pubblicato il

Bayer e Monsanto: fusione letale


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Come da copione di un film già scritto, la Commissione europea si è piegata senza troppi ripensamenti ai voleri delle multinazionali ed ha avallato la fusione tra Monsanto e Bayer, un colosso che da solo si stima occuperà quasi il 30% del mercato delle sementi e dei fitofarmaci.

Una posizione dominante che evidentemente non preoccupa la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager, danese rappresentante della Sinistra Radicale (Danmarks Social-Liberale Parti), rassicurata dalle promesse di Bayer che si impegna a rinunciare a parti di attività industriali che andrebbero in sovrapposizione con quelle di Monsanto. 
A questo proposito, pare che la società acquirente sia la Basf, così in omaggio avremo anche un bel monopolio nell’agroalimentare targato Germania!

Qual è il futuro dell’agricoltura e della salute dei cittadini dopo questo pericoloso via libera?
Una concentrazione di potere sull’agricoltura e quindi sul cibo, non si era mai vista nella storia del pianeta.
Siamo infatti di fronte ad una fusione senza precedenti nei settori delle sementi, dei fitofarmaci, dei farmaci e della sperimentazione sulla genetica animale. Questa operazione avrà delle implicazioni enormi sulla salute dei cittadini con una diffusione incontrollata e incontrollabile di OGM, di pesticidi, di farmaci le cui componenti chimiche sono tutte da scoprire. 
E a questo punto che fine faranno gli standard qualitativi degli alimenti che stiamo difendendo con le nostre battaglie contro TTIP e CETA? E le piccole e medie imprese agricole che fine faranno?
La Commissione europea con il suo via libera ha infilato milioni di cittadini europei, e a questo punto non solo europei, in un vicolo cieco.

La nostra visione va nella direzione diametralmente opposta: vogliamo un’agricoltura sana che tuteli sia i piccoli agricoltori che la salute delle persone, che difende le biodiversità e che promuova i modelli di agricoltura sostenibile.
Adotteremo ogni forma di contrasto possibile per ostacolare questo accordo scellerato.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Stop al traffico di animali esotici

Visitare il centro di recupero di animali esotici di Damiano Baradel è come entrare in un luogo sospeso, un’oasi dove ogni tipo di animale viene accolto, curato, coccolato e rimesso in libertà (laddove possibile). Il centro è l’unico in regione Friuli Venezia Giulia, è riconosciuto come “centro fauna esotica” e sviluppa progetti in sinergia anche▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: made-in di qualità

Ci lamentiamo sempre delle arance marocchine, dell’olio tunisino e di quanto i prodotti del Nord Africa vadano a ledere la nostra capacità di produzione e di vendita nei mercati. Con i colleghi della Commissione Agricoltura siamo andati a vedere che cosa succede realmente in quei paesi per capire anche come tutelare i nostri mercati, e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Qualità, formazione e tutela della nostra agricoltura: ne ho parlato ad AgriFood Today

Recentemente sono stato intervistato da AgriFood Today, per parlare della nostra agricoltura italiana, ripercorrendo alcuni pilastri fondamentali per un settore agricolo sano e produttivo. Siamo partiti da un focus sulla qualità: da una produzione di qualità, infatti e attraverso l’impegno per un consumo consapevole, io credo che porteremo in Europa un grande settore agroalimentare, che▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: una agricoltura sostenibile

Gli scienziati stimano che se non ci fossero le api, mancando la loro opera di impollinazione, ci troveremmo in un mondo senza numerosi frutti e verdure, come pere, mele, zucche, angurie, kiwi, zucchine, pesche, albicocche e molto altro. Così centinaia di specie di piante scomparirebbero e la sopravvivenza del genere umano sarebbe a repentaglio. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare