pubblicato il

Basta lapidazione, l’importanza storica di una risoluzione targata M5S


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

È stata approvata oggi a Bruxelles la mozione di risoluzione contro la pena di morte e la lapidazione proposta dai portavoce del Movimento 5 Stelle al Parlamento Europeo. Un’azione storica che ci ha coinvolto sin da inizio mandato e che nasce dalla volontà e dall’impegno di Taher Djafarizad, presidente dell’associazione Neda Day, nata proprio a Pordenone al fine di combattere e sconfiggere la violenza sulle donne.

Abbiamo tagliato il primo traguardo di una lunga corsa a tappe. E’ un percorso nato mesi fa, snodatosi a partire da un banchetto organizzato in piazza Cavour dal Meet Up Pordenone 5 Stelle nel corso del quale ho incontrato Taher.

BASTA LAPIDAZIONE

Dopo quell’incontro abbiamo portato l’istanza dell’associazione a Bruxelles e nel giugno scorso abbiamo organizzato, assieme ai colleghi del Movimento Ignazio Corrao, Daniela Aiuto Fabio Massimo Castaldo, un meeting dedicato al tema, con un dibattito animato dallo stesso Djafarizad, da alcuni esuli iraniani e dai vertici delle commissioni sui diritti delle donne e degli umani dell’Europarlamento; la giornata si concluse con la proiezione del film-inchiesta “The stoning of Soraya M.”, che scosse i presenti per i contenuti particolarmente forti: ancora oggi la lapidazione, utilizzata come pena per l’adulterio, funge da deterrente psicologico per mantenere le popolazioni nel terrore.

Partendo da un banchetto, dal coinvolgimento di un comitato cittadino molto attivo e dal sostegno dei pordenonesi, siamo arrivati in Europa, spingendo l’Europarlamento per la prima volta ad adottare una risoluzione sul tema della lapidazione. Un risultato più difficile da ottenere di quanto ci si potrebbe attendere: non bisogna dimenticare che moltissimi dei Paesi che applicano questo tipo di pena, come Iran, Iraq e Pakistan, sono molto potenti a livello economico e politico e un pronunciamento contro questi governi genera inevitabilmente delle assurde resistenze.

BASTA LAPIDAZIONE2

All’una è arrivata però l’attesa fumata bianca, con l’approvazione tout-court del testo, compresi i punti proposti dal M5S, nei quali si condanna esplicitamente la pratica della lapidazione e si spingono urgentemente i Paesi che ancora la praticano ad attivarsi tempestivamente per l’abolizione. E’ un successo, un primo passo verso la liberazione dalle oppressioni dettate dal fanatismo religioso e politico.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

#IoSonoNelContratto a Villafranca

Bellissima giornata oggi a #VillafrancaDiVerona con Clara Zanetti M5S, candidata Sindaco, e i candidati portavoce e gli attivisti locali. Abbiamo incontrato tantissimi cittadini a cui abbiamo spiegato il contratto per il Governo del cambiamento e il programma per le amministrativa.

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Grazie ad Andrea Greco e a tutti i molisani: ora tocca a noi

Grazie ad Andrea Greco e a tutti i molisani che si sono spesi con impegno e passione per il MoVimento 5 stelle in questa campagna elettorale.  Il MoVimento 5 Stelle si è presentato da solo mentre dall’altra parte c’erano grandi ammucchiate che ora rischiano di sciogliersi come neve al sole, come la Sicilia insegna, e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Portabilità transfrontaliera dei servizi online: il digital non può avere confini

Dal 1° aprile 2018 è entrato in vigore il nuovo regolamento sulla cosiddetta “portabilità transfrontaliera dei servizi online”.  Cosa significa? Se hai sottoscritto in Italia un abbonamento per guardare la tua serie tv preferita, le partite o ascoltare musica, o se intendi farlo, ci sono importanti novità. Guarda il video e condividi!

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Fondi europei: un’opportunità da cogliere, soprattutto per i giovani agricoltori.

L’Italia è seconda nella classifica sull’utilizzo dei fondi europei messi a disposizione da Bruxelles per gli Stati membri (nel settennato 2014-2020 può contare su oltre 73 miliardi di euro) ma, fino all’arrivo del governo del cambiamento, non è stata in grado di cogliere questa opportunità. Ce lo dice la relazione della Commissione Ue sull’uso dei▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare