Quote latte

Trent’anni fa, per evitare che la produzione eccessiva di latte facesse crollare i prezzi di mercato, si decise, a livello europeo, di applicare di applicare un prelievo finanziario per ogni litro di latte prodotto oltre una soglia negoziata e stabilita Paese per Paese. Una misura volta a disincentivare la produzione in eccesso. Se non vogliamo che il crollo dei prezzi dovuto alla fine del regime delle Quote Latte, avvenuta il 31 marzo 2015, estrometta definitivamente dal mercato i piccoli agricoltori e i piccoli produttori, le amministrazioni locali, Regioni in testa, devono favorire e monitorare processi di aggregazione per competere sul mercato europeo.

Quote gonfiate e multe salate (agli agricoltori)

Il regime delle quote latte é terminato nel 2015 dopo 30 anni, ma continua a far parlare di sé. I contribuenti italiani hanno pagato per oltre 4 miliardi di euro al posto di alcuni allevatori insolventi e che buona parte degli allevatori che si sono visti recapitare multe salatissime che li hanno costretti a chiudere. Gli sforamenti delle quote che hanno dato origine alle multe continuano ad alimentare sospetti.

Per anni l’Italia ha dichiarato più di quanto ha prodotto. Ma per favorire chi, visto che poi, regolarmente, arrivavano le sanzioni da parte dell’Unione Europea? Se il gioco é durato così tanto, evidentemente qualcuno aveva interesse a portarlo avanti. Non certo i piccoli agricoltori, ai quali veniva detto come compilare le cartelle delle quote latte e che si sono visti appioppare multe pesantissime credendo di essere nel giusto. Forse qualcuno traeva dei benefici dalla compravendita delle quote latte? E al ministero delle Politiche Agricole nessuno si é accorto di nulla? Nessuno, tanto per cambiare, ha pagato le conseguenze di questo scempio.

Cosa vuole il M5S

Con l’uscita delle quote latte rimane comunque in vigore il pacchetto latte europeo, lanciato nel 2012, il quale però non affronta i nodi strutturali del settore, anche se indirizza risorse alle organizzazioni di produttori, che sul territorio regionale andrebbero pertanto promosse e favorite.

Se non vogliamo che il crollo dei prezzi dovuto alla fine del regime delle Quote Latte estrometta definitivamente dal mercato i piccoli agricoltori e i piccoli produttori, le amministrazioni locali, Regioni in testa, devono favorire e monitorare processi di aggregazione per competere sul mercato europeo e per sfruttare gli strumenti economici contenuti nel Pacchetto Latte, varato dall’Ue nel 2012.

Le Regioni dovrebbero quindi farsi carico della situazione e verificare se e quante associazioni sono state costituite sul territorio.



Corsa a ostacoli per gli agricoltori del Friuli Venezia Giulia…

Per gli agricoltori carnici e di tutto il Friuli Venezia Giulia la riscossione delle indennità compensative provenienti dall’Unione europea è una vera e propria corsa a ostacoli senza fine. L’Agea, Agenzia nazionale per le erogazioni in agricoltura, dopo mesi e mesi di attese, ritardi su ritardi e continue promesse, ancora non fa quello che deve … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Gli agricoltori fanno bene a protestare, sono stati lasciati soli dall’Ue

Gli agricoltori fanno bene a protestare. Sono esasperati da questa situazione. Vendono il latte alla stalla a 35 centesimi al litro. Rendiamoci conto che 35 centesimi vuol dire un terzo di una tazzina di caffé o di una bottiglietta d’acqua. Il settore vive una crisi tremenda, anche per colpa dell’embargo imposto all’Europa dagli Stati Uniti … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura

Quote latte, il doppio conteggio che ha causato gli sforamenti

Il regime delle quote latte é terminato il 30 aprile scorso dopo 30 anni, ma continua a far parlare di sé. Intanto perché é costato ai contribuenti italiani oltre 4 miliardi di euro e a molti allevatori multe salatissime che li hanno costretti a chiudere le attività. Poi perché gli sforamenti delle quote che hanno … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Europa

Fine delle Quote Latte, salviamo i piccoli produttori

I produttori agricoli devono essere al centro della politica europea. Le parole d’ordine sono qualità e informazione dei prodotti. I consumatori devono sapere cosa stanno mangiando. I piccoli produttori vanno tutelati e la sovranità alimentare difesa, altrimenti sopravviveranno solo le grandi catene di distribuzione. Mi trovo a Bruxelles, davanti alla sede del Parlamento Europeo, dove … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Agricoltura, Video

Quote Latte, multe non pagate per 15 anni. E lo Stato dov’era?

Sulle Quote Latte siamo all’ennesimo teatrino. L’Ue deferisce l’Italia davanti alla Corte di giustizia europea per il mancato recupero di 1,3 miliardi di multe ai produttori che hanno sforato le quote latte tra il 1995 e il 2009, e il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina interviene spiegando come sia inaccettabile che per 2.000 allevatori … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura

Quote Latte, un litro di latte costa meno dell’acqua. La politica batta un colpo

Il primo aprile termina il regime delle Quote Latte. I piccoli agricoltori e i piccoli produttori rischiano di essere sbattuti fuori dal mercato nei prossimi mesi per via del crollo dei prezzi. Già oggi un litro di latte costa meno di un litro d’acqua. https://www.youtube.com/watch?v=sYu_ii0GF4U   Le quote latte sono state istituite nel 1984 e … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Europa, Video

Stop quote latte, le Regioni facciano la loro parte

Le Regioni non lascino soli i piccoli produttori che saranno duramente colpiti dalla fine del regime delle quote latte che scatterà il primo aprile. Il Pacchetto Latte europeo, già in vigore, indirizza risorse alle organizzazioni di produttori. Le Regioni, come accaduto in Paesi come Francia e Germania, dovrebbero quindi farsi carico della situazione e verificare … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Italia