Un approccio dal basso per fare politica

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Tra poco, alle 15.00, parteciperò all’evento “Bridging civic innovation and politics” organizzato con la mia collega e amica Eleonora Evi.

Partecipazione

L’evento tratterà della crescente partecipazione del cittadino nella politica e nell’economia, a cui stiamo assistendo in tutto il mondo attraverso varie iniziative che stanno diventando una forza motore verso per un cambiamento in positivo.

Tra questi iniziative troviamo ovviamente la democrazia digitale, le collaborazioni che partono dal basso, gli open data e l’economia collaborativa.

In questo evento io presenterò l’Economia Collaborativa, o sharing economy. Che cos’è l’economia collaborativa?

L’economia collaborativa è una forma di economia che si sta sviluppando prevalentemente sul web, attraverso piattaforme come AirBnb, Uber, BlaBlaCar, Subito.it, e altre piattaforme che consentono di trovare facilmente figure professionali come dottori e idraulici, o la babysitter che guarda i vostri bambini quando siete al lavoro.
Queste piattaforme però non sono tutte uguali. Alcune sono di tipo puramente collaborativo, come CouchSurfing, dove si mette a disposizione il proprio divano (o letto) con il solo scopo di conoscere gente nuova e chiedere ospitalità; oppure BlaBlaCar, dove si chiede o si concede un passaggio in auto a fronte di un rimborso per i costi di benzina e autostrada. Altre poi invece sono delle vere e proprie attività a scopo di lucro.

Dell’economia collaborativa mi piace soprattutto puntare i riflettori sulla dimensione sociale che alcune piattaforme possono vantare, e sui nuovi modelli di business “cooperativi” che stanno nascendo. Abbiamo varie piattaforme che incorporano elementi sociali, come quelle per la raccolta di fondi come KickStarter. Il modello di finanziamento di queste piattaforme ha dato a molti privati cittadini la possibilità di finanziare i loro progetti che altrimenti altre isituzioni avrebbero bocciano o che comunque faticherebbero ad avere accesso ai canali commerciali tradizionali.

Ma non solo, dall’economia collaborativa nasce un senso di comunità ed empatia, mirato alla collaborazione, al riuso, alla partecipazione e al risparmio. La partecipazione e il senso di comunità sono dei valori di cui oggi più che mai abbiamo bisogno.

Non di meno sono certo che queste piattaforme di Economia collaborativa possano essere una specie di salvagente contro la crisi. La consapevolezza che abbiamo è che non si può fermare il futuro. Se le piattaforme di economia collaborativa hanno avuto una diffusione così rapida nel giro di pochi anni è perché i servizi tradizionali non sono stati spesso capaci di soddisfare i bisogni dei cittadini: a volte dal punto di vista della qualità, altre volte per il prezzo, altre ancora perché troppo lontane dal consumatore.

Queste piattaforme sono la risposta dal basso a dei settori che hanno mostrato delle lacune e inadeguatezze. Già oggi forniscono nuove opportunità lavorative per chi risulta disoccupato o inattivo, e rappresentano il primo approdo nel mercato del lavoro per molti giovani che faticano a trovare un primo impiego.

Seguite il mio intervento su: http://youtu.be/7RC2PE3dGxA

Ti potrebbe interessare anche


Proposta direttiva Bolkestein: aumenta la burocrazia e alimenta l’insofferenza dei cittadini

Ieri ho partecipato al dibattito sulla proposta della Commissione Europea sulla procedura di notifica delle norme nazionali che rientrano nel campo della direttiva servizi, meglio conosciuta come direttiva Bolkestein. In poche parole la Commissione parlamentare sul Mercato interno e la protezione dei consumatori (IMCO), di cui faccio parte, sta rivedendo la proposta della Commissione Europea, … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


A Pasqua non renderti partecipe di questo orrore

Le indagini svolte dall’associazione Essere Animali in alcuni allevamenti di agnelli hanno portato alla luce, ancora una volta, la terribile realtà della macellazione. Oltre alla drammatica condizione in cui gli animali sono costretti a vivere, le riprese mostrano delle gravi inadempienze degli operatori, che si ripercuotono sulle condizioni dei giovani animali. Ciò avviene durante lo … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il digital non può avere confini!

Dopo mesi di duro lavoro, il Parlamento Europeo ha approvato il nuovo regolamento sulla portabilità dei contenuti digitali. Questo significa, che dal prossimo anno, i cittadini Europei potranno utilizzare i loro abbonamenti online a film, libri, servizi musicali, serie TV, eventi sportivi, video giochi e altri contenuti multimediali, ovunque si trovino all’interno dell’Unione Europea. In … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Polli alla diossina, la Regione FVG scopra le carte

Quelle carte devono saltare fuori, la Regione FVG scopra i documenti inviati a Bruxelles: sono quei dati ad aver portato la Commissione Europea a minimizzare la grave situazione di inquinamento ambientale che è invece presente nel maniaghese. Dato che abbiamo ricevuto solo documenti parziali da parte della Commissione Europea, invito nuovamente la Regione FVG a … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare