Biologico

Le moderne tecniche di coltivazione biologica permettono di raggiungere ottime rese e una qualità superiore senza l’uso di pesticidi e fertilizzanti sintetici. Per il Movimento 5 Stelle il biologico deve essere la stella polare della nostra agricoltura, il modello al quale dobbiamo tendere per assicurarci un futuro più sano e in armonia con l’ambiente. Parliamo di un settore economico con un trend positivo a doppia cifra che dura da 7 anni, destinato a diventare il fiore all’occhiello dell’agroalimentare di qualità.

Perché scegliere il Biologico

L’impiego di sostanze chimiche in agricoltura pone la questione degli effetti negativi sull’ambiente e sulla salute umana. La maggior parte dei pesticidi è infatti costituita da molecole di sintesi create per combattere alcuni organismi, ma si rivelano generalmente pericolosi per gli organismi viventi, come conferma un’ampia letteratura scientifica. Questo spiega perché l’interesse dei consumatori per i prodotti biologici sia fortemente cresciuto negli ultimi anni.

Nei primi 5 mesi del 2014, i consumi nel mercato italiano del biologico sono cresciuti del 17,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un trend positivo che dura da 7 anni, mentre nello stesso periodo in Italia i consumi alimentari sono calati a picco. Gli operatori del settore biologico sono oltre 52mila con un aumento complessivo del 5,4% rispetto al 2012. Anche la superficie coltivata con metodi bio è in aumento del 12,8% rispetto al 2012.

L’Italia è prima in Europa per numero di aziende e superfici dedicate al Bio, sesta al mondo in termini di fatturato. Nel nostro Paese il settore bio vale 3,1 miliardi di euro. Non certo cifre di poco conto. Un euro investito nel Bio vale di più. Molto di più. Perché investire nei prodotti biologici significa investire sulla salute della terra che abitiamo e troppo spesso maltrattiamo. Significa investire sulla nostra salute.

Posizione del M5S

Il Movimento 5 Stelle sostiene un biologico senza se e senza ma, senza aziende miste, né Ogm. Un biologico con controlli regolari sul campo che tutelino il prodotto e dunque il consumatore. Un biologico con regole chiare e stringenti, ma che non stritolino gli agricoltori, ai quali deve essere garantito un ritorno economico più che dignitoso.

Linee guida alle quali abbiamo tenuto fede anche nei 22 emendamenti alla nuova normativa che regolamenterà il settore. Il biologico deve essere visto come un sistema sostenibile nel suo complesso, deve contribuire a tutelare l’ambiente, il clima e gli esseri viventi. La qualità dei prodotti biologici va assicurata durante ogni fase di produzione, trasformazione e distribuzione. E negli emendamenti lo scriviamo a chiare lettere.

 

 



Usa contro Eu: o carne all’ormone o forte ritorsione

Gli Usa non ci stanno più e intendono ricusare il memorandum stipulato con l’Unione europea che riguarda la messa al bando in Europa delle carni americane trattate con ormoni. L’annuncio di questo provvedimento è stato dato a Bruxelles in Parlamento dalla Commissione europea: gli Usa non avrebbero scrupoli a stracciare il memorandum per poter adottare … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Ceta: non è detta l’ultima parola

Il Ceta, nell’indifferenza di buona parte dei media italiani impegnati ad inseguire Virginia Raggi o a dare spazio a quel che rimane del Partito Democratico, nel frattempo è stato approvato dal Parlamento Europeo. Un accordo in pieno stile TTIP, ovvero liberalizzazione sfrenata, larghe autostrade per OGM ed altri alimenti e prodotti che in questo momento … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


IL PD sul #Ceta, come neve al sole

Innanzitutto diciamolo chiaramente, la posizione del PD renziano è a favore del #CETA in modo incondizionato. E’ a favore di un trattato che di fatto fa rientrare le logiche del TTIP dalla finestra, anche se questo accordo sciagurato sembrava definitivamente uscito dalla porta. Dalla porta principale invece entreranno nelle nostre case gli OGM, di cui … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il Governo italiano ci sta portando verso gli OGM, ma noi diamo battaglia

