Il 5 dicembre è la giornata mondiale del suolo voluta dall’Onu. La Fao organizza una serie di incontri e conferenze per far comprendere la vera funzione del suolo e ne ho approfittato per fare due chiacchiere con il direttore della Fao a Bruxelles, Mustapha Sinaceur. Il suolo non serve soltanto per la produzione agricola, ma … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Fermiamo la discarica di Imola, alternativa è Economia Circolare

Oggi dalle 18 alle 20 in piazza Matteotti a Imola il Movimento 5 Stelle si schiera compatto per fermare l’ampliamento previsto della discarica Tre Monti, che rischia di far diventare l’impianto di Imola tra i più grandi in Italia. Insieme a Luigi Di Maio e a tanti altri portavoce M5S ci sarò anche io a … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia, Territorio

Ttip, il trattato delle multinazionali per escludere le Pmi

Il Ttip non è un braccio di ferro tra Europa e Stati Uniti, ma una guerra tra multinazionali e piccole imprese. Le prime spingono a fondo per un trattato commerciale tra i due blocchi che riduca drasticamente l’ingerenza degli Stati nei loro affari. Le norme statali che tutelano i cittadini in materia di salute, ambiente … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


1 15 16 17 18 19 20