pubblicato il

Basta pratiche commerciali sleali


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

L’approvazione della direttiva sulle Pratiche Commerciali Sleali rappresenta un grande traguardo così che finalmente si possa avere una redistribuzione del valore economico più equa nella Filiera Agroalimentare in modo da garantire un miglior reddito alle piccole aziende agricole e una migliore qualità dei prodotti disponibili alla vendita.

Questa Direttiva è un atto dovuto per ristabilire equilibrio nella catena commerciale, fornendo protezione a chi, per le ridotte dimensioni, rischia troppo spesso di trovarsi schiacciato dagli abusi di attori più grandi.

La carenza di potere contrattuale obbliga molte piccole imprese a vendere i propri prodotti sottostando a clausole vessatorie, subendo accordi economici che impoveriscono e accollandosi costi e rischi di impresa altrui.

Grazie ora a norme chiare a livello europeo si condannano senza ambiguità tutte quelle pratiche commerciali messe in atto da soggetti economici senza scrupoli
 che finiscono per stritolare gli agricoltori piccoli e onesti.

Una volta per tutte saranno fermate e punite le pratiche Commerciali Sleali come le modifiche unilaterali e retroattive ai contratti di fornitura, le ritorsioni commerciali, e il pagamento per servizi non resi.

Stiamo consegnando uno strumento importante e efficace agli Stati Membri:
 se ben applicate, queste regole, restituiranno equità e dignità alle piccole imprese, ovvero agli anelli più deboli della filiera agroalimentare.

Guarda qui il mio intervento durante la Plenaria a Strasburgo


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Etichettatura vegetariana e vegana. Un comune standard di certificazione: sarà possibile?

Le abitudini di spesa dei consumatori europei stanno cambiando e vanno verso una direzione di consumo più attenta alla salute, al benessere animale e alla sostenibilità ambientale. Il consumo di prodotti a base vegetale è in forte aumento rendendo da un lato questo segmento di mercato economicamente sempre più appetibile e dall’altro esponendo i consumatori▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Trasporto animali: ancora troppa sofferenza

Milioni di animali ogni anno sono costretti a lunghi viaggi, che troppo spesso avvengono in condizioni precarie, che ne causano disagio, angoscia e sofferenze, o addirittura una morte precoce.   Nel 2005 l’Unione europea ha approvato un regolamento che stabilisce le norme sulla protezione degli animali durante il trasporto all’interno e al di fuori dell’Unione.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Tagli al settore agricolo: il mio intervento a Rai3

Come sostiene Enzo Moavero, Ministro degli Affari Esteri del Governo Conte, il settore agroalimentare europeo non può permettersi di subire un taglio di 60 miliardi. Questa, infatti, è la cifra che l’Europa vorrebbe sottrarre all’agricoltura nel bilancio per il settennato 2021-2027, rispetto ai 390 miliardi del settennato precedente. Stiamo parlando però di un settore già▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’uomo è ciò che mangia, ma in ambito alimentare manca la corretta informazione

Domenica a Milano ho avuto modo di esporre le mie idee in merito all’alimentazione, sostenuto dall’esperienza del Dr. Antonino Frustaglia, medico cardiologo direttore emerito dell’istituto geriatrico Redaelli. L’alimentazione è un anello fondamentale nella salvaguardia della salute e dal mio punto di vista le priorità su cui lavorare sono qualità, varietà e spreco. È importante variare▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare