pubblicato il

Api e miele al centro della discussione per la nuova PAC


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Domenica 7 ottobre ho partecipato a Lazise, in Trentino Alto Adige, al convegno apistico internazionale organizzato dal Fai, la Federazione apicoltori italiani, nell’ambito della 39^ edizione della fiera “I giorni del miele”.

api e miele marco zullo

In Europa il tema del miele è un argomento molto sentito, tanto che questa legislatura ha attuato un report di iniziativa (una richiesta da parte del Parlamento nei confronti della Commissione) per mettere le api al centro della discussione della nuova politica agricola. Abbiamo individuato a tal proposito alcuni filoni fondamentali su cui insistere. Innanzitutto un piano d’azione per combattere la mortalità delle api, investendo in ricerca e in sistemi innovativi che non facciano danni all’ambiente e quindi alle api, per sostenerle e anche curarle, se si dovesse presentare la necessità.
In secondo luogo, dobbiamo spingere sull’armonizzazione dei controlli e su etichettature più precise per evitare la contraffazione e l’arrivo di miele non controllato da oltre confine. Vogliamo ottenere maggiori informazioni sul paese d’origine, non ci basta sapere se il prodotto è europeo o extra europeo. Questo per tutelare il nostro miele e gli apicoltori che lo producono, perché possiamo spendere bellissime parole quando parliamo di agricoltura, ma alla fine del mese dobbiamo essere in grado di garantire un reddito a chi si dà da fare per produrre qualità nel settore, altrimenti facciamo solo teoria e non applichiamo nulla nella pratica. Ciò si riflette anche sulla legislazione, che spesso bada più alla burocrazia che all’effettivo risultato che le stesse norme si prefiggono di portare avanti.
Il terzo aspetto fondamentale è la formazione. Un apicoltore consapevole sa in che modo approcciarsi al suo alveare e ne può quindi aumentare la produttività.
Infine, il sostegno economico è fondamentale. Abbiamo chiesto un maggiore aiuto da parte dell’Europa a supporto dei piani finanziari nazionali e l’istituzione di fondi d’indennizzo in caso di perdita di alveari. Perciò possiamo dire che la nostra attenzione a livello europeo per il settore è massima e trasversale e continueremo a batterci per raggiungere questi risultati. Non secondaria è la collaborazione con le associazioni che rappresentano il mondo dell’apicoltura sul territorio. Perciò sono molto fiducioso di vedere la realizzazione, nella prossima PAC che stiamo discutendo in questi mesi, degli obiettivi che stiamo portando avanti per il settore delle api.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Mense scolastiche: controlli a tappeto per garantire la sicurezza

  Tutti i giorni le famiglie affidano i propri figli alle scuole anche per il momento del pranzo, del quale non dovrebbero preoccuparsi. Già qualche anno fa, mi sono occupato delle mense scolastiche dei bambini e ragazzi, affinché questi avessero dei cibi freschi e a km 0, sia nell’ottica di offrire del cibo sano, sia▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Evento > Alimentare: dal nutrimento sano al benessere sociale

L’evento “Alimentare” sarà un momento di condivisione e confronto sul tema dell’economia sana, legata indissolubilmente al benessere della persona. In questo senso, il titolo scelto assume un carattere più ampio: alimentare inteso come nutrimento del corpo, della mente, della terra e della società. Questo è in breve l’appuntamento che si terrà a Bologna sabato 13▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Agricoltura 4.0 in Italia: +270% nel 2018 rispetto all’anno precedente

Arrivano notizie interessanti dal settore dell’Agricoltura 4.0 italiana, che nel 2018 ha raggiunto un valore nel mercato tra i 370 e i 430 milioni di euro. Queste cifre corrispondono al 5% del valore del mercato globale, che tocca un traguardo di 7 miliardi di dollari, e al 18% di quello europeo. Sono notizie che ci▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Rural, l’associazione di produttori impegnati a recuperare e proteggere antiche varietà vegetali

Nel weekend ho visitato l’associazione di produttori Rural in Provincia di Parma, che opera con lo scopo di recuperare varietà non solo antiche, ma anche locali, per ridare loro una dignità economica. Nel tempo, infatti, queste varietà sono state abbandonate perché poco vantaggiose dal punto di vista del profitto, secondo i canoni odierni di rendimento,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare