pubblicato il

10 azioni reali per cambiare l’Europa


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Cinque anni fa, noi del Movimento 5 Stelle ci siamo messi in gioco per cambiare questo sistema, vi è ancora molto da fare e sappiamo di non essere i soli a volere una Europa che rimetta al centro della sua azione la persona e il suo benessere, una Europa che sappia creare una economia sana e innovativa, una Europa che tuteli l’ambiente.

Ecco il nostro manifesto, concreto, oltre le ideologie, pronto a esser migliorato assieme a tutti coloro che vorranno accompagnarci in questa sfida:

1. Un’Europa più vicina ai cittadini, che si basi su una democrazia diretta e partecipata, anche attraverso la riforma di alcuni strumenti esistenti, come le ICE (Iniziative dei cittadini europei), per permettere un reale coinvolgimento dei cittadini;

2. Un’Europa post-ideologica: basta coi falsi proclami di destra o di sinistra, dobbiamo dare il via ad azioni concrete al servizio dei cittadini, assumendoci la difesa di coloro che sono più deboli;

3. Un’Europa onesta, attraverso la lotta alle mafie, al crimine organizzato e alla corruzione;

4. Un nuovo futuro per il progetto europeo, con la cooperazione e il rispetto delle diversità tra le nazioni;

5. Riforma delle istituzioni europee: l’istituzione europea che viene eletta direttamente dai cittadini è quella attualmente più debole. Chiediamo, quindi, un Parlamento UE più forte per mirare di conseguenza ad un’Europa più forte;

6. Migliorare la qualità della vita dei cittadini europei, portando avanti un piano graduale di disimpegno da una serie di energie, emissioni e pesticidi che danneggiano l’ambiente e la salute delle persone;

7. Solidarietà tra paesi europei e protezione: puntiamo a stabilire un nuovo modello europeo per affrontare i flussi migratori, dove ogni Stato membro si prenda la propria responsabilità;

8. Un’Europa giusta, con lo sviluppo dell’economia reale e la riduzione del potere dei mercati finanziari;

9. Difesa delle eccellenze europee: protezione dei prodotti del Made in e sostegno all’agricoltura locale;

10. Credere nel nostro futuro: dobbiamo pensare ai giovani europei predisponendo nuovi programmi e strumenti, affinchè la mobilità europea delle persone non avvenga per necessità, bensì per una volontà e una scelta libere.

È così che noi vogliamo ritornare a credere nel sogno europeo.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Strasburgo: tanta amarezza nel cuore

Dopo Bruxelles, anche Strasburgo è in assetto di guerra. Ogni anno arriviamo alla sessione plenaria di dicembre temendo che sia a rischio, e stanotte è capitato: diverse persone hanno perso la vita. Dopo una notte all’interno del Parlamento europeo, sono rientrato in albergo assieme a colleghi, assistenti e dipendenti del Parlamento, tutti scortati dalla polizia.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Approvato l’atto europeo sull’accessibilità

L’Atto europeo sull’accessibilità, approvato durante la settimana in Commissione Mercato Interno e Protezione Consumatori, è fondamentale per far sì che nessun cittadino rimanga indietro. La domanda di prodotti e servizi accessibili da parte dei cittadini con disabilità e limitazioni funzionali, come quelle legate alla vecchiaia e alla gravidanza, riguarda 80 milioni di europei. Un numero▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Due milioni dagli stipendi M5S verranno donati alla Protezione Civile per l’emergenza alluvione

Dal primo giorno ognuno di noi eletti del Movimento 5 Stelle ha restituito parte del proprio stipendio in occasione dei cosiddetti “Restitution Day”. Questo mese di novembre si concluderà con un’altra iniziativa del genere. Come dichiarato dal nostro Vice Premier Luigi Di Maio, a fine luglio abbiamo già fatto un Restitution Day, ed ora, da▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare