pubblicato il

Caso Fipronil: la Commissione Agricoltura in difficoltà cammina sulle uova


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Eccovi un resoconto della mia partecipazione alla Commissione Agricoltura durante la discussione sul caso uova (e derivati) al Fipronil.
In Commissione si parla di” basso rischio” senza in realtà sapere di cosa si stia parlando perché mentre discutiamo del Fipronil, pare ci sia un’altra sostanza pericolosa per i consumatori, l’Amitraz.
Di questo Amitraz nessuno ne aveva mai parlato prima, mentre ora velatamente arriva la notizia che questo insetticida è stato utilizzato in alcune aziende agricole del Belgio e dei Paesi Bassi.

Ci viene detto che sino ad ora le quantità di Fipronil sono all’interno dei range consentiti dalla legge. Ma se i limiti di legge vengono osservati cosa vuol dire? Se continuiamo a ingerire queste sostanze a lungo andare cosa ci succederà?
E’ tutto vago, “stiamo cercando di…”, “faremo”, ma quanto tempo è passato da quando la Commissione è venuta a sapere di questa frode? Era luglio quando venne fuori la notizia, ma la Commissione stessa candidamente ammette che le prime avvisaglie si erano già manifestate nel settembre del 2016.

Perché il sistema di allerta si è mosso così tanto in ritardo? Controlli e comunicazione sono stati molto deficitari, ed è evidente che ci sono e ci saranno dei danni enormi per i settori coinvolti, in cui le piccole aziende agricole oneste ne pagheranno le conseguenze. Senza parlare poi dei possibili danni per la salute dei cittadini dei 20 paesi europei (per ora) coinvolti, che oggi nessuno sa ipotizzare o quantificare.

Un sistema di etichettatura completo potrebbe quantomeno agevolare le ricerche per risalire velocemente alle frodi ma invece no, dobbiamo continuare a sottostare ai dettami della grande industria che non vuole dichiarare nell’etichetta da dove arrivino tutte le materie prime, e che non vuole certificare il percorso della propria filiera.
L’aggravante di questa vicenda è data anche dal fatto che se oggi ci troviamo di nuovo di fronte ad una frode alimentare che nasce in Europa, da produttori europei verso cittadini europei, facciamo già fatica ad individuarla e a neutralizzarla.

Ma allora, in un’ottica di internazionalizzazione e di liberalizzazione spinta, che cosa ci succederà?
Supponiamo che il CETA malauguratamente passi, anche se noi del M5S faremo di tutto perché ciò non avvenga, che cosa accadrà alla nostra salute quando non potremo nemmeno avere il controllo preventivo sulla qualità dei prodotti importati e sulle filiere delle aziende che provengono da oltre oceano?
Questo caso delle uova al Fipronil – Amitraz, pare tanto l’antipasto di una cena avvelenata.

Qui il link alla sessione completa: http://bit.ly/2esOu1C


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: una agricoltura sostenibile

Gli scienziati stimano che se non ci fossero le api, mancando la loro opera di impollinazione, ci troveremmo in un mondo senza numerosi frutti e verdure, come pere, mele, zucche, angurie, kiwi, zucchine, pesche, albicocche e molto altro. Così centinaia di specie di piante scomparirebbero e la sopravvivenza del genere umano sarebbe a repentaglio. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Giovani e agricoltura: ne ho parlato ad Ansa Europa

In Italia le imprese agricole gestite da under 35 sono aumentate. Si tratta oggi di aziende più competitive, più grandi e più sensibili a pratiche vicine e rispettose dell’ambiente. Inoltre, noi godiamo del vantaggio di vivere in un territorio come l’Italia che, in termini di varietà e qualità di materia prima dei prodotti, offre un’ampia▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Lo strapotere della GDO vs piccoli produttori: un sistema da combattere

Grande distribuzione organizzata e piccoli produttori sono le due facce della stessa medaglia. Nella globalizzazione la GDO gioca il ruolo da protagonista producendo in enormi quantità, spesso senza considerare la domanda, sfruttando e sprecando le risorse della terra. La tendenza è quella della massimizzazione dei profitti, perciò il problema riguarda l’imposizione di prezzi alti ai▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

#NoPalmInMyTank per dire NO all’olio di palma nei carburanti

Ieri, 16 gennaio, insieme ad alcuni colleghi, al Parlamento europeo di Strasburgo abbiamo manifestato contro i combustibili derivanti da olio di palma. Questi combustibili sono tutt’altro che verdi, sono ritenuti tre volte più dannosi dei normali carburanti diesel. Sono causa di inquinamento, deforestazione e distruzione degli habitat naturali di diversi animali, tra cui gli oranghi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare