pubblicato il

A TRIESTE CON IL SINDACO DIPIAZZA LE UNIONI CIVILI SONO UNA CORSA A OSTACOLI


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Leggo con imbarazzo la notizia apparsa sui quotidiani locali (http://ilpiccolo.gelocal.it/…/nozze-arcobaleno-a-trieste-la…) relativa all’unione civile di una coppia omosessuale e il benservito ricevuto dall’amministrazione Dipiazza, dopo la richiesta al Comune di Trieste nello scorso mese, di celebrare la propria unione civile.

Posso solo immaginare la delusione di questa coppia di persone che avrebbero voluto semplicemente festeggiare in pubblico, con amici e parenti, la loro vita assieme. Sapere che possa esistere una parte di cittadini tagliati fuori da un servizio a discrezione di chi lo eroga, sono convinto sia un’azione antidemocratica.

Il Movimento 5 Stelle si sta muovendo su ben altra linea e il sindaco Appendino di Torino, col suo gesto negli scorsi giorni, è un ottimo esempio del vero cambiamento che stiamo apportando nelle amministrazioni.

Meme Dipiazza omofobo

Conosco persone che lottano quotidianamente per i loro diritti, che ormai dovrebbero esser scontati e percepisco la loro forza nel parlarne. Sono persone a cui è stato sottratto, in questo caso, il diritto alla semplice felicità di una festa.

Poiché la legge Cirinnà è per l’appunto legge non è possibile impedire le unioni civili, ma la giunta di destra capitanata dal moralizzatore Dipiazza fa la sua parte per renderne difficile e onerosa l’operatività. Il caso specifico vede una coppia di fatto che dopo oltre vent’anni di convivenza decide di convolare a nozze in quel di Trieste.

La manovra da parte della Giunta triestina è subdola perché non si vieta l’unione civile ma la si rende il più complicato possibile.
Vietare la cerimonia nelle sala dei matrimoni e durante i giorni “canonici” per questi riti quali il sabato e la domenica sembra a tutti gli effetti uno sgarbo atto unicamente a rendere difficoltoso un evento che normalmente è piacevole e indimenticabile.
L’intento è chiaro, vale a dire fare dello sterile ostruzionismo per cercare di tenere alto il vessillo della famiglia tradizionale di fronte all’elettorato conservatore e cattolico.

Il sindaco Dipiazza forse dovrebbe pensare ad aggiustare ciò che a Trieste non funziona, invece di togliere un mattoncino di civiltà faticosamente conquistato negli anni.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Verso un mercato più sano ed equo

La prossima settimana a Bruxelles parteciperò ai dibattiti delle Commissioni IMCO e AGRI per discutere sulle pratiche commerciali sleali nel settore alimentare. Sembrano argomenti molto lontani dalla vita quotidiana di ogni cittadino, ma in realtà ciò che succede nell’ambito del commercio interaziendale, trova un riscontro tangibile anche nella realtà di tutti i giorni per i▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

In Brasile per verificare i sistemi di qualità e tracciabilità dell’agricoltura e della zootecnica

Proprio un anno fa scoppiava il caso internazionale della #CarneAvariata proveniente dal Brasile, sul quale io stesso più volte intervenni in Parlamento. Oggi sono qui in Brasile con la Commissione Agricoltura per andare ad analizzare il più possibile a fondo lo stato dell’arte del settore agricolo e zootecnico brasiliani, il livello dei sistemi sanitari di controllo e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Raggiunto l’accordo per il codice delle comunicazioni elettroniche

Dopo un iter legislativo durato quasi due anni, è stato raggiunto l’accordo politico fra il Parlamento Europeo e il Consiglio dell’Unione Europea sul nuovo Codice delle Comunicazioni Elettroniche, il cui ultimo aggiornamento risale al 2009. Inizialmente esaminato dalle Commissioni ITRE e IMCO del Parlamento Europeo, quest’ultimo il 25 Ottobre 2017 approvò il mandato per iniziare le negoziazioni col▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Colli Euganei o montagne tossiche?

È con una nota di dispiacere che vi racconto l’esperienza che ho fatto venerdì. Da Bruxelles sono volato in Veneto, per la precisione a Pernumia, nei pressi di Padova. Ad accogliere me e la mia collega Eleonora Evi non c’erano solo i Colli Euganei, ma anche montagne di rifiuti speciali, classificati come tossici. È questo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare