Vendita contenuti digitali, attenzione al consumatore

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La Direttiva sulla fornitura di contenuti digitali, si incrocia con la direttiva sulla vendita di beni tangibili, che stiamo discutendo parallelamente, ma anche con altre normative, quali il regolamento generale sulla protezione dei dati personali e il codice delle telecomunicazioni.

Io sostengo la distinzione tra contenuti e servizi digitali, come avete potuto constatare dai miei emendamenti. Ampliare l’accezione di una definizione già vigente, come quella di contenuto digitale, è un approccio rischioso.

Meglio mantenere per i contenuti la definizione presente nella direttiva del 2011 sui diritti dei consumatori – definizione che comprende programmi informatici, applicazioni, giochi, musica, video o testi – e aggiungere la definizione di servizi digitali, che include servizi di cloud, file hosting, social media, piattaforme di condivisione video e audio come Youtube, servizi di messaggistica istantanea come Telegram e WhatsApp.

La domanda alla quale è forse più difficile trovare risposta è questa: quando abbiamo prodotti con un software inglobato, come uno smartphone o un elettrodomestico intelligente, quali regole e garanzie si applicano nel caso di difetto del bene, quelle della direttiva dei beni tangibili o quelle della direttiva sui contenuti digitali?

Dare una risposta netta è difficile. Dunque, a maggior ragione, la direttiva per l’acquisto di beni tangibili e quella per la fornitura di contenuti digitali non devono contenere elementi contraddittori.

Qui il mio intervento.

Ti potrebbe interessare anche


L’economia collaborativa è la risposta dal basso per una nuova economia

La scorsa settimana ho organizzato con la mia collega e amica Eleonora Evi l’evento “Bridging civic innovation and politics” in Parlamento europeo. In questo evento ho parlato di Economia Collaborativa, sapete di cosa si tratta? L’economia collaborativa è una forma di economia che si sta sviluppando prevalentemente sul web, attraverso piattaforme come a BlaBlaCar, e altre piattaforme … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Programma Frutta e Verdura nelle Scuole: il mio intervento a Punto Europa

In Commissione Agricoltura abbiamo stabilito di incentivare il consumo di alimenti sani e salutari come la frutta e la verdura dando un contributo alle scuole elementari che si iscrivono ed entrano nel progetto. All’Italia quest’anno spettano 21.704 956 euro. Il programma che entrerà in vigore a partire dal 1 Agosto 2017, mira ad incrementare stabilmente il consumo di frutta, verdura e latte nella … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Programma Frutta e Verdura nelle Scuole: il 31 luglio si avvicina!

Care e cari insegnanti, pensate sia importante educare maggiormente i bambini al valore di una sana e corretta alimentazione? Pensate che nelle mense delle vostre scuole non vi sia abbastanza frutta e verdura? Allora non perdete tempo, fatevi avanti e spingete le vostre scuole a partecipare al programma Frutta e Verdura nelle Scuole prima del … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


#Geoblocking, stop alle discriminazioni commerciali

Il #Geoblocking è una pratica discriminatoria utilizzata per motivi commerciali. I venditori online impediscono ai consumatori di accedere a un sito Internet sulla base della loro ubicazione, o li reindirizzano verso un sito locale di vendite online che pratica prezzi diversi. Questo blocco può significare, ad esempio, che il noleggio di automobili in Spagna, fatto … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare