Economia Circolare

Quando si parla di economia circolare l’attenzione all’aspetto normativo deve essere massimo affinché il rispetto dell’ambiente e della salute dei cittadini vengano inseriti al primo posto. Le materie prime rappresentano il 40% dei costi dell’industria manifatturiera europea. Se poi si aggiungono i costi di energia e acqua, raggiungiamo facilmente il 50% dei costi di produzione, mentre il costo del lavoro ammonta appena al 20%. Una gestione più efficiente delle risorse sarebbe in grado di produrre risparmi elevatissimi, che la Commissione Europea stima tra il 17 e il 24% entro il 2030. Senza contare che il 60% dei rifiuti prodotti non viene riciclato, il che rappresenta un’opportunità mancata soprattutto per le piccole medie imprese che potrebbero sviluppare nuove tecnologie verdi. In realtà, secondo i dati forniti dall’esecutivo europeo, il 93% delle Pmi nell’UE porta avanti iniziative per un utilizzo efficiente delle risorse, ma solo il 42% di queste ottiene risparmi reali. Questo vuol dire che gli strumenti esistono, ma le iniziative intraprese non sono affatto efficaci.

LA PROPOSTA DEL MOVIMENTO 5 STELLE

Per rendere più efficiente la gestione delle risorse dovremmo migliorare ulteriormente l’accesso ai fondi diretti, coinvolgere gli enti locali chiamati a gestire quelli indiretti, permettere loro di fare rete e favorire l’accesso ai finanziamenti da parte degli imprenditori. Una gestione più efficiente delle risorse porterebbe ad un risparmio di un quarto dei costi aziendali, una cifra enorme per tutte quelle imprese che ogni giorno lottano per sopravvivere alla crisi. Da parte delle Pmi la volontà di tagliare i propri costi e diventare più sostenibili è grande, ma non solo si trovano di fronte al ben noto problema di accedere con fatica ai fondi, ma hanno anche il problema di ottenere risultati concreti quando vi accendono.

COME MIGLIORARE LA MACCHINA EUROPEA

1)L’Ue dev’essere più vicina alle aziende, incentivando e sostenendo il piano di ricerca e sviluppo così da sviluppare metodi e strumenti che aiutino le Pmi ad essere più sostenibili.

2) L’Europa deve dialogare di più con l amministrazioni e con le associazioni di categoria, implementando le proprie agenzie di riferimento sul territorio, chiamate Europe Direct.

3) L’Europa dev’essere costantemente informata di quello che sta accadendo, in modo da correggere subito il tiro per ottenere risultati concreti. Monitorare sempre.

PIANO D’AZIONE VERDE PER LE PMI
Il Piano d’Azione Verde per le Pmi è una strategia europea che, con i dovuti aggiustamenti, potrebbe essere una leva fondamentale per le nostre aziende, che rappresentano il 70% del nostro tessuto produttivo e che sono la vera e propria anima, troppo spesso dimenticata, della nostra economia. Il Piano analizza le azioni a livello europeo per incentivare le Pmi ad investire sul risparmio energetico e per abbattere i propri costi di produzione. Per farlo, si concentra sugli sprechi energetici e sugli sprechi dei materiali. Una loro riduzione porterebbe le nostre aziende a essere più competitive, a creare più occupazione.

Commissione Europea e Stati nazionali dovranno monitorare i risultati conseguiti dalle Pmi che hanno avuto accesso ai finanziamenti per l’innovazione verde, in modo da valutare l’efficacia di tali finanziamenti. Qualora i risultati dovessero dimostrarsi insoddisfacenti, l’esecutivo comunitario dovrà necessariamente approntare le opportune modifiche per migliorarne l’efficacia in tempi brevi.

OCCUPAZIONE VERDE COME MOTORE PER IL FUTURO

Il M5S vuole spostare la tassazione dal lavoro ai consumi di CO2. Con strumenti di defiscalizzazione si andrebbero a favorire quelle aziende che producono e forniscono beni e servizi ad alto valore aggiunto ambientale.

Un secondo concetto importante è la riqualificazione: incentivare importanti settori come quello delle ristrutturazioni in ambito edile significa promuovere progetti di “manutenzione” del territorio, contrastando il dissesto idrogeologico. Inoltre, vanno eliminati tutti i sussidi, diretti e indiretti, che ancor oggi favoriscono il consumo di combustibili fossili e parallelamente definire dei target vincolanti di risparmio ed efficienza energetica implementando il ciclo dei rifiuti: la Commissione Europea deve reintrodurre al più presto la proposta sul pacchetto di revisione delle direttive sui rifiuti, capace di generare 180 mila posti di lavoro.

Sarebbe importante che i singoli Stati collaborassero sempre più con le Istituzioni Europee per istituire una banca dati che elenchi i corsi di formazione e le offerte di impiego legate all’occupazione verde, allo scopo di migliorare la qualità delle informazioni, la consulenza e l’orientamento disponibili a livello di opportunità professionali e competenze necessarie per trarre vantaggio dalle possibilità lavorative offerte da un’economia sempre più ecologica.



Risparmio energetico delle Pmi, tre proposte concrete per migliorare il Piano Verde Ue

Il piano d´azione europeo per rendere le Pmi piú efficienti dal punto di vista energetico va migliorato. Vi spiego quali sono le tre proposte concrete del Movimento 5 Stelle. Il Piano d’azione verde per le Pmi è una strategia europea che, con i dovuti aggiustamenti, potrebbe essere una leva fondamentale per le nostre aziende, che … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Piano d’azione verde per le Pmi, suggeritemi cosa proporre al Parlamento Europeo

Le materie prime rappresentano il 40% dei costi dell’industria manifatturiera europea. Aggiungendo i costi di energia e acqua raggiungiamo il 50% dei costi di produzione.  Mentre il costo del lavoro ammonta appena al 20%. Una gestione più efficiente delle risorse sarebbe in grado di produrre risparmi elevatissimi, che la Commissione Europea stima in un 17-24% … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Green Deal per ridurre emissioni e rilanciare settore energetico

Con il portavoce alla Camera Riccardo Fraccaro, qualche settimana fa, ci siamo recati a Londra, nella sede del ministero inglese per l´Energia e il Cambiamento climatico per studiare da vicino il progetto britannico che permette ai cittadini di rinnovare la propria abitazione dal punto di vista energetico a costo zero. Ora vorremmo replicarlo in Italia.

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Blue economy europea deve essere opportunità per nostre Pmi, non per multinazionali

La nuova strategia europea per la blue economy deve essere un’opportunità per le nostre piccole e medie imprese che ruotano attorno all’economia del mare. Un’opportunità per garantire una crescita sostenibile a un tessuto imprenditoriale fatto di aziende del settore delle attrezzature e dei macchinari legati alla pesca, alla nautica, alla cantieristica, al turismo e agli … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il mio intervento su Incentivi verdi per le Pmi

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Incentivi verdi per le Pmi

In Italia sempre piú Pmi investono per rendere piú efficiente la gestione delle risorse ed evitare gli sprechi. Ma meno della metá di loro riesce a ridurre effettivamente i costi di produzione. Questo significa che le molte iniziative europee sinora intraprese non sono efficaci. Ora stiamo discutendo un Piano d’azione verde capace di sostenere davvero … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Al lavoro in commissione Itre e Agri

Dopo l’interruzione dei lavori ad agosto, siamo tornati nelle scorse ore sui banchi delle commissioni dell’Europarlamento. Ieri ho partecipato alle votazioni della commissione Itre (che si occupa di industria, ricerca e tecnologia), sostituendo il collega David Borrelli. Assieme a Dario Tamburrano, siamo stati chiamati a votare due dossier: uno sul progetto di bilancio dell’Unione europea … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Bene bocciatura del ricorso di E.On. Ora aspettiamo la risposta definitiva su Zaule

Prodani e Zullo (M5S): “Bene bocciatura del ricorso di E.On. Ora aspettiamo la risposta definitiva su Zaule” «Accogliamo favorevolmente la notizia che il Tar del Lazio abbia respinto il ricorso di Terminal Alpi Adriatico (E.On) contro il provvedimento di Via negativa del ministero dell’Ambiente sul progetto di rigassificatore offshore da 8 miliardi di metri cubi, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


1 2 3