Io e i colleghi Evi e Pedicini stiamo seguendo da tempo, ognuno per le proprie competenze, la tematica degli OGM. Per la prima volta l’Italia, uno dei Paesi dove è più forte l’opposizione agli Organismi Geneticamente Modificati, ha dato il proprio voto favorevole alla proposta di coltivazione di tre piante transgeniche sul territorio comunitario. I … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Abbandoniamo l’uso dei pesticidi: incontro in streaming

Martedì 7 febbraio dalle 15.00 alle 18.00 parteciperò al convegno “L’utilizzo sostenibile dei pesticidi in viticoltura”. L’occasione è particolarmente interessante in quanto si parlerà dello sviluppo del settore vitinicolo con il superamento progressivo dell’uso dei pesticidi. Sarà possibile seguire in diretta l’incontro (di seguito tutti i dettagli), un’ottima occasione per gli studenti e chi vorrà … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Ridurre lo spreco alimentare, migliorare la sicurezza alimentare

La settimana scorsa sono intervenuto in Commissione AGRI in merito al problema degli sprechi alimentari. Questi si manifestano principalmente in due fasi conseguenti:  la prima è quella produttiva, cioè nella filiera alimentare. la seconda invece in quella del mancato consumo, la più evidente agli occhi dei cittadini. Entrambe però hanno un peso enorme e se fossero … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Io mio NO alla Sagra dei Osei

Ecco è i mio pensiero in relazione a questa manifestazione e a tutte le manifestazioni che hanno per oggetto l’utilizzo, il commercio e il maltrattamento degli animali. Esistono anche soluzioni semplici per trasformare eventi come questo privi di attinenza con il trend della sostenibilità e per toglierli dal loro anacronismo. Facciamoci sentire

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Biologico, senza soglia pesticidi, settore rischia clamoroso autogol

Se il nuovo regolamento sul Biologico non introduce una soglia di pesticidi e altre sostanze non autorizzate, sopra la quale il prodotto perde la certificazione biologica, il settore rischia un clamoroso autogol. I consumatori comprano prodotti Bio proprio perché hanno la certezza che non siano contaminati da pesticidi. Se questa certezza venisse meno, orienterebbero altrove … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Agricoltura biologica, proponiamo la visione M5S ai portatori di interesse del settore

La credibilità è l’autorevolezza della nostra azione politica crescono giorno dopo giorno. E la visione del Movimento 5 Stelle si fa strada nei dibattiti dei portatori di interesse. Oggi sono stato invitato alla tavola rotonda sul biologico organizzata da Confagricoltura per fare il punto sulle prospettive di un settore che oggi cresce del 10% all’anno … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Biologico, il Parlamento Ue vara la linea sul nuovo regolamento. L’opinione del M5S

Il settore Bio cresce con numeri da capogiro. In Italia, nell’ultimo anno, la superficie coltivata a Bio é cresciuta del 10,8%, gli operatori certificati del 5,8%. Eppure la normativa di riferimento é ferma al 2007. Per il settore significa un’eternità fa. Oggi la commissione Agricoltura del Parlamento Europeo ha varato la propria linea sulla proposta … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura

Biologico, la visione M5S espressa negli emendamenti

Un biologico senza se e senza ma, senza aziende miste, né Ogm. Un biologico con controlli regolari sul campo che tutelino il prodotto e dunque il consumatore. Un biologico con regole chiare e stringenti, ma che non stritolino gli agricoltori, ai quali deve essere garantito un ritorno economico più che dignitoso. Sono queste le linee … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Europa

Biologico, ennesima sconfitta del governo Renzi in Europa

Cambiano i tavoli di contrattazione, cambiano i ministri seduti al tavolo, ma il risultato é sempre lo stesso. La Germania ottiene ciò che vuole. L’Italia no. E’ accaduto anche con il nuovo regolamento sul biologico, discusso da mesi all’interno del Consiglio Ue, summit dei capi di Stato e di Governo dei 28 Paesi dell’Unione. Il … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Europa

1 5 6 7 8 9