pubblicato il

Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Mercoledì 13 giugno, un giorno importante per l’Unione Europea che ha festeggiato il primo anno dalla firma della “Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica”, o più semplicemente detta “Convenzione di Istanbul”. Questo documento costituisce il primo vero strumento internazionale che considera la violenza sulle donne come una violazione dei diritti umani e una forma di discriminazione.

convenzione di istanbul contro la violenza sulle donne

La mia partecipazione alla Commissione FEMM, che si occupa proprio della tutela della donna e dell’uguaglianza di genere, mi fa sentire particolarmente vicino alla tematica. Per questo motivo, ci tengo a raccontarvi più nel dettaglio di cosa tratta questa importante Convenzione.

Introduce, innanzitutto, nuove tipologie di reato come le mutilazioni genitali femminili, il matrimonio forzato e lo stalking, che vanno inserite negli ordinamenti giuridici di ciascuno dei Paesi firmatari. Questi ultimi verranno anche ritenuti responsabili se non sapranno garantire adeguate misure a prevenzione della violenza.
Gli obblighi che la Convenzione impone si possono riassumere nelle tre P: prevenzione, protezione e persecuzione degli autori.
Attraverso la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e l’educazione fin dal periodo scolastico all’uguaglianza di genere, si vuole prevenire tutti gli atteggiamenti che possono sfociare in azioni e atteggiamenti violenti nei confronti delle donne.

La seconda azione che gli Stati sono chiamati a mettere in atto è quella della protezione. In particolare si fa riferimento all’adozione di misure per andare incontro ai bisogni e alla sicurezza delle vittime, garantendo un sostegno medico e psicologico, nonché centri di accoglienza e linee telefoniche destinate all’assistenza.
La persecuzione degli autori di violenza è il punto finale del documento. Prevede che sia applicata la giusta pena nei confronti dei responsabili di questi terribili atti con una risposta immediata da parte delle forze dell’ordine. Allo stesso tempo, è necessario provvedere a proteggere le vittime degli abusi nel corso delle indagini. Si impone, inoltre, di accertarsi ed eventualmente impedire che motivi culturali o religiosi possano essere giustificazione di violenza.

Così facendo, la Convenzione invia un messaggio molto chiaro per indicare che la violenza contro le donne e la violenza domestica non devono essere considerate un fatto privato. Al contrario, per sottolineare l’effetto particolarmente traumatico dei reati commessi in ambito familiare, la condanna può essere più severa verso l’autore di atti di violenza contro la moglie, la compagna o un membro della famiglia.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Se lo diciamo, lo facciamo!

Il contatto e la presenza costante sul territorio, fin dai tempi dei gazebi nelle piazze agli albori del Movimento 5 Stelle, ci hanno permesso di raccogliere le voci e le proposte dei cittadini e portarle con noi all’interno delle istituzioni a qualsiasi livello. Ora, dopo sette mesi di Governo, possiamo cominciare a raccontare quanto fatto▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Reddito di Cittadinanza: lo Stato vicino alle persone

Ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato il Reddito di Cittadinanza e la Quota 100, raggiungendo una tappa davvero fondamentale. Infatti, sono due misure che costituiscono un grande progetto di politica economica e sociale e vanno a rispondere agli impegni che il nostro Governo ha preso fin dall’inizio con i cittadini e che il Movimento▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Come funziona il Reddito di Cittadinanza?

Dopo anni di battaglie in Parlamento il Reddito di Cittadinanza diventa realtà anche in Italia. Una rivoluzione felice: da ora lo Stato non ti chiede, ma ti dà. Una grande vittoria, non solo per il Movimento 5 Stelle, ma per tutto il popolo italiano, soprattutto per le 5 milioni di persone che momentaneamente si trovano▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Al via le Europarlamentarie del M5s

Sono ufficialmente partite le europarlamentarie! Venerdì 29 marzo gli iscritti potranno valutare e scegliere gli aspiranti Portavoce che correranno per il prossimo Parlamento europeo. Tra i candidati del Friuli Venezia Giulia ci sono anche io: ho scelto di rimettermi a disposizione di tutti voi che mi avete sostenuto e ancora oggi mi siete vicino, e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare