pubblicato il

Cittadini dentro le istituzioni: l’incontro con il gruppo dal FVG al Parlamento europeo


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ogni anno il Parlamento europeo offre la possibilità ai propri cittadini, tramite il portavoce, di organizzare una visita guidata a Bruxelles per vedere “dal vivo” la struttura e conoscerne i meccanismi, troppo spesso ignorati.

Credo molto in questa iniziativa, perché avvicina la gente alle istituzioni offrendo spazi di incontro, di ascolto e di informazione.

È proprio per questo motivo che ogni anno ci tengo a invitare qui a Bruxelles i cittadini residenti nelle quattro regioni di cui sono portavoce (Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto).

Zullo Delegazione FVG

Martedì 26 e mercoledì 27 giugno mi ha raggiunto un gruppo dal Friuli Venezia Giulia, tutte persone interessate a scoprire i pregi e i difetti della macchina europea. In questi due giorni è stato un piacere parlare con ognuno di loro, confrontandoci su diverse tematiche, scambiandoci opinioni e punti di vista.

Nel  pomeriggio  del  26  giugno,  dopo  la  visita  al  Parlamento  Europeo,  abbiamo invitato i visitatori ad assistere al terzo Panel della Conferenza di alto livello “Patrimonio culturale in Europa: connettere passato e futuro”, organizzata dal Parlamento europeo all’Emiciclo. Questa famosa sala accoglie tutti i 751 deputati del Parlamento europeo ed è il cuore pulsante della democrazia europea, dove si sono svolte molte votazioni storiche. Una visita all’Emiciclo, così come nelle altre sale dell’edificio, è il modo migliore per immergersi nell’atmosfera esaltante del Parlamento transnazionale più grande al mondo e scoprire passo dopo passo i suoi poteri e il suo ruolo. 

La mattina del  27 giugno è stata una bella occasione d’incontro con gli altri deputati europei del Movimento 5 Stelle: ci siamo confrontati sulla strada che sta percorrendo questa Europa, entrando nel merito delle tematiche che quotidianamente vengono affrontate nelle diverse Commissioni del Parlamento Europeo.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Copyright: NO alla censura di massa, la partita è tutt’ altro che chiusa

Il 12 settembre 2018 il Parlamento europeo ha approvato il testo della direttiva sul Copyright, con 438 voti favorevoli, 226 contrari, 39 astenuti. Sono passati pochi giorni e la questione sembra tutt’altro che chiusa. In molti si chiedono se le nuove disposizioni sanciranno un’importante censura nel modo di vivere internet in Europa. Dopo le votazioni▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Corte di Giustizia europea: nuove biotecnologie con le stesse restrizioni degli OGM

Le istituzioni europee questa volta stanno dalla parte dei cittadini. Alcune associazioni francesi hanno fatto ricorso al proprio governo per arrivare a porre un divieto sulla coltivazione e la successiva vendita di varietà vegetali che avessero subito una mutazione nella struttura del DNA. La Corte di Giustizia europea si è espressa pochi giorni fa a▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Sostenibilità: al Parlamento EU l’evento per 36 PMI italiane

“La sostenibilità e gli obiettivi di sviluppo sostenibile” è stata un’importante occasione per sottolineare il ruolo giocato dalle istituzioni, dalle imprese e da tutti gli stakeholders per rendere lo sviluppo sostenibile il nuovo paradigma dell’economia europea. Una sostenibilità che coinvolge il fattore ambientale, ma investe in maniera sinergica diversi altri ambiti. Quando si parla di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Italia non è più sola: facciamo il punto sul tema migranti

Un tema sempre molto caldo, che ha accompagnato fin dall’inizio in nostro Governo del Cambiamento, è quello dei migranti. Partivamo da una situazione in cui l’Italia era costretta a subire passivamente e a gestire in autonomia tutti gli sbarchi e i richiedenti asilo che si avvicinavano alle proprie coste. Ma con il Governo Conte l’Italia▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare