pubblicato il

A TRIESTE CON IL SINDACO DIPIAZZA LE UNIONI CIVILI SONO UNA CORSA A OSTACOLI


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Leggo con imbarazzo la notizia apparsa sui quotidiani locali (http://ilpiccolo.gelocal.it/…/nozze-arcobaleno-a-trieste-la…) relativa all’unione civile di una coppia omosessuale e il benservito ricevuto dall’amministrazione Dipiazza, dopo la richiesta al Comune di Trieste nello scorso mese, di celebrare la propria unione civile.

Posso solo immaginare la delusione di questa coppia di persone che avrebbero voluto semplicemente festeggiare in pubblico, con amici e parenti, la loro vita assieme. Sapere che possa esistere una parte di cittadini tagliati fuori da un servizio a discrezione di chi lo eroga, sono convinto sia un’azione antidemocratica.

Il Movimento 5 Stelle si sta muovendo su ben altra linea e il sindaco Appendino di Torino, col suo gesto negli scorsi giorni, è un ottimo esempio del vero cambiamento che stiamo apportando nelle amministrazioni.

Meme Dipiazza omofobo

Conosco persone che lottano quotidianamente per i loro diritti, che ormai dovrebbero esser scontati e percepisco la loro forza nel parlarne. Sono persone a cui è stato sottratto, in questo caso, il diritto alla semplice felicità di una festa.

Poiché la legge Cirinnà è per l’appunto legge non è possibile impedire le unioni civili, ma la giunta di destra capitanata dal moralizzatore Dipiazza fa la sua parte per renderne difficile e onerosa l’operatività. Il caso specifico vede una coppia di fatto che dopo oltre vent’anni di convivenza decide di convolare a nozze in quel di Trieste.

La manovra da parte della Giunta triestina è subdola perché non si vieta l’unione civile ma la si rende il più complicato possibile.
Vietare la cerimonia nelle sala dei matrimoni e durante i giorni “canonici” per questi riti quali il sabato e la domenica sembra a tutti gli effetti uno sgarbo atto unicamente a rendere difficoltoso un evento che normalmente è piacevole e indimenticabile.
L’intento è chiaro, vale a dire fare dello sterile ostruzionismo per cercare di tenere alto il vessillo della famiglia tradizionale di fronte all’elettorato conservatore e cattolico.

Il sindaco Dipiazza forse dovrebbe pensare ad aggiustare ciò che a Trieste non funziona, invece di togliere un mattoncino di civiltà faticosamente conquistato negli anni.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Se lo diciamo, lo facciamo!

Il contatto e la presenza costante sul territorio, fin dai tempi dei gazebi nelle piazze agli albori del Movimento 5 Stelle, ci hanno permesso di raccogliere le voci e le proposte dei cittadini e portarle con noi all’interno delle istituzioni a qualsiasi livello. Ora, dopo sette mesi di Governo, possiamo cominciare a raccontare quanto fatto▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

La mia intervista a Telequattro

Sabato mattina ho partecipato in diretta alla trasmissione SvegliaTrieste su Telequattro. Siamo partiti parlando dell’accordo Italia-Cina, chiarendo la necessità di porre dei paletti che tutelino l’Italia e l’Europa per avere delle vere opportunità commerciali verso l’Oriente, attraverso un dialogo che esprima chiaramente le nostre esigenze. A livello europeo, inoltre, sarà necessario essere comunità e comportarci▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Dare sempre il massimo: il nostro percorso verso il cambiamento

Questa legislatura Europea ha rappresentato 5 anni decisamente intensi. Una esperienza incredibile. Assieme ai miei colleghi, a tanti altri portavoce e attivisti, abbiamo combattuto fianco a fianco battaglie durissime per il bene della collettività, di tutti. E abbiamo ottenuto grandi risultati. In questi 5 anni ho cercato di accogliere quante più istanze possibili dal territorio▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Cambiamo in meglio questo mondo, insieme!

Ciao, come sapete, in questi cinque anni da eurodeputato al Parlamento Europeo, ho fatto parte della ‘Commissione Agricoltura’ dove ho portato avanti battaglie per una agricoltura sostenibile, senza pesticidi né OGM, e che salvaguardi le eccellenze locali creando reddito per gli agricoltori e il territorio. In ‘Commissione Mercato Interno e Protezione dei Consumatori’ ho seguito▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare