pubblicato il

Basta balle, vogliamo un’agricoltura diversa!


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

In Commissione Agricoltura abbiamo incontrato degli “esperti” nel campo dell’agricoltura, i quali ci hanno raccontato la solita bella storiella: ci hanno presentato la cosiddetta agricoltura conservativa, una tipologia di agricoltura che utilizza diverse tecniche agricole tendenti a conservare, apparentemente, la fertilità del suolo coltivato. Ma attenzione a non farvi imbrogliare: nonostante il termine sembri positivo e sembri supportare un’agricoltura attenta e rispettosa dell’ambiente, richiamando concetti simili a quelli dell’agricoltura sinergica come ad esempio la “pacciamatura biologica” (la pacciamatura consiste nel coprire superficialmente il terreno con materiali biologici collocati tra le piante), nasconde alcune inquietanti problematiche.

Infatti, ironia della sorte, nell’agricoltura conservativa il terreno da pacciamare viene “ripulito” dalle erbacce attraverso un massiccio uso di pesticidi vari e di glifosato. Sì, avete ben capito, il glifosato tra le presunte tecniche per conservare la fertilità del terreno.

Noi di questi lavaggi del cervello non ne possiamo più, siamo stufi di queste strategie di greenwashing che vogliono venderci il glifosato e i pesticidi come una cosa buona e sostenibile.
Un approccio sostenibile all’agricoltura non può inquinare l’ambiente.

Sentiamo troppo spesso parlare di un’agricoltura più sostenibile, di un’agricoltura più sana, di un’agricoltura più rispettosa dell’ambiente, per poi non essere mai abbastanza. Io mi voglio spingere un po’ oltre: è ora di avere il coraggio di togliere quel “più”. Noi abbiamo bisogno oggi, subito, di un’agricoltura SOSTENIBILE e basta, che preservi l’ambiente, senza se e senza ma, e soprattutto senza pesticidi!


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Stop alle contraffazioni in apicoltura: un’etichetta chiara per tutelare il miele Made in Italy!

La Commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha approvato un rapporto che suggerisce alla Commissione europea le nuove regole per disciplinare il settore dell’apicoltura. Abbiamo sostenuto con forza la richiesta di un’etichetta che non si limiti a indicare “miele UE/miele non UE”, ma che fornisca una piena tracciabilità del prodotto, anche in caso di mix, e definizioni▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Le eccellenze del Made in Italy come il fumo?

Olio, Parmigiano, ma anche i nostri vini e la pizza stanno correndo un serio pericolo. In questi giorni l’ONU, tramite la sua agenzia speciale per la sanità (OMS) ha reso noto che intende promuovere una tassazione per tutti i prodotti che vengono classificati come poco sani, perchè contenenti sale, grassi e zucchero. Le eccellenze del▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Stop ai pesticidi!

ieri ho partecipato con il collega Federico D’Incà del MoVimento 5 Stelle a #cisondivalmarino ad una marcia assieme a tante persone che dicono NO all’uso dei #pesticidi. Già oggi è possibile utilizzare metodi e strumenti per tutelare ambiente, salute e persone #pesticidifree #m5s

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

La Commissione europea bandisce i pesticidi che sterminano le api!

Oggi vi annuncio una vittoria di grande rilevanza sul fronte della salute delle api. Infatti le rappresentanze degli Stati membri dell’UE hanno deciso di accogliere la proposta della Commissione Europea e di vietare così tre pericolosi pesticidi che da tempo sono stati individuati quali tra i maggiori responsabili della progressiva scomparsa delle api. Il clothianidin, l’imidacloprid e il▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare