pubblicato il

Bollino rosso per il Made In Italiano


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare
Purtroppo sono costretto a tornare sul discorso delle etichette “a semaforo” da poco autorizzate anche in Francia e che causano gravissimi contraccolpi per il mercato italiano. Sapete di cosa si tratta? Di un’etichetta per i generi alimentari che utilizza i colori per indicare al consumatore la presenza e la quantità di determinate sostanze nel cibo che sta per acquistare.
 
E a rimetterci quali prodotti sono? Ovvio, le nostre eccellenze quali il Parmigiano Reggiano, l’olio d’oliva, la mozzarella, il Grana Padano e altri che ricevono il bollino rosso per la presenza di sali, grassi, zuccheri, normalmente contenuti in prodotti tradizionali e artigianali.
 
Invece i prodotti usciti dai laboratori e studiati a tavolino per rispettare i rigidi canoni di questa normativa riescono ad ottenere la loro bella luce verde. Per esempio nel Regno Unito la Cola di una famosa catena di supermercati ha il bollino verde. E’ chiaro a tutti che siamo di fronte all’ennesimo attacco all’alimentazione tradizionale per favorire il cibo industriale.
 
In Parlamento europeo ho sottolineato come questa etichettatura tiene conto solo dei valori assoluti senza considerare anche la quantità di cibo effettivamente ingerito, le caratteristiche personali, la dieta e lo stile di vita di ogni persona! Mi batterò affinché su questo tipo di etichette siano affiancati ai valori nutrizionali le quantità che l’Organizzazione Mondiale per la Salute consiglia di consumare. Non mollerò di un centimetro: l’alimentazione sana, il made in italiano e la corretta informazione innanzitutto!
 
#Etichetttura #MadeInItaly

Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

#Dieselgate: la morte viaggia su strada

Ormai è acclarato, le conseguenze delle emissioni di diesel mietono ogni anno migliaia di vittime e l’Italia del Nord purtroppo detiene questo triste e preoccupante record. Il 50% dei decessi in tutta Europa dovuti a queste emissioni avvengono proprio da noi, in gran parte nel Nord Ovest d’Italia. I dati, abbastanza impietosi, provengono da due▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Le eccellenze del Made in Italy come il fumo?

Olio, Parmigiano, ma anche i nostri vini e la pizza stanno correndo un serio pericolo. In questi giorni l’ONU, tramite la sua agenzia speciale per la sanità (OMS) ha reso noto che intende promuovere una tassazione per tutti i prodotti che vengono classificati come poco sani, perchè contenenti sale, grassi e zucchero. Le eccellenze del▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Sempre più vicini a un accordo contro le pratiche sleali

Come vi avevo già anticipato qui: https://goo.gl/MUa6XT, la scorsa settimana ho partecipato in aula alla discussione sulle pratiche sleali. Ho apprezzato l’ottimo lavoro che il relatore ha fatto presentando il suo progetto e condivido molte delle soluzioni che sono state proposte rispetto alle perplessità che avevo esposto nei precedenti dibattiti. Mi trovo d’accordo sul fatto▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Sikkim, lo stato indiano esempio di un’agricoltura senza pesticidi

Esiste in India un piccolo Stato che giace tra le alte montagne dell’Himalaya, il Sikkim, un esempio per tutti gli altri Paesi del mondo. Come mai? È semplice! Il Sikkim, da 15 anni a questa parte ha dato una svolta grandiosa alla sua agricoltura. Grazie al suo primo ministro Pawan Kumar Chamling, infatti, nel 2003▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare