Vendita contenuti digitali, attenzione al consumatore

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La Direttiva sulla fornitura di contenuti digitali, si incrocia con la direttiva sulla vendita di beni tangibili, che stiamo discutendo parallelamente, ma anche con altre normative, quali il regolamento generale sulla protezione dei dati personali e il codice delle telecomunicazioni.

Io sostengo la distinzione tra contenuti e servizi digitali, come avete potuto constatare dai miei emendamenti. Ampliare l’accezione di una definizione già vigente, come quella di contenuto digitale, è un approccio rischioso.

Meglio mantenere per i contenuti la definizione presente nella direttiva del 2011 sui diritti dei consumatori – definizione che comprende programmi informatici, applicazioni, giochi, musica, video o testi – e aggiungere la definizione di servizi digitali, che include servizi di cloud, file hosting, social media, piattaforme di condivisione video e audio come Youtube, servizi di messaggistica istantanea come Telegram e WhatsApp.

La domanda alla quale è forse più difficile trovare risposta è questa: quando abbiamo prodotti con un software inglobato, come uno smartphone o un elettrodomestico intelligente, quali regole e garanzie si applicano nel caso di difetto del bene, quelle della direttiva dei beni tangibili o quelle della direttiva sui contenuti digitali?

Dare una risposta netta è difficile. Dunque, a maggior ragione, la direttiva per l’acquisto di beni tangibili e quella per la fornitura di contenuti digitali non devono contenere elementi contraddittori.

Qui il mio intervento.

Ti potrebbe interessare anche


Sul CETA non dobbiamo mollare! #StopCETA

Martedì 25 luglio il Senato italiano ha intenzione di ratificare il #CETA: mobilitiamoci e continuiamo a fare pressione per dimostrare, una volta di più, il nostro dissenso! Gran parte del Pd, insieme a Forza Italia, i Centristi di Pier Ferdinando Casini (CpE), ad Alternativa Popolare (AP) di Angelino Alfano e agli onestissimi del Gruppo Misto, intende … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Bollino rosso per il Made In Italiano

Purtroppo sono costretto a tornare sul discorso delle etichette “a semaforo” da poco autorizzate anche in Francia e che causano gravissimi contraccolpi per il mercato italiano. Sapete di cosa si tratta? Di un’etichetta per i generi alimentari che utilizza i colori per indicare al consumatore la presenza e la quantità di determinate sostanze nel cibo … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Parmigiano Reggiano e CETA: tuteliamo il Made In

  La ratifica del CETA da parte del Parlamento italiano è ufficialmente rinviata a data da destinarsi. Un esito che fa ben sperare e premia l’impegno che noi del 5 stelle abbiamo profuso in questi anni ma che tuttavia non è ancora sufficiente. La speranza è che la crescente consapevolezza dei cittadini spinga il Parlamento … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Watly e i Vivai Cooperativi di Rauscedo: due eccellenze italiane in Friuli Venezia Giulia

Il 4 marzo rappresenterà una data epocale: verranno decise le sorti del nostro paese. Luigi Di Maio, il nostro candidato premier, si sta spendendo al massimo mettendoci cuore, anima e corpo: nel suo Rally tour, arrivato fino alla nostra regione, sta incontrando moltissime realtà produttive italiane. In Friuli Venezia Giulia, tra le tante aziende visitate … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare